Arte-Cultura

Una tazzina di raffinatezza

Una tazzina di raffinatezza
0

di Rita Guidi
Non preoccupiamoci di chiedere quanto zucchero. Chiediamoci, invece, quanta storia sorseggiamo distrattamente inghiottendo al volo la puntuale tazzina di caffè... Perché assaporiamo, forse, le millenarie leggende che narrano il mistero delle bacche rosse dell’antica oasi di Kaffa? O avvertiamo la fragranza lenta di un rito che esigeva il contorno di un luogo e di una (intera) società? Macché! Il nostro è ormai un caffè macchiato dalla fretta, allungato da banconi di bar che (spesso e volentieri) scoraggiano l’abbandono al relax e alla chiacchiera. Una faccenda ristretta, coi minuti contati. Nulla a che fare con l’aroma di luoghi eleganti e velluti rossi. Parole e presenze che si accomodavano ai tavoli mescolando i propri nomi a quelli della storia.  Dal Settecento al secolo scorso, i Caffè hanno scaldato il risveglio culturale e sociale di tante città. Tanto che occorrono duecentocinquanta pagine in grande formato, per raccontarne (da questa prospettiva) una: «Milano al caffè» di Riccardo Di Vincenzo, una delle firme di questa pagina. Un volume straordinario per cura grafica, prezioso di rare illustrazioni appena pubblicato da Hoepli, che rintraccia in un grande affresco la storia di un tempo attraverso un luogo, anzi, una tazzina. Un’operazione accurata e complice, che l’autore - firma da tempo cara e nota alle pagine di questo giornale - compie con cura partecipe e ricerca attenta.  Dal cammino lento, col quale l’orientale bevanda è giunta fino a noi, al gioco vivace dei nomi che si sono susseguiti nel segnare le mete più prestigiose, i più celebri appuntamenti della città, Di Vincenzo rintraccia e racconta aneddoti e vicende. Fruga paziente in archivi pubblici e privati. Ci regala il piacere di dagherrotipi curiosi, mitici, nostalgici, buffi. C'è il nostro Verdi a passeggio: barba, cilindro e dietro le spalle il caffè Cova... C'è l’accigliato Marinetti, tra fogli e riviste, al tavolo dei «suo» Savini... C'è una folla anonima, in posa di fronte all’angolo di un bar nel 1920, che è una splendida pagina di vita (gentiluomini con la bombetta, robuste giovanotte, bambini in calzoni corti...) stesa sull'elenco di vini e liquori stampati sulle vetrine come pubblicità.  Del resto è proprio questo un altro pregio del libro. Attraversare la soglia del mito senza accontentarsi: i celeberrimi salotti dell’intellighenzia milanese, quindi, ma sempre seguendo il profumo del caffè. Quello che giunge, tra diffidenze e inquietudini (lo si vendeva in farmacia!), in Europa, alle soglie del Settecento; quello che vendevano, percorrendo piazze strade col loro carretto, i «genoeucc», chiamati forse così perché gli avventori, in mancanza di panche, si sedevano su un vicino gradino e tenevano la tazza in bilico sulle ginocchia. Quel caffè, insomma, che davvero bagna le labbra ai mutamenti sociali di una città intera e la attraversa tutta, nella sua dimensione pubblica come nella ritualità quotidiana.  E dove Milano profumava di più se non laddove si macinavano idee e mode nuove? In Galleria... Attorno ai teatri o alla Scala...Vicino alla magia dei cinematografi o ai colori di Brera... Non è un caso che gran parte dei dieci capitoli del libro uniscano luoghi ai luoghi, i caffè alle piazze più frequentate e celebri. Con un’eccezione. I caffè letterari. Che nascono come semplici caffè e diventano «letterari» per l’ingrediente imprevisto e indispensabile di uno scrittore che sistema accanto alla bevanda penna e taccuino. E che bel capitolo, quello dell’inchiostro nella tazzina. Il Manzoni? Lui no. Per troppa fama o scarsa propensione alla mondanità, la sua tazzina la sorseggiava in casa. Ma senza bisogno di ricordare il giornale «Il Caffè», che fu il manifesto dell’illuminismo lombardo, il Caffè Gnocchi, il Martini o l’Hagy furono i ritrovi degli Scapigliati, e più avanti di un (sempre) crescente numero di giornalisti. Il tempo, del resto, corre con le rotative. E a chi va di fretta si addice assai più il bancone di un bar, un occhio all’orologio e magari uno alla radio per ascoltare la partita. Il mondo cambia, le carrozze si fermano, le persone corrono. E i Caffè? Chiudono. La Milano da bere non abita più là.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gara a Bologna, "Scrivi un film per Ambra Angiolini"

cinema

Gara a Bologna: "Scrivi un film per Ambra Angiolini" Video

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

feste

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

parma-bassano

Traversa di Ricci, occasione gol con Nocciolini: il Parma inizia in avanti Diretta

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

9commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

4commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

4commenti

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

4commenti

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

bologna

Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

dopo il furto

Ritrovato il cancello del campo di concentramento di Dachau

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

1commento

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery