22°

34°

Arte-Cultura

Arena del Sole, omaggio al Cigno

Arena del Sole, omaggio al Cigno
0

di Stefania Provinciali

Dalla memoria alla realtà: torna a splendere l’Arena del Sole a Roccabianca, luogo mitico di una comunità ma anche espressione di una storia parmigiana fatta di passioni, delusioni, amore, di sogni infranti dalla guerra, di odio e recriminazioni. Le storie, in effetti, che ancor oggi si incrociano all’Arena del Sole sono due, quella del monumento a Verdi e quella di un cinema - teatro di provincia, espressione della vita di una comunità a partire dall’immediato secondo dopoguerra, quando la voglia di ricominciare si faceva sentire in maniera tangibile. Il restaurato teatro verrà inaugurato sabato, 25 aprile, alle  16,30 dal sindaco di Roccabianca, Giorgio Quarantelli, dal presidente della Provincia, Vincenzo Bernazzoli e da Carlo Gabbi, presidente della Fondazione Cariparma. Concluderà la manifestazione un concerto lirico- vocale della «Corale G. Verdi» di Parma.

Le storie che si intrecciano e che attraversano quasi un secolo, quello appena trascorso, si possono far partire dalle nove statue verdiane che «s'incamminarono» per Roccabianca dopo la duplice distruzione, dei bombardamenti alleati e dell’allora sindaco pro tempore di Parma, Mario Bocchi che, in clima di Liberazione, scelse di distruggere il monumento. «S'incamminarono» verso quel cinema-teatro di provincia nuovo di zecca per assaporare un riconoscimento forse mai avuto. Diviso fra Parma e Roccabianca, il dottor Enzo Tomasinelli, medico dentista, aveva raccolto il desiderio di modernità che aleggiava nel paese a ridosso del grande fiume e deciso di costruire nel cuore del paese un’arena all’aperto per rappresentazioni teatrali e musicali, poi coperta per diventare anche cinema e luogo d’incontri, da cui passarono i sogni di melomani, cinefili ed appassionati di serate danzanti. La realizzazione fu affidata all’Impresa Cacciali, di lunga e gloriosa tradizione. Il 29 settembre del 1946, con la rappresentazione del «Barbiere di Siviglia» di Rossini ed il canto del famoso baritono della Bassa, Rinaldo Pelizzoni di Sissa, avvenne l’inaugurazione di quello che per circa un trentennio fu il luogo simbolo di una vasta parte del territorio della Bassa. Ma ciò che rese e rende unico il teatro di Roccabianca e lo vede ancora oggi testimone e custode di un passato che appare irrimediabilmente consegnato alla storia, è la presenza all’interno di ben nove statue del monumento innalzato dalla città di Parma a Giuseppe Verdi, opera dell’architetto Lamberto Cusani e dallo scultore Ettore Ximenes, inaugurato nel febbraio del '22. Il dottor Tomasinelli fece recuperare le statue meno danneggiate dalle macerie. Un lavoro non facile poiché ogni statua di cemento fu un viaggio: nove volte avanti e indietro da Parma. Giunte a destinazione le fece risistemare e collocare nel «suo» teatro, racchiudendole in una triplice cornice in tubo di ferro a sesto acuto, testimonianza del gusto dell’epoca, ma soprattutto dell’affetto e della considerazione che egli nutriva per quei reperti, che orgogliosamente esibiva incorniciati ai fruitori degli spettacoli e delle musiche di quei tempi. Un rifugio tranquillo per «Oberto Conte di San Bonifacio» (con la figura di Cunizza da Romano), «Ernani», «Alzira», «Machbeth», «I Masnadieri», «La battaglia di Legnano», «Don Carlos», «Aida», e la pagina non operistica «Inno di Guerra» che ormai vivevano fra romanze e proiezioni di film quali «Le nevi del Chilimangiaro» o «Il prigioniero di Zenda», destinati a portare nella Bassa sogni, amori e avventure d’Oltreoceano.
La crisi del cinema e la progressiva decadenza economica del paese di Roccabianca, che perse negli anni il suo ruolo di riferimento per i comuni vicini, col venir meno dei suoi tre teatri (l'Arena del Sole, il teatro Bocelli e la sala popolare Gregori) e della ricca biblioteca, segnarono anche la fine dell’Arena del Sole, ultimo testimone superstite del mondo culturale del paese, che, ridotto a magazzino di mobili e quindi a «palestra» per piccole attività sportive, venne definitivamente chiuso dall’anno 1995. Nel corso del 2006 l’Amministrazione Comunale ha definitivamente acquisito l’Arena del Sole al patrimonio pubblico, avviando poi il recupero che ha visto il fondamentale sostegno della Fondazione Cariparma, unito a quello del Comune di Roccabianca e della Regione Emilia Romagna con la volontà di promuovere il paese e restituire dignità ad architetture e luoghi apparentemente perduti ma ancora leggibili e carichi di valori. I lavori hanno interessato la messa a norma degli impianti, il recupero ed il restauro delle statue, il rifacimento degli arredi e degli impianti scenici. E’ stata ridisegnata l’aula con 324 posti a sedere, è stato realizzato un foyer ed un ridotto al primo piano. Oggi l’«Arena del Sole», con la sua storia affidata in primo luogo alla memoria ma anche alla testimonianza visiva di quel che resta di uno stralcio di storia verdiana, è stata paragonata all’«araba fenice» che ha ripreso il volo così da aprire un nuovo capitolo all’ombra delle grandi statue figlie del melodramma.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

Fabio Fazio, in una foto d'archivio

Tv

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

2commenti

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

francia

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Siccità mai così grave dal 1878

EMERGENZA

Crisi idrica mai così grave dal 1878 (La mappa della siccità)

Il ministro: "Dobbiamo aumentare i bacini" - Leggi

vacanze

A1, traffico intenso tra Piacenza-Fidenza. Ad Aulla sull'Autocisa la coda ora è di 7 km

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

1commento

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

L'INTERVISTA

Cassano: «Parma vorrei riportati in A»

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Tg Parma

Samboseto, 75enne esce di strada e muore Video

polizia

Minacciato con coltello, sequestrato e rapinato in stazione: in carcere due dei tre aggressori Video

8commenti

mercato

Cassano: "Vorrei riportare il Parma in A" Audio Faggiano: "Fantantonio qui? Non lo escludo" Video

5commenti

Protezione civile

Ondata di caldo: allerta "arancione" fino a domenica - I consigli - Video

3commenti

Anteprima Gazzetta

Domenica il voto, appello a recarsi alle urne

fiamme gialle

Guardia di finanza: in 5 mesi scoperti 20 evasori totali. Tutti i numeri della Gdf

Durante la cerimonia del 240° della fondazione del Corpo 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Maturità, temi lontani dalla realtà della scuola

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

cina

Frana, 141 persone sepolte vive

Lutto

E' morto il giurista Stefano Rodotà

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

Calcio

Messi, convertita in multa (455 mila euro) la condanna per frode fiscale

calcio

Rivoluzione: la U20 cinese giocherà la serie D tedesca

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

SERIE SPECIALE

695 Rivale Abarth: lo scorpione sullo yacht...