21°

35°

Storia

Pansa: archivi insanguinati

Il giornalista rilegge la Resistenza denunciandone le pagine oscure

Pansa: archivi insanguinati
Ricevi gratis le news
0

 

Quando mio padre tornò dal campo di concentramento tedesco di Dortmund nell'estate del 1945 e riprese il suo vecchio mestiere di
agricoltore, lo sentivamo spesso ripetere, in casa: «Ma qui la guerra non è mica finita. Qui ti sparano alle spalle e ti assassinano se apri la porta». E si fece imprestare una rivoltella da un suo amico che era riuscito a sottrarla alle perquisizioni fasciste e tedesche. Mio padre era un uomo mite, un contadino d'altri tempi, paziente e sapiente, e quelle sue parole facevano paura in famiglia. Mi son tornate in mente leggendo «Bella ciao. Controstoria della Resistenza» che Pansa ha pubblicato in questi giorni da Rizzoli: una sorta di ricchissimo riassunto - con tantissimi particolari inediti ancora - dei libri precedenti, da «Il sangue dei vinti» a «La guerra sporca dei partigiani e dei fascisti». Dotato di una naturale e abilissima facoltà di saper raccontare, Pansa riaffronta una volta ancora, ma oggi nel suo complesso di cronaca, storia e riflessione critica postuma, la vicenda della Resistenza e della guerra civile italiana, e una volta ancora rimettere in discussione avvenimenti, personaggi e occasioni che sembravano esser entrati stabilmente nei testi e nei manuali, e quindi non più soggetti a nessun tentativo di revisione. Ma, come ammoniva Benedetto Croce, è proprio vero che la Storia è tutta contemporanea, e Pansa s'avvale di questa coscienza critica per rileggere, commentare e arricchire di particolari e di situazioni prima accantonate, i fatti d'allora. E' un procedimento che si definisce revisionistico. Il termine crea un po' di diffidenza in chi vorrebbe la storia e le storie tutte belle lì, spiattellate una volta per sempre, senza dubbi e senza risvolti. Sappiamo che Pensa non sta al gioco; lui di sinistra, giornalista d'impegno politico dichiarato e attento rovistatore di fondi, archivi, memorie, epistolari, documenti della Polizia e delle Questure fasciste, repubblichine e repubblicane. E anche in «Bella ciao» non mancano le sorprese: prima di tutte quella cui accennava mio padre aggirandosi per le sue campagne nell'estate del '45. Un mucchio di nomi ignoti gremisce queste pagine, oltre a quelli conosciutissimi di Mussolini, Pietro Secchia, Palmiro Togliatti, Luigi Longo, Hitler, Badoglio e Mario Toffanin. Sono proprio quei nomi di ignoti che danno un senso a questa storia, anzi vorrei dire che per merito loro, delle loro povere vite, dei loro dolori, sacrifici e speranze, essa storia assume un suo valore e possiede un'autenticità che con il passare dei decenni s'afferma sempre più nettamente, nonostante le distinzioni, le deformazioni e le diffidenze che la storia ufficiale e conclamata della Resistenza ha tentato di imporre. Niente, come si sa, è accertato e consacrato una volta per sempre e per tutte. Pansa cominciò con una tesi di laurea, come più volte ci ha raccontato, e il suo lavoro dura ancora; anzi, si è fatto più intensamente curioso e analitico. In queste nuove pagine, infatti, ad una prima impresa di racconto se ne aggiunge una seconda che, divisa in nove capitoli, riaffronta sia i temi della Seconda guerra mondiale giunta per fascisti e tedeschi al suo tragico atto finale, sia quella che Pansa definisce come «controstoria». E precisa che il suo impegno davanti ai fatti è davvero questo anche a costo di veder vacillare o crollare qualche mito: «l'ho tentato anche in questo libro che non è, e non vuole esserlo - egli dice - una nuova storia della Resistenza. Ho cercato soltanto di rimediare a qualche buco della storiografia con il timbro dell'ufficialità. Nel passare degli anni, ha prodotto una montagna di libri, libretti, librucci tutti a senso unico. Protagonisti e comparse della Resistenza si sono celebrati da soli, con un dispendio di fondi spesso pubblici e quasi sempre con ben pochi lettori». In questo senso «Bella ciao» sembra un contributo determinante, un'opera di ripresa e di riconsiderazione di tutto il periodo storico, con una messa in scena che percorre, di città in città e di provincia in provincia, tutta la Penisola. E' curioso il fatto che gran parte degli episodi raccontati da Pansa con le dovute informazioni di nomi, date e luoghi, si riferisca a decine e decine di zone e paesi, fatti e protagonisti che gli ampi affreschi sulle vicende della Resistenza non hanno mai nominato tenendosi spesso sui caratteri generali e sugli episodi di maggiore risonanza. Il capitolo «I delitti di Gemisto» e il seguente «Mirko il fantasma», sono, ad esempio, due ottimi racconti posti ben oltre il semplice dovere della cronaca. Perché, come dicevamo, Pansa è un ottimo narratore che alla scioltezza e alla precisione dello stile abbina sempre un lieve surplus di ironia - è la lezione amara di Pavese e di Davide Lajolo - e un senso di pietà civile che non è la solita compassione del vincitore per il vinto, bensì esattamente il contrario, il rischio di una verità sottaciuta che rispunta come una ferita non chiusa, come ci ha insegnato Fenoglio in «La malora» e in «Una questione privata» che vide la luce cinquant'anni fa.
Bella ciao
Rizzoli ed., pag. 428, 19,90

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe

PISCINE

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe Foto

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

documentario

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

Ascolti; Ciao Darwin 7 in replica vince il sabato sera

Televisione

Ascolti in tv: "Ciao Darwin 7" in replica vince il sabato sera

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Incidente a Scarampi

varano

Incidente a Scarampi: grave un motociclista

PINZOLO

Baraye e Calaiò (triplette) protagonisti nella prima uscita stagionale: 14-0

Bedonia

Con la moto in una scarpata al passo del Tomarlo: grave un 45enne

incidenti

Auto contomano in via Cappelluti, frontale: ferita una donna

traffico

Coda tra gli svincoli Autocisa e A1

IL RICORDO

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

1commento

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro nella notte

Scontro attorno all'una e trenta

motori

Grande festa al Paletti di Varano per la Formula Sae Italy Gallery

coldiretti

Agricoltura: siccità ma anche nubifragi, danni in regione per 150 milioni

traversetolo

I segreti della trebbiatura a Castione Gallery

PARMA

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

1commento

Anga

Arare la terra? A Collecchio fanno a gara: foto

1commento

domenica

Tra spaventapasseri, polenta e canoe di cartone: l'agenda

BASSA

Pensionato scomparso: continuano le ricerche nel Po

Da venerdì non si hanno notizie di un 68enne di Soragna

LA TESTIMONIANZA

«Ha aggredito un ragazzo, poi se l'è presa con me»

3commenti

Il caso

Le liti stradali? Dilagano. Anche a Parma

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

ITALIA/MONDO

venezia

Donna accoltellata dall'ex marito che poi chiama i carabinieri e confessa

Moto

Tragedia nel motocross: morto a 13 anni

SPORT

nuoto

Mondiali: Italia subito sul podio, Detti bronzo nei 400sl

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

Malore

Frassica in ospedale per una bevanda ghiacciata

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori