21°

Libri

Elsa Morante, cuore senza veli

Intervista a Jean-Noel Schifano autore di un volume che raccoglie le sue conversazioni con la scrittrice. "L'ho frequentata molto negli ultimi due anni della sua vita. Moravia è stata una persona fondamentale per lei, che lo ha molto amato. Alberto le voleva bene, ma non con la passione che lei desiderava"

Elsa Morante, cuore senza veli

Elsa Morante e Moravia

Ricevi gratis le news
0

 

E’ stato una delle poche persone ammesse nella stanza di Villa Margherita, la clinica romana dove la più grande scrittrice italiana del Novecento ha trascorso gli ultimi due anni della sua vita. Nella camera 127, Jean-Noel Schifano è entrato per la prima volta come traduttore dell’ultimo romanzo di Elsa Morante, «Aracoeli», e ne è uscito come amico, confidente, depositario dei suoi ricordi più segreti. Elsa gli ha raccontato la fanciullezza povera in una famiglia divisa, i soggiorni nella villa dell’aristocratica madrina, le ambizioni letterarie, il grande amore con il marito, Alberto Moravia, la passione non corrisposta per Luchino Visconti, la paura della vecchiaia, della malattia, della solitudine. Intellettuale francese e traduttore delle opere di Svevo, Umberto Eco, Alberto Savinio, Schifano ha dedicato alla Morante molti articoli e ha curato insieme a Tjuna Notarbartolo il libro «Cahiers Elsa Morante», ma solo ora, in «E. M. o la divina barbara» si è deciso a rivelare l’intimità di quei loro incontri che si sono conclusi solo con la morte della scrittrice, avvenuta il 25 novembre 1985.
Partiamo dal titolo: «E.M. o la divina barbara». Come l’ha scelto?
Elsa definiva «divini barbari» gli adolescenti per cui ha sempre avuto una speciale predilezione. Forse perché anche lei, così irruente e impetuosa, ha mantenuto fino alla fine un’anima adolescenziale. Lontana dalla mondanità e dai circoli letterari, adorava invece circondarsi di persone molto giovani, che ha reso protagonisti dei suoi romanzi.
Nel sottotitolo usa il termine «romanzo confidenziale». Quello che lei ha scritto è dunque fiction o realtà?
Tutto quello che racconto di Elsa Morante è vero, dalla prima all’ultima parola. Non avrei mai osato inventare nulla di ciò che la riguardo. L’ho chiamato romanzo per la struttura narrativa che ho scelto di utilizzare. Il libro è diviso in due parti che si incrociano continuamente: le mie visite alla clinica Villa Margherita e poi le notti trascorse in un albergo a due passi dal Tevere con la mia amante Polina. La costruzione è dunque romanzesca, non quello che racconto.
Come è avvenuto il vostro primo incontro?
Avevo ricevuto l’incarico dall’editore Gallimard di tradurre il suo ultimo romanzo: «Aracoeli». Desideravo farle vedere la traduzione del libro a cui avevo lavorato per un anno intero, ma non era facile riuscire a penetrare nel muro di protezione che aveva edificato attorno a sé. Pochissime persone, ormai, erano ammesse nella sua camera. E la sua fedelissima governante Lucia vegliava che tutto avvenisse secondo i suoi desideri. Io ci riuscii grazie a Carlo Cecchi che combinò l’incontro. Elsa aveva sempre bisogno di mettere alla prova le persone che ancora non conosceva e anche con me all’inizio fu molto dura. Mi rimproverò di avere saltato nella traduzione alcune pagine del suo libro. Non era vero e io, nonostante l’ammirazione e la riverenza che avevo per lei, le risposi con decisione. Da quel momento tutto cambiò. E’ nato tra noi un rapporto diretto e di seduzione reciproca. Ogni volta Elsa mi aspettava con ansia e quando ritornavo a Parigi ci sentivamo molto spesso e mi chiedeva quando sarei tornato. Abbiamo continuato a vederci per un anno: dal novembre dell’84 al novembre dell’85, quando morì.
Come si svolgevano i vostri incontri in clinica?
Non aveva perso la sua femminilità e per nascondere i suoi capelli grigi si metteva un foulard di lino rosa o azzurro, che annodava in un grosso nodo sotto il mento. A volte, quando il tempo lo permetteva, la portavo con la sedia a rotelle in giardino. E ci mettevamo a chiacchierare per ore sotto una grande magnolia. Mi raccontava del suo passato: della sua famiglia, dei suoi amori sempre tormentati. Mi parlava dei suoi personaggi che erano i suoi veri figli, dai quali stentava a staccarsi. E poi delle sue opere per cui ha sacrificato tutto.
Leggendo il suo libro sembra che Alberto Moravia fosse un po’ geloso della vostra amicizia.
Moravia è stata una persona fondamentale per Elsa. Lei lo ha molto amato. Alberto invece l’ha stimata tantissimo, le ha voluto bene ma non con la passione che lei desiderava. Elsa non è stata la donna che Moravia ha amato di più, ma è stata certamente la più importante. Ho un ultimo ricordo di loro due: era mattina ed Elsa mi stringeva con forza la mano. Moravia non era atteso perché le ore dalle otto a mezzogiorno erano sempre consacrate alla scrittura. Ma quel giorno aveva fatto un’eccezione ed entrando, nel vedere le nostre mani strette, ha cercato di separarle con tutta la sua forza. Lui sempre così razionale e controllato, quella volta ha perso le staffe e ripeteva: «Mi riconosci Elsa? Sono Alberto» ma lei rimaneva immobile. Moravia era sempre più nervoso: «Non mi riconosce. Elsa è mia moglie - sosteneva - e adesso non sente, non capisce». Ma più cercava di separare le nostre mani e più lei me le stringeva.
Il vostro ultimo incontro è avvenuto quasi trent’anni fa. Perché ha atteso tanto tempo a scrivere questo libro?
Elsa era molto gelosa della sua vita privata, che anch’io volevo rispettare. Sono tutta nei miei libri, mi diceva. E non voleva che di lei si dicesse altro. Per rispettare questa sua volontà di segretezza, per trent’anni ho tenuto i miei ricordi dentro di me. Mi sono deciso a scriverne solo perché non mi piaceva il modo in cui oggi la si descrive. Si cerca di farne una sorta di statua, mentre Elsa Morante era tutto l’opposto: non era una Madonna eterea e lontana ma una donna passionale. Elsa era tormento, fuoco e sangue. Con il mio libro ho cercato di entrare nei battiti del suo cuore.
E. M. o la divina barbara - Elliot, pag. 114, euro 16,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY SERIE B LA VITTORIA CONTRO IL FLORENTIA FUNESTATA DA UN GRAVISSIMO EPISODIO

Amatori, Belli colpito da un pugno:

Il terza linea è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

14commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

39commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

1commento

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

1commento

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

SOCIAL NETWORK

Motocross: impressionanti acrobazie Video

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro