22°

34°

Arte-Cultura

Profezia sociale ed eros: torna «La Califfa» di Alberto Bevilacqua

Profezia sociale ed eros: torna «La Califfa» di Alberto Bevilacqua
0

di Giuseppe Marchetti
È un inizio diventato famoso: «Si fa presto a dire: quella è una slandra, una donna da rifiuti. Ti mettono la croce addosso e addio, poi fanno le orecchie del sordo». 
 Era il 1964, Rizzoli pubblicò «La Califfa» del parmigiano Alberto Bevilacqua, che ora Einaudi lodevolmente ripropone. E quel titolo piacque, divenne un modo di dire, si fece largo tra la folla dei romanzi che covavano sotto la cenere del realismo la loro fragile entità di storie. Questa no. Il giovane Bevilacqua trentenne la caricava di un sapore nuovo, profetico si disse.
Non era una facile profezia, comunque, era semmai un credere disperato all'istinto del tempo, una festa di toni e di ingiunzioni sentimentali che violavano la consuetudine di quegli anni già così presuntuosi di sé, del benessere e del consumo che diventavano la moda da seguire a ogni costo.
«La Califfa» è, in fondo, anche un intenso romanzo d'amore: lo si vide meglio quando Bevilacqua ne trasse una sceneggiatura per il proprio film con Ugo Tognazzi e Romy Schneider, ma fra queste pagine s'annida una novità che supera di molto le figure e i caratteri dell'Irene Corsini «slandra» e di Annibale Doberdò. È la novità che l'autore stesso  ci sottopone: «Annibale Doberdò divenne il simbolo vivente di una categoria sociale che il fascismo doveva arricchire, senza poi travolgerla nel suo crollo, che i preti dovevano benedire anche nei suoi peccati e alla quale la guerra doveva offrire, nel desolato deserto, i fiori amari della speculazione».
Dunque, una novità politica e sociale ancor prima che letteraria, la quale poi nell'alternarsi della prima e della terza persona durante lo svolgimento del racconto concepiva e restituiva un naturalismo psicologico fine e disincantato quale forse più Bevilacqua raggiunse nelle opere successive dominate da altre preoccupazioni di contenuti e di stili descrittivi. In quegli Anni Settanta, tra «Memoriale» di Volponi e «Le furie» di Piovene, «I racconti» di Delfini e «Il male oscuro» di Berto, «La cognizione del dolore» di Gadda o «L'attenzione» di Moravia, Bevilacqua infila l'oggetto ansioso della sua protagonista e il significato di un comportamento sociale, politico e sentimentale che Calvino avrebbe qualche anno dopo definito come neoespressionismo agli albori della rivoluzione industriale.
Rivoluzione che però Bevilacqua riconduce non ai massimi fattori dell'impegno e degli elementi storici, bensì ai segni costitutivi della città, di una Parma gagliarda illuminata tra i borghi e le strade, sul maneggio del parco che guarda i balconi di palazzo Doberdò, sui «celerotti inchiodati davanti ai cancelli», sulla povera Clementina Doberdò, sul Gazza al quale il commendatore ingiunge: «La sua dignità sta nell'ascoltare e nel lavorare sott'acqua...», e infine sull'indimenticabile Viola.
Costruito per spazi molto stretti e doppiamente legati, il romanzo conserva drammatica, mentre la pronuncia narrativa si semplifica in suggestione del parlato che la felicità carnale di Doberdò declina agevolmente e la sensualità della Califfa nobilita con un sorriso e una smorfia unite da «una purezza di fondo»  che Bevilacqua fa risaltare con avvincente passione di uomo e di romanziere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

Fabio Fazio, in una foto d'archivio

Tv

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Siccità mai così grave dal 1878

EMERGENZA

Crisi idrica mai così grave dal 1878 (La mappa della siccità)

Il ministro: "Dobbiamo aumentare i bacini" - Leggi

traffico intenso

Autocisa: coda di 9 km ad Aulla verso il mare

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

1commento

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

L'INTERVISTA

Cassano: «Parma vorrei riportati in A»

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Tg Parma

Samboseto, 75enne esce di strada e muore Video

polizia

Minacciato con coltello, sequestrato e rapinato in stazione: in carcere due dei tre aggressori Video

8commenti

mercato

Cassano: "Vorrei riportare il Parma in A" Audio Faggiano: "Fantantonio qui? Non lo escludo" Video

5commenti

Protezione civile

Ondata di caldo: allerta "arancione" fino a domenica - I consigli - Video

3commenti

Anteprima Gazzetta

Domenica il voto, appello a recarsi alle urne

teatro

Debutto sold out per l'Arena Shakespeare (Teatro Due) - Gallery

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Maturità, temi lontani dalla realtà della scuola

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

cina

Frana, 141 persone sepolte vive

TORINO

Terrorismo: fermata presunta foreign fighter italiana

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

Moto

Ultime libere ad Assen, Rossi secondo

Calcio

Messi, convertita in multa (455 mila euro) la condanna per frode fiscale

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

SERIE SPECIALE

695 Rivale Abarth: lo scorpione sullo yacht...