-2°

Arte-Cultura

Fu Gauguin a tagliare l'orecchio di Van Gogh

Fu Gauguin a tagliare l'orecchio di Van Gogh
0

Due studiosi tedeschi rimettono in discussione una delle tragedie più note della storia dell’arte: l'automutilazione di Vincent Van Gogh, che si sarebbe reciso l'orecchio sinistro dopo una violenta lite con l’amico Paul Gauguin, nella notte del 23 dicembre 1888. Un gesto compiuto in una crisi di follia che prefigurava il suicidio, sette mesi dopo, dell’artista olandese, e immortalato da autoritratti che lo raffigurano con una benda sull'orecchio mutilato.
 Oltre cent'anni dopo, e dopo dieci di ricerche, Hans Kaufmann e Rita Wildegans sono convinti che fu Gauguin a compiere il misfatto con un fendente della sua spada, fuggendo subito dopo e rientrando a Parigi dopo un breve interrogatorio. Van Gogh, ritrovato la mattina dopo dalla polizia sanguinante nel suo letto, avrebbe taciuto per proteggere l’amico. Una tesi esposta in un saggio intitolato L’orecchio di Van Gogh, Paul Gauguin e il patto del silenzio, di cui riferisce ampiamente il quotidiano Le Figaro, destinata a fare scalpore e contro la quale si è immediatamente scagliato Pascal Bonafoux, specialista francese di Van Gogh che la trova «ridicola se non aberrante». Tesi bocciata anche da Louis van Tilborgh, incaricato della ricerca scientifica sul pittore al Museo Van Gogh di Amsterdam.
 Fu Gauguin, notoriamente abile spadaccino, secondo Kaufmann, ad inventare la versione dell’automutilazione, e tacendo la verità alla polizia in nome di un patto di silenzio, Van Gogh sperava di convincerlo «a continuare la vita in comune, perchè lo adorava». Quindi il pittore olandese non era pazzo come si è creduto per secoli e cade perciò la teoria di Georges Bataille e Antonin Artaud che negli anni '30 videro nel gesto di Van Gogh un significato sacrificale che rendeva la follia fondamentale per l’arte moderna. E si smitizza anche il film-cult del 1956, Lust for Life di Vincente Minnelli, in cui è chiaro che è Kirk Douglas (Vincent) a commettere il celebre gesto.
 Quella notte del 23 dicembre, ad Arles, i due pittori litigarono violentemente su divergenze artistiche. Gauguin avrebbe minacciato di andarsene, Van Gogh avrebbe visto crollare le speranze di ricreare sotto il sole del sud un nuovo Pont-Aven, e avrebbe afferrato un coltello. Secondo la tesi dell’automutilazione, a questo punto Gauguin se ne sarebbe andato in albergo e una volta solo Van Gogh avrebbe reciso l'orecchio con un rasoio, lo avrebbe avvolto in un foglio di giornale affidandolo ad una prostituta e tornando poi a casa per dormire. Falso, secondo i due universitari di Amburgo, che alla rissa per dissensi artistici aggiungono un elemento più triviale, una rissa finita davanti ad un bordello per «una certa Rachel». Gauguin «l'ipocrita» mozzò l’orecchio dell’amico e fuggì, sostengono i due autori che dicono di essersi basati sui rapporti della polizia, su ritagli stampa dell’epoca e su numerose testimonianze peraltro molto posteriori ai fatti. Fatto è che del coltello e della spada non si è mai trovata traccia, e che questo saggio va ad alimentare un mistero che difficilmente sarà risolto proprio per la mancanza di prove certe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

7commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto