13°

30°

cultura

Ricordo - Pier Luigi Bacchini, un artista in bilico tra poesia e preghiera

La commovente e colta omelia con cui don Gianni Torri ha salutato il grande autore parmigiano

Pier Luigi Bacchini

Pier Luigi Bacchini

0

Domenica 5 gennaio è scomparso il poeta Pier Luigi Bacchini.
Venerdì 10, nel corso della cerimonia funebre nella chiesa di Valera,  
il parroco di Medesano, don Gianni Torri,  
lo ha ricordato con questa commovente omelia.

 

In principio c’è amore! In principio c’è relazione d’amore Padre-Figlio e Spirito Santo! Il Verbo, la Parola si è fatta carne e ha posto la sua tenda in mezzo a noi. E’ il Vangelo, la bella notizia che ci è stata proposta in questi giorni di Natale. In Lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre e fa chiarezza dentro di noi: ci dice chi siamo, figli amati, da sempre e per sempre; dove stiamo andando: all’abbraccio eterno: “aspamòs” – alla fine, il fine è l’abbraccio – bellissima è l’icona della Trinità di Rublev in cui siamo invitati a “danzare” la vita. Niente potrà mai separarci dall’amore di Dio per noi! La luce fa chiarezza fuori di noi e tutto divente epifania di Dio! ( Epifania: “…i giri striati dei miei polpastrelli scoprono muschi dentro le fenditure e questo tenebrore è tutto vegetante vita…”), scrive Bacchini in una sua poesia.
Oggi è un giorno Natalizio per Pier Luigi Bacchini!
“Ti ringrazio, o Padre, dice Gesù, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e ai dotti, e le hai rivelate ai piccoli…”.
Sì, occorrono gli occhi dei bambini per contemplare l’incanto della natura; stupore, meraviglia, contemplazioni pneumatiche: è proprio del bambino “contemplare i voli felpati di tiepide farfalle, ammirare le nervature delle foglie, i grassi gerani, gli insetti neri e d’oro, i narcisi e gl’iris, i lombrichi che ingurgitano la sotterranea morte e defecano vita, il bene vince sul pianeta”.
Bacchini, coniugando poesia e scienza, energia e materia che rientra nell’eterno, ritrovandosi come dice un suo testo “bambino e vecchio: meravigliosa sintesi malinconica”, ci aiuta a dilatare la nostra coscienza del cosmo. “Il cristiano riconosce come una sua funzione specifica”, scrive Teilhard de Chardin, “la divinizzazione del mondo in Gesù Cristo…. il cristiano cerca Dio, e Dio solo, attraverso la realtà della creature… e l’universo vive in Lui”.
L’altro ieri, salendo da te Camillo (il figlio di Pier Luigi, ndr), nella vostra casa che si protende come una balconata sulla pianura, sotto quell’abete che ti protegge come una cupola, ho pensato che diviene naturale l’incanto, assolutamente… sa sei un grande poeta. Nella “consapevolezza d’una sostanziale fraternità cosmica dell’uomo con il sasso, con la pianta, con l’animale”, come ha scritto un amico. E come affrontare la “terribile concretezza del mondo”? “Nella mia poesia”, risponde Bacchini, “non riesco a pensare a un Dio immobile con un sorriso sempiterno; ma, alternativamente lo immagino come un tremendo artefice, che nel suo progetto ha incluso, quali rimedi, potenti forze meccaniche della materia, che lentamente conducono alla legge del bene. I miei versi sono pieni di colore, materici e plastici, dunque concreti; ma, nell’interno, hanno sempre una tensione spirituale”.
Aveva preparato con scrupolosità il suo addio: un mese fa mi ero recato da lui, in occasione del Battesimo della nipotina Anna, e aveva voluto riconciliarsi con il “Sempiterno”, con una delicatezza di coscienza ammirevole, anche per me sacerdote.
Gli ultimi “Precetti” per Camillo sono indicativi: “Tu, Camillo, porta gli abiti, e le corone e i profumi e intona il coro… e ascoltaci come echi”, e poi silenzio…
Grazie Bacchini: la sua poesia è per me preghiera, breviario quotidiano: Benedite opere tutte del Signore, il Signore; benedite acque tutte, sole e luna, stelle del cielo, piogge e rugiade, o venti tutti, rugiada e brina, gelo e freddo, ghiacci e nevi… benedite il Signore!
Nuovo cantico delle creature. Al mattino, aprendo la mia finestra che si trova alla stessa latitudine della sua casa, mi lasciavo possedere, come se respirassimo insieme e liberavo il mio canto quale custode del Creato, come ci invita Papa Francesco, per custodirci gli uni gli altri.
Grazie! Addio – vai con Dio, poeta.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza sulla Pietra di Bismantova: ferito 25enne di Parma

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

4commenti

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere: c'è chi parla di scelta azzardata

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

SEMBRA IERI

Sembra ieri: via Farini affollata di autobus (1998)

traffico

Autovelox: i controlli fra il 29 maggio e il 1° giugno

1commento

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

salso

Terme, via libera alla liquidazione

Autostrada

Incidente e traffico intenso: code in A1 e in A15 in serata

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

PARMA

Gag, solidarietà e... abbracci gratis: i clown di corsia in piazza Garibaldi Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover