13°

20°

Arte-Cultura

L'imperfezione amorosa

L'imperfezione amorosa
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Marchetti
Tutta l'opera di Alberto Bevilacqua è intrisa di eros, anzi di  Eros: una divinità.  Lo scrittore l'ha trattato in tutti i modi, ne ha  succhiato il veleno e la dolcezza, l'odore pungente e il fresco  profumo, l'invito al possesso e il risvolto funebre, solenne. Già in «Eros I» di molti anni fa aveva descritto lo svelarsi di  questa umana avventura che domina il mondo come la preghiera  o l'odio degli antichi dei. E ora, con «Eros II», pubblicato da  Mondadori, l'essenza rifiorisce in uno splendido alternarsi di  giochi, pensieri e ricordi. Bevilacqua non si smentisce mai, e in  questo libro che è strutturato per episodi, per segmenti di vita,  per affiorare di personaggi, il suo eros padano, sanguigno, delicato e impertinente allo stesso tempo risente sia dell'immagine  che Boccaccio usava quando lo definiva «resurrezion della carne», sia del sogno a occhi aperti che Bevilacqua stesso più e più  volte consacra nel nitore delle proprie pagine. Le quali, in verità,  son difficili da definire se le si vuol vedere come un libro di  memorie, ma sono altrettanto ardue nel caso che le si pensi come  un romanzo o una serie di episodi e dettagli legati ai desideri  della vita. Dunque: un libro che va letto con il senso vigile del  presente senza mai dimenticare però l'ampio affresco degli anni  che tutti i precedenti libri di Bevilacqua ci hanno offerto, comprese le raccolte poetiche, proprio quelle raccolte che da «Vita  mia» a «Il corpo desiderato» contengono il senso profondo  dell'amore nella più ricca e smagante struttura delle sue sfumature. Due «coscienze carnali» sostanziano questa lotta dello scrittore parmigiano: il grido della terra e il «dialogo di eccitazioni  accese e reciproche». Sull'uno e sull'altro versante Bevilacqua  pone gli accenti che gli sono cari, i temi del confronto con la  natura, l'accesa manifestazione dell'Io, l'improvvisa suggestione  del possesso, la beffa di perderlo, la canzonatura dell'essere   amato che ride e piange, e si defila, o improvvisamente si concede. Accade così in tutti i romanzi di Bevilacqua. Se è impossibile un regesto completo, bisogna pur citare da «La Califfa»  a «Una città in amore», da «L'occhio del gatto» a «La grande  Giò», a «Una scandalosa giovinezza» al già ricordato «Eros I»,  da «Il curioso delle donne» a «I sensi incantati». Tutta una serie  di avventure che fissano via via che scorrono gli anni e gli  inganni, il ciclo di una impossibile ricerca della perfezione amorosa quale segno dei tempi dalla gioventù alla vecchiaia. «Eros II», però, possiede un accento (una qualità poetica,  potremmo dire) che «Eros I» non esibiva. Per accorgersene,  basta leggere «Dialogo con l'amica A.B. sulle fantasie erotiche»  che par scritto, anzi per dir meglio pensato, da Lawrence; c'è un  tono, un'ansia, un generoso supplizio d'attesa in questo racconto  che sembra una favola, ed è invece il  risvolto caldo della realtà  non ancora manifestatasi compiutamente. Cosa che avviene, poi,  in  «L'Eros della vendetta» con la Grande Giò e il Maebo, o nel  breve diario dedicato (consacrato, meglio!) a Romy Schneider e  Jean Seberg, e nel racconto su «L'Eros del sonno, del sogno...» che  in pratica riassume la passione dello scrittore per la carica immaginativa che sta alla base dell'eros. Tutto il mondo di Bevilacqua è intriso fin dall'inizio da questa tensione che ha  anse di  calma, irritazioni nervose, delicatissime sfumature, impeti eroici  e sarcastici risvolti rapidamente risolti in dialoghi di avvincente  effetto. Come in «L'Eros della vendetta» e in «L'Eros dell'occhio  per occhio» dove scorre il sangue ma è un sangue d'amore in un  «mondo a pezzi». In verità, l'arte sottile dello scrittore possiede sia il gusto di  stupire sia il carattere delle più varie sottolineature psicologiche  che ben risaltano tra comportamenti in eterno contrasto evidenziati nelle tante «tentazioni» che filtrano dai luoghi dell'eros  bevilacquiano tormentato e compiaciuto di sé nel medesimo  tempo. Né manca la compassione nel significato etimologico del  termine di un patire insieme, di un rivelarsi insieme e di un vivere  e conoscere insieme. Dice Bevilacqua: «I grandi poeti dell'Eros  hanno, tutti, tenuto un diario. Pagine dolcissime e terribili. Nulla  è inventato». Sembra che davvero sia così, ma a questo punto ci  soccorre la poesia del nostro scrittore, il suo confessarsi, il suo  tentare di rientrare nel ventre materno, quell'annullarsi che è  l'orgoglio di una solitudine prima cercata e poi sprecata: «amore /  che in sé nasconde il mio graffito / come di pianta / millenaria /  l'arenaria per caso». Di nuovo, allora, l'Eros si trasforma in vita,  persino in cronaca, la «nera», la «Pensione Valadier», il giornale,  la «scrittura segreta» e quella «pubblica» cioè il mestiere. C'è  tutto Bevilacqua in questo respiro di cose vissute, e di «coscienze  carnali» che trasudano gioventù, sarcasmo, illusione, i luoghi di  Parma e di Roma filtrati da una saggezza che si guarda dentro  implacabile e pietosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Artaj", osteria moderna all'insegna della tradizione

