12°

23°

CULTURA

San Secondo, Verdi sponsor della spalla

Il Maestro ne andava ghiotto

San Secondo, Verdi sponsor della spalla
Ricevi gratis le news
0

 

La nostra Bassa è musica, musica vera. Senza scomodare il «mito» per eccellenza del pentagramma che ebbe i natali in quel di Roncole due secoli fa e che iniziò il suo leggendario percorso proprio in questa nebbiosa e solatìa terra, la musica che offre la Bassa la si può ascoltare anche in questi giorni quando i colori, i profumi e gli umori della campagna e di quella terra scura da pane scrivono sul pentagramma del Creato stupende note che il Po affida al mare. In queste note c'è tutta la nostra gente padana, la sua storia. Una storia fatta di lavoro duro, di lotte sociali, di grandi passioni.
Ebbene, tutto ciò deve avere ispirato Lodovico Ronchini, sensecondino doc, melomane da sempre, storico loggionista del «Regio», componente del «Gruppo appassionati verdiani Grotta Mafalda», a scrivere un bel libro uscito di recente per i caratteri delle «Grafiche Step»: « Viva Verdi Viva San Secondo». Nel libro, in elegante veste grafica, tante foto a colori e in bianco e nero, immagini, manifesti e locandine d’epoca di opere e concerti ma, soprattutto, i dipinti dell’indimenticato Proferio Grossi tra i quali quali un sontuoso Verdi in copertina. Nel libro anche piacevoli pagine dello scrittore sansecondino Arnaldo Scaramuzza a dare un tono di classicità e di calore tutto nostrano alla pubblicazione.
Il libro, ovviamente, apre con un omaggio a Giuseppe Verdi, colui che dichiarò pubblicamente « io sono e sarò sempre il contadino delle Roncole». Un’affettuosa citazione, l'autore, la dedica a don Ferruccio Botti, il popolare ed indimenticato «Ferrutius», parroco di Talignano, per tanti anni collaboratore della Gazzetta di Parma, studioso di storia locale e scrittore verdiano. E, proprio citando le « Spigolature verdiane» di don Ferruccio, Ronchini cita un passo di una lettera di Verdi che sembra scritta ieri, pardòn oggi. Da pelle d’oca. «Ho speso qualche soldo che ha dato da mangiare a molti poveri operai, perchè dovete sapere voi abitanti delle capitali, che la miseria nelle classi povere è grande, grande, grandissima e se non ci sarà una Provvidenza sia dall’alto o dal basso, una volta o l’altra, succederanno guai gravissimi. Vedete: se io fossi al Governo, non penserei al partito, al bianco, al rosso, o al nero: penserei al pane da mangiare». Perdonino melomani, studiosi e critici ma, questa, molto probabilmente, è fra le «opere» più belle scritte da Giuseppe, meglio, Peppino Verdi.
Il libro dedica una parte a «Verdi a San Secondo» e, a questo proposito, l’autore cita un’altra lettera del Maestro, datata 27 aprile 1872, che Verdi scrisse all’amico conte Arrivabene. «Io non diventerò feudatario della Rocca di San Secondo, ma posso benissimo mandarti una «spalletta» di quel santo. Anzi te l’ho già spedita stamattina colla ferrovia. Quantunque la stagione un po' avanzata, spero la troverai buona. Devi però mangiarla subito prima che arrivi il caldo. Sai tu come va cucinata? Prima di metterla al fuoco, bisogna levarla di sale, cioè lavarla per un paio d’ore nell’acqua tiepida. Dopo si mette al fuoco entro un recipiente che contenga molta acqua. Deve bollire a fuoco lento per sei ore, poi la lascerai raffreddare nel suo brodo. Fredda che sia, vale a dire circa 24 ore dopo, levala dalla pentola, asciugala e mangiala. Come tu sai «Aida» andò bene... Dunque occupati ora della «spalletta» e sappimi dire come l’avrai trovata». Tutto ciò a riprova della «sansecondinità» di Verdi e del grande apprezzamento che mostrava per la spalla cotta di San Secondo della quale fu anche un buon consumatore oltre che promoter.
Il libro, inoltre, elenca tutti i musicisti sansecondini: cantanti, maestri, compositori fra quali Arnaldo Furlotti, nato a San Secondo nel 1880, musicista- sacerdote famoso per le sue composizioni di musica sacra. Ed ancora: il flautista Giuseppe Boccacci, il violinista Alberto Boccacci, l’oboista Mario Bocchia, il maestro Everardo Bernardelli e tanti altri. Come pure, Ronchini, ha citato le bande, dall’epopea del Concerto Cantoni (1861) in poi come quella diretta dal maestro Antonio Frazzi compositore di polke, mazurche e valzer. Un capitolo è dedicato anche al Teatro di San Secondo che un tempo ospitò opere importanti come testimoniano i manifesti d’epoca.
Non poteva mancare un richiamo alla corale «Don Arnaldo Furlotti», diretta dal soprano Irene D’Angelo. L’autore traccia anche un toccante ricordo di un altro verdiano doc immaturamente scomparso alcuni anni fa: Franco Morini. «Diede una voce alle speranze e ai lutti, pianse e amò per tutti». E, chi ama Verdi e le sue opere, può benissimo comprendere queste parole incise là nel paradiso dove riposano i grandi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

AUTOVELOX

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

Lealtrenotizie

Profondo cordoglio per la morte del podista 49enne alla Parma Marathon

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Solomon incapace di intendere e di volere

1commento

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

sicurezza idrica

Ecco come funziona la "diga" sulla Parma

A "lezione" dai tecnici dell'Aipo

Regione

Chiusura centri vaccini di Colorno, Salso, Fidenza e Busseto, protesta FdI-An

carabinieri

Non resiste al richiamo della droga ed evade dai domiciliari: arrestato un 35enne

1commento

tg parma

E-Distrubuzione: Enel investe oltre 1,5 milioni di euro per la Bassa Est

Inaugurata a Colorno la stazione di media tensione

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: Chicco e Felice i finalisti di oggi

anagrafe

Dal 2 novembre si farà solo la carta d'identità elettronica

LA MORTE DI MORONI

«Addio Luca, con te se ne va una parte di noi»

SOLIDARIETA'

Mamme alla ricerca di una nuova vita

PERICOLO

Il Palacasalini di notte diventa inaccessibile

3commenti

Piazzale Matteotti

Le telecamere smascherano il pusher

1commento

Dramma a Enzano

Trattore si ribalta, muore Giampaolo Cugini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

1commento

ITALIA/MONDO

Catalogna

Due leader indipendentisti arrestati per sedizione

BUSTO ARSIZIO

La ventenne scomparsa si chiama Dafne Di Scipio. Aperto un fascicolo

SPORT

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SERIE B

Parma, bisogna cambiare rotta

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel