20°

34°

Arte-Cultura

Un mistero chiamato natura

Un mistero chiamato natura
0

di Gianni Cavazzini
La presenza di Goliardo Padova (1909-1979) nel contesto della pittura italiana del '900 si configura ora, a distanza di trent'anni dalla scomparsa, nella densità espressiva di un'inimitabile esperienza umana e, insieme, artistica.
L'occasione di una verifica viene dalla mostra di «opere scelte» che s'inaugura oggi alle 17,30, negli spazi  de «La Correggio Cornici» di Roberto Rabaglia (via Capelluti 5/c, aperta sino al 30 maggio). Nelle carte e nei dipinti qui esposti si specchia infatti tutto il percorso di una vita  d'artista sempre contesa fra le ragioni chiare e concrete  dell'esistenza e le aspirazioni di quel miraggio inesausto  che solo la pittura può dare a chi la scelga come valore primario del vivere.
E' quel che ha fatto Padova nel corso  del suo viaggio intrepido fra le insidie parallele dei due mondi in cui si esprimeva la sua presenza: quello (che a Padova appariva difficile e spesso ostile) degli obblighi sociali,  delle prospettive di carriera, del cosiddetto  successo e quello della realtà di natura (in cui l'artista  si trovava a suo agio, specie quando veniva a contatto con la vita, brulicante e misteriosa, che, ai suoi occhi, scorreva  al di sotto delle apparenze rugose del visibile). Così, in una tensione continua di umanità e di natura, si è formato un «mondo poetico» che, a ben guardare, nel caso di Padova, non impresta da nessuno, anche se, a chi guarda,  pare attraversato dalle tante esperienze che il '900 ha bruciato sugli altari della «pittura parlata».
Ed eccoli i momenti in cui si può racchiudere la straordinaria vicenda  creativa di Goliardo Padova: le giovanili applicazioni grafiche degli anni di studio (prima all'Istituto d'Arte  di Parma con Guido Marussig e Gino Robuschi  e poi all'Accademia  di Brera, in decorazione sotto la guida autorevole di Giuseppe Palanti); le sperimentazioni chiariste degli anni Trenta interrotte dall'intermezzo convulso  e appassionato del movimento antifascista di «Corrente»; la deportazione  in Germania, seguita, nell'immediato dopoguerra, dai dubbi e dalle incertezze lasciate in lui dagli orrori del «lager», e, infine, il periodo ultimo, con l'inesausto viaggio condotto, sino alla morte,  a contatto di respiro con la pulsante realtà  del mondo di natura.
Il primo campo di analisi che consente di ricostruire il metodo di lavoro di Padova è dato dalle opere su carta: disegni, tempere, gouaches portano i segni delle  emozioni  prime, di una sostanza attinta al fondo di certe lanche del Po, tra i tronchi neri o nell'occhio immobile delle burrasche padane. Si profila così, nella fase più matura, dell'attività  di Padova, la definizione di un rapporto rigoroso con la struttura meno  apparente del paesaggio: si annuncia in  questi lavori un risalire ai miti della terra padana, verso  una figurazione misteriosa e inquietante. Gli uccelli segnano l'aria con l'impronta folgorante del loro volo e suscitano memorie drammatiche nella storia del grande fiume.
In alcuni dipinti di piccolo formato esposti alla «Correggio» il discorso assume accenti corruschi: le sensazioni traspirano l'alito allarmato di una terra e di una natura che si oppongono  risentite alle violenze crudeli della civiltà moderna.
Padova raccoglie con la sua pittura il respiro declinante di una realtà che muore. La storia di Padova - come già si è detto - era iniziata molti anni prima, a Milano in ambito chiarista, per addensarsi  poi nelle inquietudini della materia e del colore di «Corrente». Due poetiche che l'artista si era portato nel cuore durante  il transito della guerra per mischiare insieme negli anni della  speranza.
Era seguito un periodo di tormentato silenzio,  prima che (fu Roberto Tassi a fissare la data del 1958) esplodesse la tensione espressiva che Padova aveva lasciato  bruciare, a fuoco lento, sotto la cenere del suo esistere.
Ed ecco che la materia densa e aggrovigliata rinserra nelle fibre della tessitura cromatica gli impulsi germinativi del mondo di natura. In tal modo la storia artistica di Padova accende un rapporto a contatto di respiro con la sostanza organica della materia vivente: la distanza dal reale si attenua e si consuma sino ad abolire, in un affondamento progressivo, la stessa visione spaziale del paesaggio. E' il pittore che s'immerge nelle spire avvolgenti di una natura percorso da forze oscure e minacciose.
Si svela ora, alla distanza critica di un trentennio dalla scomparsa, tutta l'originalità di un rapporto nutrito di sensazioni e scandito sui grandi cicli vitali che vedono protagonisti gli uomini, le stagioni, la terra e il cielo. Ed è Goliardo Padova che esplora questa realtà con la dedizione totale dei «chiamati alla pittura».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

