16°

Narrativa

Orrore, innocenza per risorgere

"Doctor Sleep" nuovo e inquietante romanzo dello scrittore americano. Stephen King mette in scena il destino del piccolo protagonista di "Shining"

Narrativa

Stephen King

0

 

Bentornato a casa, Fedele Lettore, bentornato fra amici, bentornato fra i fantasmi dell’Overlook Hotel. Stephen King, il più macabro «raccontafiabe» dell’occidente, torna ad accogliere i suoi lettori fra le pagine di «Doctor Sleep» (Sperling & Kupfer, pag. 517, euro 19,90), l’attesissimo seguito di uno dei romanzi più terrorizzanti e amati dello scrittore statunitense, «Shining» (divenuto anche il più famoso per la discussa versione cinematografica di Stanley Kubrick, non troppo amata neppure da King, peraltro). Romanzo «inevitabile», come lo definisce lo stesso King nella nota conclusiva al volume, «Doctor Sleep» è nato dalla necessità di sapere che fine avesse fatto Danny Torrence, il piccolo protagonista di un incubo ad occhi aperti che a soli sei anni aveva dovuto combattere contro orrori tanto concreti e materici quanto metafisici. Danny possiede lo «shining», la «luccicanza», la capacità cioè di usare la mente come un potentissimo organo di pensiero e azione: telepatia, preveggenza, telecinesi sono alcune delle incredibili capacità che lo «shining» conferisce. Ma questa straordinaria dote si affievolisce con gli anni e nell’età adulta il suo potere risulta notevolmente ridotto, perché «quando si cresce si perde l’innocenza» e con essa la capacità di vedere la realtà con occhi vergini e incorrotti. In un ipnotico e ossessivo gioco di specchi, «Doctor Sleep» ripropone una drammatica e crudelissima tematica di fondo: un individuo vittima di abusi nell’infanzia tende a riprodurre coi propri figli le medesime, malate, modalità di relazione. Come per un antico «miasma» da tragedia greca, la «contaminazione» della famiglia si riverbera sui figli di generazione in generazione. E così, come il padre di Jack Torrence aveva picchiato a sangue il figlio, Jack (il folle padre di Danny) da adulto, alcolizzato e fallito come il genitore, aveva fatto di Danny il suo «sacco» scarica-tensioni, arrivando persino a rompergli un braccio. Ora è la volta di Danny. Divenuto adulto, è anch’egli alcolizzato, non ha una dimora fissa, vive di espedienti e fugge dagli orrori del passato. Rinchiude con successo gli spettri ectoplasmatici dell’Overlook che continuano a perseguitarlo in casse blindate nella sua mente, ma non riesce a liberarsi delle proprie ossessioni e della dipendenza dall’alcol. Da vittima, Danny è ora divenuto carnefice. Ma principalmente di sé stesso. I rapporti sessuali occasionali che non durano più del tempo di una sbronza, le scazzottate da bar giusto per il gusto di menar le mani e far esplodere la rabbia che ribolle sono all’ordine del giorno. I letti cambiano come cambiano i lavori, cadenzati dagli eccessi alcolici, e tutto ha il sapore acre del dopo sbornia. Ma qualcosa, a un certo punto, cambia. L’ennesima sbornia, l’ennesimo rapporto sessuale senza domani, ma al risveglio un incontro destinato ad ossessionare Danny per anni: nella squallida casa dove ha trascorso la notte con una sconosciuta abusando di alcol e droghe, vede un bimbo, due, tre anni al massimo. È il figlio della donna. È l’innocenza, la purezza che tocca la corruzione. Questo è per Danny l’abisso dell’abiezione. Da qui non può che risalire. E il romanzo racconta per l’appunto la storia di questo riscatto umano e morale. Un riscatto che, come sempre in King, non può che passare attraverso la figura demiurgica di un bambino. Questa volta si tratta di una bimba dall’esotico, magico nome di Abra, che possiede uno «shining» estremamente potente. Le vite di Danny e Abra cominciano a intrecciarsi sin dai primi vagiti della bimba, ma l’incontro fra loro avverrà molti anni dopo, quando i due dovranno lottare insieme contro un gruppo di «vampiri psichici» che girano gli Stati Uniti in gruppo, a bordo grandi camper, in cerca di persone (perlopiù bambini) dotate della «luccicanza» per assorbirne dolore e forza vitale. «L’autore di Doctor Sleep – scrive King in nota – è parecchio diverso dall’alcolista pieno di buone intenzioni che ha scritto ''Shining'', ma entrambi sono interessati a una sola cosa: raccontare una storia formidabile». Trentasei anni separano i due romanzi. Moltissime cose sono cambiate nella vita di King. Ma una cosa, per certo, è rimasta immutata: la sua straordinaria capacità di affabulazione. «Doctor Sleep» è infatti un romanzo eccellente e narrativamente efficacissimo. E che senza dubbio risente di tutto il portato autobiografico dell’autore. Per questo, si diceva, il cambiamento c’è stato ed è, se pur discreto, palpabile. Se infatti l’infanzia rimane quel momento di magica sospensione cui sono affidate doti di massimo potere psichico, se il bambino resta figura salvifica di demiurgo, e cioè di intermediario con l’Oltre-il-reale, il Male e la sua rappresentazione sono in parte mutati. L’orrore metafisico è sempre immanente e quotidiano, celato nella più assurda banalità di innocue apparenze, il teschio oltre la maschera, ma sembra avere a sua disposizione armi più logore e spuntate. La lotta che Abra e Danny ingaggiano coi Cattivi del Vero Nodo, i Demoni Vuoti, è sin dall’inizio impari: non c’è dubbio su chi risulterà vincitore. Più dura e drammatica è invece la lotta che per tutto il romanzo Danny deve affrontare coi propri demoni interiori, quelli che lo risospingono in fluttuanti ossessive risacche verso la bottiglia e le sue false promesse. La «recherche» di Danny fra i sapori del passato si costruisce insomma «in absentia», rifiutando il gusto acre di un abisso alcolico d’oblio e perdita di sé. «Giorno per giorno». La speranza non è perduta.
Doctor Sleep - Sperling & Kupfer, pag. 517, euro 19,90

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

foto dei lettori

Parcheggio intelligente

LUTTO

Addio a "Valo", San Lazzaro nel cuore

Roberto Valenti, 66 anni, aveva giocato anche in B

2commenti

tribunale

Il pm: "Delinquente abituale". Carminati (dal carcere di Parma) esulta

tg parma

Cinque trapianti di rene in due giorni all'ospedale Maggiore Video

mafia

Aemilia: una "squadra" di quattro Pm per l'appello

Dda chiede sentire chi ha indagato su dichiarazioni di Giglio

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: un altro arresto

In manette un 31enne tunisino

1commento

Gazzareporter

La pioggia ha ingrossato il torrente Video

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

3commenti

tg parma

Proseguono i lavori sullo Stradone Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling