10°

24°

cultura

A lezione di agraria dai salesiani

Il corso venne aperto nel 1900 al San Benedetto per iniziativa del primo direttore don Carlo Maria Baratta. Intitolata al grande agronomo Stanislao Solari, la scuola era riservata ai figli dei contadini

I primi allievi della scuola agraria solariana  istituita nel 1900 all'Istituto San Benedetto

I primi allievi della scuola agraria solariana istituita nel 1900 all'Istituto San Benedetto

Ricevi gratis le news
0

 

La sosta dell’urna di don Bosco nella nostra città, ci offre l'opportunità di «rivisitare» momenti e figure significative della sua storia socio-religiosa germogliata nel quartiere e nei cortili del San Benedetto proprio agli inizi della presenza dei Salesiani a Parma, che da subito furono centro aggregativo per i giovani della città ma anche efficace polo di attrazione e di irradiamento di varie e valide iniziative non solo a livello prettamente religioso. Due figure, nella storia degli inizi del «San Benedetto», si stagliano sull'orizzonte cittadino e non solo: il primo direttore don Carlo Baratta e l’agronomo Stanislao Solari, piemontese della Val d’Ossola l’uno, genovese l’altro ma ambedue «trapiantati» a Parma e diventati per la loro opera e per le loro benemerite iniziative, «parmigiani a tutto campo».
Arrivato a Parma il 5 ottobre 1889 all'età di ventotto anni, don Baratta fu il primo direttore del San Benedetto. Rivelandosi subito pieno di energia e di intraprendenza, permeò ben presto di iniziative la vita cittadina e il San Benedetto divenne a poco a poco il cenacolo dell’intellettualità artistica e letteraria della città. Ovviamente il suo campo di azione fu, inizialmente, il quartiere, per cui organizzò l’avvio dell’oratorio prima, poi del collegio e della scuola. La sua attività, però, si estese ben presto a tutta la città grazie all’istituzione della Scuola vescovile di religione che il vescovo Miotti gli affidò e del Circolo universitario cattolico.
Contemporaneamente la sua azione «abbracciò» tutta la diocesi con le peregrinazione nei diversi paesi della «Schola cantorum» , della scuola e della banda e uscì dai confini provinciali mediante la «questione solariana» e le molte pubblicazioni in vari campi del sapere che gli acquistarono fama e indubbia considerazione ovunque.
Sorgente inesauribile di ispirazione, don Baratta intraprese un’altra iniziativa che si rivelerà subito efficace e prolifica. L’incontro, nel 1892, con l’agronomo Stanislao Solari che in campo agrario stava acquistando chiara fama, costituì l’elemento catalizzatore che incentivò l’operosità di don Baratta verso panorami culturali a lui insoliti: l’agronomìa e la sociologìa. Del Solari, infatti, don Baratta divenne in breve il più fervente sostenitore tanto che, non solo gli dedicò una importante biografia «Il pensiero e la vita di Stanislao Solari», ma intese ed abbracciò il suo «sistema» senza tentennamenti. Per la frequentazione assidua dei due, il «San Benedetto» divenne presto la sede di un «cenacolo solariano», vero centro di culturale per l’epoca, non solo per gli autorevoli personaggi che lo frequentavano ma anche per la qualità e la varietà degli argomenti che vi si trattavano, tanto che la fama del Solari e del suo sistema (basato sull'induzione gratuita dell’azoto e sulla doppia anticipazione dei sali minerali delle piante) superò i limiti della provincia parmense.
Così, nell’anno scolastico 1900-1901 prese avvìo al «San Benedetto» la scuola agraria solariana che, dopo la grande guerra, si trasferirà a Montechiarugolo divenendo una scuola pratica di secondo grado per i figli dei contadini dotata di edificio e di podere ed intitolata appunto a Stanislao Solari. Del pensiero solariano, come detto, don Baratta si fece attento e critico discepolo prima, convinto assertore e propugnatore poi, tanto che oltre alla scuola, egli diede vita alla «Rivista di Agricoltura» che per quasi mezzo secolo continuò a diffondere il pensiero di Solari.
Don Baratta rimase direttore a Parma sino al 1904. Alla sua partenza, quell'angolo di quartiere di San Benedetto, che al suo arrivo nel 1889 era uno dei più difficili e screditati della città, aveva mutato aspetto per la multiforme fioritura di opere sorte per il suo zelo. Per la nostra città egli fu e rimane protagonista indiscusso ed eclettico nel compire una grande missione di sapienza e di amore tipica del carisma salesiano. Raccogliendo il mandato di don Bosco: «Qui verranno i miei figli e faranno un gran bene», egli seminò quel bene che presto spinse le sue radici nel cuore degli uomini e che oggi continua rigogliosamente a fiorire.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricoverato Sobral, vincitore Eurovision 2017

Eurovision 2017

Salvador Sobral ricoverato in gravi condizioni

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

L'evento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Orietta Berti batte il Fisco: l’Irap le sarà rimborsata dal 1998

MONTECCHIO

Orietta Berti vince sul Fisco: le sarà restituita l'Irap pagata negli ultimi 19 anni

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Ristorante Bagno Gelosia

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Lealtrenotizie

Viadotto sul Po chiuso, Governo vaglia fattibilita' ponte di barche

tg parma

Viadotto sul Po chiuso, il Governo vaglia la fattibilità del ponte di barche Video

1commento

Dramma

Sfrattato, si toglie la vita

18commenti

venezia-Parma

Brutto momento, D'Aversa: "Dobbiamo uscirne con la voglia di lottare" Video

tg parma

Blitz col coltello in farmacia, è caccia ai rapinatori Video

PROCESSO

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

ROCCABIANCA

Ponte sul Po, prima i disagi ora gli incidenti

Università

Mercoledì 27 si vota per il nuovo rettore: dove e come

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

FRODE

Wally Bonvicini parla e si difende

1commento

TORRECHIARA

Il mistero della settima porta

gazzareporter

Rifiuti "in bella mostra": la segnalazione dalla zona ospedale

1commento

PARMA

Finti poliziotti picchiano e rapinano prostitute in via Emilia Ovest

Gli agenti delle Volanti sono stati contattati da una "unità di strada anti-tratta"

4commenti

Ritratto

I They, la famiglia del volley

FORNOVO

Bertoli, il chimico che sapeva tutto sul petrolio

Anticipi/posticipi

Parma-Avellino domenica 29 ottobre Il calendario fino alla 13a

2commenti

Crocetta

Insegue due ladri e viene preso a pugni

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

6commenti

ITALIA/MONDO

gran bretagna

L'agenzia dei trasporti di Londra non rinnova licenza a Uber. Che fa subito ricorso

Italia

Trova cadavere nella sua auto, si tratta di un clochard

SPORT

Gallery sport

Il ritorno di Valentino Rossi: le foto

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

famiglia

I nuovi padri: se ne parla al Wopa

fotografia

Gazzareporter "Vacanze": vince un romantico paesaggio

MOTORI

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte