18°

Arte-Cultura

I sussurri del fiume e i colori dell'argine

I sussurri del fiume e i colori dell'argine
0

di Luigi Alfieri
Un culatello che si rispetti ci mette diciotto mesi a diventare una delizia. Deve soffrire due volte i rigori dell'inverno, godere due volte delle dolcezze della primavera, soffocare almeno una volta nell'afa di agosto e avvolgersi per un'altra stagione intera nell'umidità della nebbia. Anche Luca Piola, fotografo dell'agenzia Grazia Neri, ci ha messo diciotto mesi a far stagionare il suo racconto per immagini sulla Bassa. Un anno e mezzo passato su e giù per gli argini, sotto i portici dei paesoni guareschiani, nelle lanche rinsecchite, nel clangore delle officine dei fabbri ferrai, sotto i cieli notturni pitturati di cobalto o di fronte a quelli dardeggianti fiamme dei tramonti padani. Era partito a caccia di paesaggi è tornato con il carniere pieno di ritratti. Le belle «ghigne» della gente della Bassa. E dietro ogni volto si nasconde una storia. «Desideravo fare questo viaggio - racconta Luca Piola - nell'occasione del centenario della nascita di Giovannino Guareschi per ri-vedere il “Mondo Piccolo” che era stato fissato dalle parole dello scrittore oltre mezzo secolo fa. E così ho scoperto questa terra. Un pezzetto alla volta. E ne sono anche stato conquistato, un po' alla volta. L'ho percorsa in lungo e in largo trovandola spesso monotona, apparentemente sempre uguale, ma poi improvvisamente sorprendente. Sorprendente perché questo mio lavoro nella Bassa oltre ad avermi fatto innamorare di questa terra mi ha lasciato una cosa preziosa: il senso di ospitalità, di accoglienza che ho sempre ricevuto ogni volta che, durante il mio girovagare, incontravo qualcuno». Tra fotografo e «bassaioli» è scoccata una scintilla, un senso di comprensione reciproca. Hanno cominciato a parlare un linguaggio comune. Le persone si sono aperte davanti all'artista e lui ha saputo rubare tutte le storie nascoste dietro i loro volti,  i lampi di vita che partivano dai loro sguardi, le fatiche che hanno indurito i palmi delle loro mani, le gioie che hanno accompagnato il passare dei giorni. C'è una fotografia, un gruppo di famiglia in un interno, dove il lettore vorrebbe entrare e viverci per qualche tempo. Che dentro ci si deve stare bene. C'è un nonno con una bella camicia a quadrettoni, un tavolo imbandito, una nonna, ancora giovane, che sorseggia un caffè e tiene sulle ginocchia il nipotino. Sullo sfondo istantanee di famiglia - una prima comunione, una bimba in altalena - un orologio a pendolo, tende ricamate a fiori. Il ritratto della felicità domestica. Facce di brava gente che ha lavorato una vita intera, che sa godere delle piccole gioie della vita: una fetta di salame, una coscia di cappone lesso, un bicchiere di vino rosso con la schiuma rosa sopra.
 E non sarebbe bello trovarsi in mezzo ai cinque motociclisti che Luca Piola ha sorpreso nel loro bar-rifugio? Appoggiati al bancone, sorridenti, i bikers si raccontano storie di Bmw e di Gilera. Sorseggiano birra, progettano la prossima cavalcata sull'asfalto, magari a Capo Nord. Ma si deve stare bene anche nella bottega del fabbro Aurelio Generali: a guardare la foto diresti che la fatica è gioia, il lavoro un piacere. Perché dopo il lavoro c'è la partita di carte. Piola ne fotografa una, serena, distesa, meditata, in un bar di Zibello. Fuori ci devono essere un gran nebbione e un freddo boia; tempo da lupi! All'interno dell'osteria un calduccio rassicurante, il crocchiare di una stufa, bicchierini di grappa antigelo.
Anche quando l'obiettivo si sposta sul paesaggio, dentro ci sono, spesso, un uomo o una donna a dare  senso alla natura. C'è il Po, ma con un pescatore che lancia l'amo; ci sono le file di alberi, ma con una signora che le fende in bicicletta. E' di spalle, lontana, chiusa in un vestito rosa confetto, ma riesci a indovinarne il volto e lo sguardo. Sì, è vero: c'è una foto con una linea di gelsi sprofondati nella nebbia e neppure una figura umana. Ma quelle piante sono anime; magari, direbbe Guareschi, le anime degli annegati nel Grande Fiume.
 E ci sono tanti giovani nelle istantanee   di Piola. «I giovani d'oggi», direbbe Don Camillo. Allora capelloni, adesso portatori di piercing o «affrescati» da tatuaggi. Ma tutti fieri di essere lì, tra argini e portici, a godere del piacere sottile che solo questa terra tra fiume e collina può dare. Basta andare in un pioppeto a filo d'acqua e il Po comincia a raccontare le sue storie. Il difficile è saperle fotografare. Luca Piola c'è riuscito.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Schianto a Traversetolo, muore un 42enne

INCIDENTE

Schianto a Traversetolo, muore un 42enne

Via Volturno

Nuova spaccata in una panetteria

l'agenda

Una domenica tra castelli, Cantamaggio e golosità on the road

Lutto

Corradi, il «biciclettaio» di via D'Azeglio

Traversetolo

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

LEGA PRO

Il Parma a Teramo per ripartire

Laminam

Incontro tra cittadini e Comitato «L'aria del Borgo»

Ragazzola

Un comitato per «proteggere» il ponte sul Po

Personaggio

Il «detective» della scultura del mistero

traversetolo

Pauroso schianto contro un camion: muore un motociclista 42enne 

Il 42enne Andrea Ardenti Morini vittima di un incidente sulla strada per Neviano Video

1commento

tg parma

50enne scomparso a Diolo: continuano le ricerche ma cresce la paura

soragna

Paura a Diolo: incidente, auto nel fosso

Fidenza

Anestesista muore a 37 anni

Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

1commento

raduno

500 Miles...un fiume di Harley Davidson a Parma Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

1commento

ITALIA/MONDO

tunisia-Italia

Strage di Berlino: la salma di Amri custodita (e rimpatriata?) a spese dell'Italia

Mistero

18enne di Genova trovata morta nella sua casa a Londra. Scotland Yard indaga

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

storie di ex

Buffon: "Volevo ritirarmi, Agnelli mi ha fatto ripensare"

Calciomercato

Galliani lascia il calcio e cambia vita

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento