Arte-Cultura

Le sale nobili della bellezza

Le sale nobili della bellezza
Ricevi gratis le news
0

di Mariagrazia Villa

Come una goccia di profumo. Che non lascia una traccia visibile, ma permane nel tempo. Una presenza che scompare nel grembo del vuoto, ma accende una durata. Parte da quest’idea di esperienza, il Tpalazzo, ossia il Temporary Palazzo nato nell’antico edificio nobiliare di Palazzo Dalla Rosa Prati in Piazza Duomo a Parma. Nuovo indirizzo per ospitare un mix di malie polisensoriali per un tempo limitato, secondo il trend dei negozi «one shot» che fioriscono nelle principali capitali del mondo, il Tpalazzo offre un Temporary Shop e una Temporary Show Room, a disposizione dei marchi più innovativi e prestigiosi, una Temporary Gallery, per mostre d’arte contemporanea e di design e per eventi culturali, organizzati con associazioni culturali cittadine, nazionali e internazionali, e un Temporary Café, sempre aperto al pubblico, dov'è possibile assaporare il meglio della tavola parmigiana.  «L'idea di uno spazio con più funzioni, da vivere in maniera ogni volta diversa, mi affascinava», afferma Vittorio Dalla Rosa Prati, ideatore dell’iniziativa. Le sale di quella che era la quadreria della storica casata parmigiana sono state trasformate in bianchi cubi senza alcuna coordinata materiale: contenitori puri. «Il senso è quello di un luogo dell’apertura e dell’accoglienza - aggiungono Isotta Giulia Saccani e Valentina Downey, promotrici dell’impresa e autrici del progetto strategico di design, dall’invenzione del concept al disegno degli spazi interni, alla grafica - dove tra seduzioni intellettuali, piaceri della gola e suggestioni del bello, sia piacevole incontrarsi e parlare, dove l’arte del saper vivere coinvolga nella pratica le aziende e le persone in uno scambio complice e proficuo, dove il tempo perduto, proustianamente, possa più facilmente ritrovarsi». E il tempo nel Tpalazzo non è quello medievale della piazza, lampo orizzontale tra due eternità, ma il principium individuationis di Heidegger, che coincide con il nostro esserci di volta in volta: «Qui ognuno può scegliere e comporre la propria esperienza temporale - spiega Lara Ampollini, che gestirà l’immagine, la comunicazione e la programmazione di Tpalazzo - perché in ogni attimo che ci emoziona c'è il tempo autentico dell’esistenza. La logica è quella di una con-temporaneità, di una ricchezza in continuo mutamento di proposte, tra cui trovare legami e accostamenti soggettivi, in una totale libertà e personalizzazione della propria scelta». Tpalazzo, insieme a Sama Arredamenti e Vitra, si inaugura domani alle 18.30 con la mostra «George Nelson. Architect, Writer, Designer, Teacher» (aperta fino al 17 maggio; orari: 10-19; ingresso libero; informazioni: tel. 0521.386429). Prodotta in occasione del centenario della nascita di Nelson (1908-1986), è una retrospettiva sull'opera del padre del modernismo americano. Una scelta azzeccata, per battezzare questo nuovo spazio votato alla qualità in ogni segno del presente. Sia per la spinta profondamente etica che guidò sempre il leggendario progettista statunitense - «Il problema fondamentale del design contemporaneo è quello dei valori, rispetto al quale le altre problematiche, seppure interessanti, restano sempre alla superficie», scrisse nel 1961 - sia per la sua poliedrica attività - fu architetto, designer, teorico, giornalista, fotografo, docente universitario. Convinto che il design potesse risolvere i problemi della società, non solo rispondere in senso estetico e funzionale alle sue esigenze, Nelson ha progettato mobili di nuda intelligenza e allegri come dolciumi che resteranno per sempre nella storia dell’arredamento, come il Ball Clock ('48), le Bubble Lamps (dal '52), la Pretzel Chair ('53), la Coconut Chair ('56) o il Marshmallow Sofa ('56). Ha diretto l’area design di un’azienda come la Herman Miller, forgiandone il Corporate Design per oltre due decenni, ha progettato abitazioni private, come la Fairchild House di New York ('41), ha insegnato e scritto articoli e libri di basilare importanza nel definire l’identità di un designer, ha organizzato numerose mostre, come la famosa American National Exhibition a Mosca in piena Guerra Fredda. Nelson è nato postumo. Il suo stile ha fatto epoca e, in anticipo sul futuro, l’ha oltrepassata.  Basti pensare agli storage-wall degli anni Quaranta, quelle pareti-armadio la cui utilità sarà comprovata nei decenni a venire, o la sua concezione sistemica degli uffici (a lui si deve l’invenzione delle scrivanie a forma di L) di cui già diceva: «Il luogo di lavoro non può avere un’impostazione gerarchica, piramidale, ma deve diventare un network, una rete di collegamenti». Sperimentatore instancabile, ha fatto del rischio la propria missione creativa, per la semplice gioia di prendere un’idea tra le mani e darle la forma più giusta. Ecco perché Nelson, come il Tpalazzo, è una goccia di profumo. Ancora oggi, a oltre vent'anni dal dileguarsi delle sue note di testa e di cuore, sentiamo nell’aria la persistente nota di fondo. Fruttata e profonda, con spezie d’ironia e d’avanguardia.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Tom Schumacher è il produttore della versione musical di "Frozen"

Stati Uniti

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

Notiziepiùlette

Ultime notizie

64 offerte di lavoro per articolo Gazzetta 20 febbraio 2018

LAVORO

64 nuove offerte

Lealtrenotizie

Congregazione delle Domenicane per Scuole Luigine

SCUOLA

Porta, c'è l'accordo con la Proges: si va avanti

meteo

Parma, allerta a livello giallo

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

3commenti

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

TRAFFICO

Tamponamento risolto sulla tangenziale nord. Il traffico scorre

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

15commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

UNESCO

Città Creative per la Gastronomia: il progetto entra nel vivo

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Una scintilla per le idee. La vera vittoria di Parma 2020

di Marco Magnani

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

2commenti

ITALIA/MONDO

Giustizia

Gli stupratori di Rimini "come iene sulla preda"

tribunale

Corona, l'ex fotografo esce dal carcere e va in comunità

SPORT

tg parma

Gazzola: "Abbiamo piena fiducia nel mister" Video

3commenti

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

Spettacolo

Gibson, la storia del rock è sommersa dai debiti Video

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

MOTORI

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day