Libri

Narrativa italiana ricchezza infinita

In «Racconta il Novecento» un'approfondita analisi degli autori e delle correnti letterarie

Guttuso -  Ritratto di Moravia

Guttuso - Ritratto di Moravia

0

 

E'stato pubblicato un ponderoso volume de «l'illuminista» (n.ro 34, 35, 36 anno XII) dedicato a «Italo Calvino negli anni Sessanta» Ponte Sisto editore in Roma, proprio nei giorni in cui arrivava in libreria anche «Racconta il Novecento» (Rizzoli editore) di Walter Pedullà che dirige la rivista romana. Doppio appuntamento dunque dello studioso calabrese, allievo e poi successore all'Università di Roma, del suo maestro Giacomo Debenedetti: doppio e quanto mai importante appuntamento, inoltre, sul tavolo di quel Novecento che Walter Pedullà ha arato tante volte con lodevole e acuta acribia critica e che, in particolar modo per merito suo, torna e ritorna in un originale e sempre affascinante itinerario a sollecitare i nostri interessi. «Racconta il Novecento» raccoglie in parte scritti già in altri volumi di Pedullà ospitati, ma propone anche gli appuntamenti che son da sempre a lui cari, i suoi «nomi» potremmo dire, da Svevo a Palazzeschi, Bontempelli, Savinio, Gadda, D'Arrigo, da Debenedetti, sempre presente, a Saba, Flaiano, Campanile, Fenoglio, Manganelli, Malerba; insomma, questo «suo» Novecento che parla, che irride, che ironizza, che dice e disdice. Un Novecento di mezzo, potremmo aggiungere, cui ora si somma il «Calvino negli anni Sessanta» con saggi editi, inediti e di critica militante molto ben organizzati. Così come nelle tante pagine di «Racconta il Novecento» s'incanalano contributi, rilevazioni, riscritture e nuove proposte che in Pedullà son sempre legate a quel suo intendere il secolo: «Il Novecento, per via dei vari sperimentalismi, abbonda di testi complessi che sono leggibili solo per lettori complessi. Tale processo di occultamento dei significati culmina con l'ermetismo, linguaggio che registra l'impossibilità di sapere la verità e perciò tende a suggerirla lungo un processo che in età moderna ha inizio nel barocco e che in area del romanticismo tedesco ha perseguito la condizione della musica». Ma poi si va oltre, nel gran mare del Novecento dentro il quale il metodo di navigazione di Pedullà non teme confronti, né di autori, né di risultati. Il rileggere di Pedullà è ad ogni pagina una rivelazione; per esempio il quarto capitolo della seconda parte «Nella post-avanguardia il fantastico è surreale, il comico è assurdo, il realismo è magico». Prende corpo qui l'avventura della «Ronda» e dei rondisti, tra prosa d'arte e romanzo; tra «bella pagina» e pagina di racconto: insomma, un poco l'avventura di «Solaria» anche, e quella dei reduci dagli anni della prima Grande Guerra. «E allora - scrive Pedullà - sarà la vita quotidiana la madre della narrativa del surrealismo, del realismo magico e di ogni epifania. Il monolinguismo può scendere dal declamato alto dannunziano a un italiano che non si dà arie di grandezza? Bontempelli, Alvaro, Moravia, Malaparte, Ortese, Morante usano una lingua su cui non ti arrampichi. Toccherà piantare chiodi e aggrapparsi per salire». Restiamo, seguendo la metafora, in quota. Pedullà ci convince: da una parte, gli scrittori appena più sopra citati, ma sull'altro versante s'affacciano Borgese, Tozzi, il primo Gadda, Baldini, Savinio di «Casa La Vita» e da questo «insieme» affascinante nasce il romanzo moderno che più moderno non si può. L'analisi di Pedullà ricompone, dunque, quella frattura che indebitamente e scioccamente fu operata dopo il '45, quando ci si disse che prima c'era stato ben poco e quel poco tutto «fascista», tanto per non voler e saper spiegare niente. «De malo bonum», quindi, per noi, per una giusta ed equilibrata storia letteraria del Novecento italiano, che Pedullà ricompagina di capitolo in capitolo non per sintesi - perché nessuna pagina sua è da manuale! - ma per convinta necessità di chiarezza con l'invito al confronto e, soprattutto, alla rilettura che ci porta direttamente dentro i nostri anni, a ieri, a oggi e alla necessità di capire e di capirci poiché «Racconta il Novecento» come, del resto, gli altri, e tanti ormai, libri di Pedullà, da «Lo schiaffo di Svevo» ('90) a «Il Novecento segreto di Debenedetti» ('04), da «Le armi del comico» ('01) a «Per esempio il Novecento» ('08) riassumono e dilatano allo stesso tempo la opportuna occasione d'analisi e di rivelazione di un secolo letterariamente importantissimo e dei suoi autori, non riducendosi mai ad una sia pur intelligente sistemazione della materia, ma invece districandola ancora, ridiscutendola e dandole nuove voci, immettendovi nuovi testi, riprendendo motivi di discussioni passate per farne riaffiorare le potenzialità di discussione e di verifica lungo il passare degli anni: che è il vero compito della critica letteraria.
Racconta il Novecento
Rizzoli, pag. 533, 16,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)