elefantino che rincorre gli uccelli

natura

L'elefantino che rincorre gli uccelli Video

Daniel Day-Lewis (60 anni): "Basta film vado in pensione"

Hollywood

Daniel Day-Lewis (60 anni): "Basta film vado in pensione" Foto

Maxi murale a Rio de Janeiro: è pronto per il Guinness

record

Maxi murale a Rio de Janeiro: è pronto per il Guinness Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Si fa presto a dire Lambrusco

"ROSSO FRIZZANTE"

Si fa presto a dire Lambrusco. Lo speciale

di Chichibio

Lealtrenotizie

Consiglio dei ministri: stato emergenza a Parma e Piacenza per crisi idrica

siccità

Consiglio dei ministri: stato emergenza a Parma e Piacenza per crisi idrica - Caldo in aumento (Video)

Pomodoro in difficoltà: preoccupati agricoltori e trasformatori (Leggi)

SALA BAGANZA

Le fiamme divorano il deposito di una disossatura: due vigili del fuoco feriti Video

Salvata la fabbrica vicina. Dipendenti al lavoro nello stabilimento produttivo 

Gaione

Ladri in camera da letto, anziana finge di dormire

4commenti

via della salute

La banda degli scooter torna in azione. Ma stavolta è costretta a fuggire Foto

6commenti

tg parma

La città vissuta su una carrozzina: Scarpa e Pizzarotti in giro con Anmic Video

coppia

Celebrata la prima unione civile a Castelnovo Sotto: Andrea è di Parma

SPETTACOLI

Il «Sogno» inaugura l'Arena del Due

GIOVANI

Servizio civile, pochissime adesioni e il bando sta per scadere

3commenti

Paura

Fidenza: incendio in un appartamento, cinque intossicati

tragedia

Sorbolo: 40enne muore dopo una partita di calcetto Video

parma

Cercano di scipparla sul Ponte Italia: 20enne ferita

3commenti

gazzareporter

I topi d'auto stavolta scelgono via Abruzzi

SONDAGGIO

Nel Parma in B preferireste rivedere Cassano o Gilardino? Votate

11commenti

I COMMENTI

Maturità, la prima prova? «Fattibile. Matematica e quizzone sono le bestie nere»

BEDONIA

Estate, risorgono i paesi disabitati

1commento

PARALIMPIADI

Ciclismo, la nuova sfida di Righetti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Da Romano», qualità a conduzione famigliare

di chichibio

ITALIA/MONDO

teramo

Dottoressa accoltellata a morte: il presunto killer si è ucciso

mafie

La Dna: 'Ndrangheta stabile in quasi tutte le Regioni.E in Emilia patto con altre organizzazioni criminali"

SOCIETA'

GUSTO

I tortelli diversi: ecco le ricette

1commento

la ricetta

La ricéta p'r i tordéj d'arbètta in djalètt Pramzàn

SPORT

tg parma

Il Parma in ritiro a Pinzolo dal 20 luglio al 3 agosto Video

Moto

Max Biaggi resta in ospedale, altra operazione

MOTORI

novità

Volkswagen Arteon, salutate l'ammiraglia

TECNOLOGIA

L'auto? La proveremo sul divano. Parola di Ford