IL RISTORANTE

"Artaj", osteria moderna all'insegna della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Terzo stop di fila, Parma ko anche con l'Empoli

serie b

Terzo stop di fila, Parma ko anche con l'Empoli

Nocciolini si è fatto parare un calcio di rigore all'8' della ripresa

1commento

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

39commenti

san leonardo

Nel casolare scoperte 5 persone (2 bimbi) e condizioni disumane

7commenti

anteprima gazzetta

Tante truffe, quando i tecnici veri suonano e si trovano una pistola finta

1commento

tg parma

Furgone come ariete: spaccata alla Moto Ducati di Pilastrello

2commenti

tamponamento

Incidente in Tangenziale Nord (via Venezia): in due al Ps Foto

nella notte

Incidente, schianto contro un traliccio in via Langhirano

elettricità

Il guasto è nel campo coltivato: black-out nella zona di Gaione

incidente

86enne in bici urtato da uno scooter in via Baganza: è grave

1commento

annuncio

Parma si candida a capitale italiana della cultura 2020

7commenti

Economia

Banca di Parma entra in Emil Banca

inchiesta

Milioni nascosti al fisco, Zamparini: "Nessuna attività illecita"

Ritratto

Wally Bonvicini, l'imprenditrice che voleva fare il sindaco

Paladina dei diritti dei cittadini nella lotta contro la banche ed Equitalia, ma anche candidata alla poltrona di primo cittadino

11commenti

viabilità

Grosso ramo caduto in strada: chiusa per un'ora via Gramsci

2commenti

Ponte chiuso

La sindaca di Colorno: «Un ponte di barche per le auto»

5commenti

serie b

Parma-Empoli: dalle 17.30 «isola analcolica» e stop alle lattine

Dalle 20.30 la cronaca in diretta sul sito

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

MESSICO

Terremoto devastante di 7.1. Molti morti. Le prime immagini Video

ONU

Trump: "Se la Corea del Nord attacca la distruggiamo"

SPORT

calcio

Cori sulla sua virilità a Lukaku, tifosi dello United accusati di razzismo

MotoGp

Vale torna in pista a Misano. Il padre: "Ottimista per Aragon"

SOCIETA'

Inghilterra

In due aggrediscono autista: ma lui è esperto di arti marziali Video

USA

Toys R' Us getta la spugna: chiesta la bancarotta

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...