-2°

10°

Arte-Cultura

L'americana di Parigi

L'americana di Parigi
0

di Gianni Cavazzini

Una straordinaria vita d'artista, contesa fra l'America e l'Europa, animata da stimolanti incontri formativi e tradotta in una  pittura di vivida suggestione, evocativa di una grande stagione  d'arte: quella espressa negli anni del secondo dopoguerra.
E' quel  che, alla storia dell'arte moderna, ha lasciato Joan Mitchell  (Chicago, 1925 - Parigi, 1992), l'artista che viene onorata con una  mostra di intensa materia pittorica allestita a Reggio Emilia nelle  sale di Palazzo Magnani: «Joan Mitchell. La pittura dei Due  Mondi», a cura di Sandro Parmiggiani, aperta sino al 19 luglio,  catalogo edito da Skira.
Un'infanzia e un'adolescenza ricche di occasioni creative: la  madre, direttrice della rivista «Poetry» (che pubblica, tra gli altri,  Ezra Pound e T.S. Eliot), porta Joan a conoscere, in tenera età,  Dylan Thomas e Thornton Wilder, mentre il padre, medico e  artista dilettante, la conduce a conoscere i capolavori dell'Art  Institute di Chicago: Tiziano, Goya, Chardin, Manet, Monet,  Cézanne, Van Gogh, Seurat, Matisse, Soutine, Kandinskij. Così  procede l'età di formazione della giovane artista: con incontri  cruciali, qual è quello, nel 1939, con Oskar Kokoschka, e con  soggiorni fuori degli Stati Uniti, come le estati del 1945 e del 1946  trascorse in Messico, negli studi dei grandi muralisti, Orozco e  Siqueiros.

Sono gli anni dell'Action Painting, della rivoluzione  esplosa con Pollock, che Joan Mictchell accoglie nel suo immaginario creativo prima del suo trasferimento in Europa: che  avviene nel 1948, quando l'artista s'imbarca sulla «Liberty» per  raggiungere Le Havre. La Francia diviene presto la seconda  patria della pittrice, ormai incamminata lungo i sentieri dell'arte  astratta.

Per Joan Mitchell arriva il momento del successo. Nel 1959 è  alla Biennale di Venezia con i grandi dell'espressionismo astratto  (con un rapporto particolare con Willem de Kooning),  nel 1960 si  presenta a Milano (è la prima mostra personale in Europa) con  un importante testo al catalogo di Franco Russoli. E poi è una  sequenza di eventi in Francia e negli Stati Uniti. I grandi musei,  americani e francesi, acquisiscono le sue opere, Joan Mitchell  viene accolta nella ristretta cerchia dei protagonisti maggiori  della stagione dell'espressionismo astratto: con Pollock, de Kooning, Hartung, Tapies, Fautrier.

La mostra allestita a Palazzo Magnani riunisce 46 opere,  anche di ampie dimensioni, provenienti dai maggiori musei  americani e francesi e tali da offrire un'immagine compiuta di  una pittura che ha accompagnato l'intera esistenza creativa  dell'artista. Quelle tracce profonde che solcano le bianche superfici nella tela, sospese in uno spazio di luce e di musica,  sembrano obbedire a un'armonia ritrovata e, nel loro annunciarsi, nel loro rivelarsi, esprimono il sentimento pieno della  gioia e del dolore che avevano accompagnato la loro vita primigenia per tornare a tradurla nella trasfigurazione pittorica.  Nulla, nel lungo viaggio che dalla condizione fisica ha portato  queste tracce nella sfera dell'invenzione artistica, tradisce le  insidie di un processo lento e faticoso, anche quando sembra  frutto di una suprema naturalezza. E' il prodigio dell'Action  Painting con il suo concetto di «rapporto»: inteso come apertura  verso il mondo, di vincolo strettissimo, di vera e propria identificazione con l'esistere. Il far durare un'emozione oltre il tempo  breve della sua apparizione, allorché un elemento esterno – il  cielo, il mare; o una figura, o il suo ricordo, con tutto quanto  l'accompagna – l'accendono. E' questa la vertigine che Joan  Mitchell dischiude nelle sue grandi tele: non ha  sostanza fisica né  deflagrazione psichica, benché di entrambe si nutra, come ogni  atto riconducibile alla sfera misteriosa dell'essere nel mondo.  Solo l'arte può darle forma: anzi l'arte, l'arte moderna, vero similmente è quella sostanza lì, che traduce l'intraducibile, ripristina le vibrazioni dello spirito e la dignità del fisico proprio in  un tempo come il nostro che ha smarrito  l'equilibrio tra l'una e  l'altra dimensione.

Ecco perché la pittura di Joan Mitchell, quale si svela in questa  sua straordinaria mostra, conferma la sua limpida attualità nel  tempo odierno. L'artista americana, che ha filtrato la sua visione  originaria nella temperie parigina del dopoguerra, rivisitando le  esperienze inimitabili di Monet e di Van Gogh, riesce a tra smettere – ancor oggi – le emozioni della sua gestualità informale, sorprese nell'urgenza dell'attimo che si consuma nel  suo stesso splendore. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

rapper

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi

documentari

Oscar: il parmigiano Rosi agguanta la nomination con "Fuocoammare"

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Sessanta cellulari in casa per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

carabineri

Sessanta cellulari per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

2commenti

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

2commenti

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve presidio fisso: ma non di militari" Video

22commenti

big match

Venezia-Parma: sold-out (per i tifosi crociati)

Per chi resta a casa: diretta su Tv Parma (domenica 14.30)

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

1commento

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

6commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di tre donne e quattro uomini: le vittime salgono a 16

gran bretagna

Brexit, la Corte dà torto al governo May: "Voti il Parlamento"

SOCIETA'

salute

I pericoli delle patate «tossiche»

video

La videocandidatura del "Pizza" è social-ironica

SPORT

sci

Valanga rosa: Plan de Corones vince la Brignone, la Bassino 3/a

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto