-2°

10°

cultura

A lezione di agraria dai salesiani

Il corso venne aperto nel 1900 al San Benedetto per iniziativa del primo direttore don Carlo Maria Baratta. Intitolata al grande agronomo Stanislao Solari, la scuola era riservata ai figli dei contadini

I primi allievi della scuola agraria solariana  istituita nel 1900 all'Istituto San Benedetto

I primi allievi della scuola agraria solariana istituita nel 1900 all'Istituto San Benedetto

Ricevi gratis le news
0

 

La sosta dell’urna di don Bosco nella nostra città, ci offre l'opportunità di «rivisitare» momenti e figure significative della sua storia socio-religiosa germogliata nel quartiere e nei cortili del San Benedetto proprio agli inizi della presenza dei Salesiani a Parma, che da subito furono centro aggregativo per i giovani della città ma anche efficace polo di attrazione e di irradiamento di varie e valide iniziative non solo a livello prettamente religioso. Due figure, nella storia degli inizi del «San Benedetto», si stagliano sull'orizzonte cittadino e non solo: il primo direttore don Carlo Baratta e l’agronomo Stanislao Solari, piemontese della Val d’Ossola l’uno, genovese l’altro ma ambedue «trapiantati» a Parma e diventati per la loro opera e per le loro benemerite iniziative, «parmigiani a tutto campo».
Arrivato a Parma il 5 ottobre 1889 all'età di ventotto anni, don Baratta fu il primo direttore del San Benedetto. Rivelandosi subito pieno di energia e di intraprendenza, permeò ben presto di iniziative la vita cittadina e il San Benedetto divenne a poco a poco il cenacolo dell’intellettualità artistica e letteraria della città. Ovviamente il suo campo di azione fu, inizialmente, il quartiere, per cui organizzò l’avvio dell’oratorio prima, poi del collegio e della scuola. La sua attività, però, si estese ben presto a tutta la città grazie all’istituzione della Scuola vescovile di religione che il vescovo Miotti gli affidò e del Circolo universitario cattolico.
Contemporaneamente la sua azione «abbracciò» tutta la diocesi con le peregrinazione nei diversi paesi della «Schola cantorum» , della scuola e della banda e uscì dai confini provinciali mediante la «questione solariana» e le molte pubblicazioni in vari campi del sapere che gli acquistarono fama e indubbia considerazione ovunque.
Sorgente inesauribile di ispirazione, don Baratta intraprese un’altra iniziativa che si rivelerà subito efficace e prolifica. L’incontro, nel 1892, con l’agronomo Stanislao Solari che in campo agrario stava acquistando chiara fama, costituì l’elemento catalizzatore che incentivò l’operosità di don Baratta verso panorami culturali a lui insoliti: l’agronomìa e la sociologìa. Del Solari, infatti, don Baratta divenne in breve il più fervente sostenitore tanto che, non solo gli dedicò una importante biografia «Il pensiero e la vita di Stanislao Solari», ma intese ed abbracciò il suo «sistema» senza tentennamenti. Per la frequentazione assidua dei due, il «San Benedetto» divenne presto la sede di un «cenacolo solariano», vero centro di culturale per l’epoca, non solo per gli autorevoli personaggi che lo frequentavano ma anche per la qualità e la varietà degli argomenti che vi si trattavano, tanto che la fama del Solari e del suo sistema (basato sull'induzione gratuita dell’azoto e sulla doppia anticipazione dei sali minerali delle piante) superò i limiti della provincia parmense.
Così, nell’anno scolastico 1900-1901 prese avvìo al «San Benedetto» la scuola agraria solariana che, dopo la grande guerra, si trasferirà a Montechiarugolo divenendo una scuola pratica di secondo grado per i figli dei contadini dotata di edificio e di podere ed intitolata appunto a Stanislao Solari. Del pensiero solariano, come detto, don Baratta si fece attento e critico discepolo prima, convinto assertore e propugnatore poi, tanto che oltre alla scuola, egli diede vita alla «Rivista di Agricoltura» che per quasi mezzo secolo continuò a diffondere il pensiero di Solari.
Don Baratta rimase direttore a Parma sino al 1904. Alla sua partenza, quell'angolo di quartiere di San Benedetto, che al suo arrivo nel 1889 era uno dei più difficili e screditati della città, aveva mutato aspetto per la multiforme fioritura di opere sorte per il suo zelo. Per la nostra città egli fu e rimane protagonista indiscusso ed eclettico nel compire una grande missione di sapienza e di amore tipica del carisma salesiano. Raccogliendo il mandato di don Bosco: «Qui verranno i miei figli e faranno un gran bene», egli seminò quel bene che presto spinse le sue radici nel cuore degli uomini e che oggi continua rigogliosamente a fiorire.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

 Mangiamusica, gran finale  con le Sorelle Marinetti

Fidenza

Mangiamusica, gran finale con le Sorelle Marinetti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

TERREMOTO

Sciame sismico in Appennino, 17 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non segnalati danni

5commenti

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

Le reazioni

La sindaca di Fornovo: "Tanta paura, ma niente danni"

Il sindaco Pizzarotti "La scossa è stata sentita a Parma, ma non è di particolare rilievo"

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

4commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Ris di Parma

Scomparse due mogli di un allevatore: trovate ossa nella stalla

3commenti

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

SPORT

SERIE A

Crolla la Juve, l'Inter batte l'Atalanta ed è seconda

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

1commento

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto