CULTURA

San Secondo, Verdi sponsor della spalla

Il Maestro ne andava ghiotto

San Secondo, Verdi sponsor della spalla
0

 

La nostra Bassa è musica, musica vera. Senza scomodare il «mito» per eccellenza del pentagramma che ebbe i natali in quel di Roncole due secoli fa e che iniziò il suo leggendario percorso proprio in questa nebbiosa e solatìa terra, la musica che offre la Bassa la si può ascoltare anche in questi giorni quando i colori, i profumi e gli umori della campagna e di quella terra scura da pane scrivono sul pentagramma del Creato stupende note che il Po affida al mare. In queste note c'è tutta la nostra gente padana, la sua storia. Una storia fatta di lavoro duro, di lotte sociali, di grandi passioni.
Ebbene, tutto ciò deve avere ispirato Lodovico Ronchini, sensecondino doc, melomane da sempre, storico loggionista del «Regio», componente del «Gruppo appassionati verdiani Grotta Mafalda», a scrivere un bel libro uscito di recente per i caratteri delle «Grafiche Step»: « Viva Verdi Viva San Secondo». Nel libro, in elegante veste grafica, tante foto a colori e in bianco e nero, immagini, manifesti e locandine d’epoca di opere e concerti ma, soprattutto, i dipinti dell’indimenticato Proferio Grossi tra i quali quali un sontuoso Verdi in copertina. Nel libro anche piacevoli pagine dello scrittore sansecondino Arnaldo Scaramuzza a dare un tono di classicità e di calore tutto nostrano alla pubblicazione.
Il libro, ovviamente, apre con un omaggio a Giuseppe Verdi, colui che dichiarò pubblicamente « io sono e sarò sempre il contadino delle Roncole». Un’affettuosa citazione, l'autore, la dedica a don Ferruccio Botti, il popolare ed indimenticato «Ferrutius», parroco di Talignano, per tanti anni collaboratore della Gazzetta di Parma, studioso di storia locale e scrittore verdiano. E, proprio citando le « Spigolature verdiane» di don Ferruccio, Ronchini cita un passo di una lettera di Verdi che sembra scritta ieri, pardòn oggi. Da pelle d’oca. «Ho speso qualche soldo che ha dato da mangiare a molti poveri operai, perchè dovete sapere voi abitanti delle capitali, che la miseria nelle classi povere è grande, grande, grandissima e se non ci sarà una Provvidenza sia dall’alto o dal basso, una volta o l’altra, succederanno guai gravissimi. Vedete: se io fossi al Governo, non penserei al partito, al bianco, al rosso, o al nero: penserei al pane da mangiare». Perdonino melomani, studiosi e critici ma, questa, molto probabilmente, è fra le «opere» più belle scritte da Giuseppe, meglio, Peppino Verdi.
Il libro dedica una parte a «Verdi a San Secondo» e, a questo proposito, l’autore cita un’altra lettera del Maestro, datata 27 aprile 1872, che Verdi scrisse all’amico conte Arrivabene. «Io non diventerò feudatario della Rocca di San Secondo, ma posso benissimo mandarti una «spalletta» di quel santo. Anzi te l’ho già spedita stamattina colla ferrovia. Quantunque la stagione un po' avanzata, spero la troverai buona. Devi però mangiarla subito prima che arrivi il caldo. Sai tu come va cucinata? Prima di metterla al fuoco, bisogna levarla di sale, cioè lavarla per un paio d’ore nell’acqua tiepida. Dopo si mette al fuoco entro un recipiente che contenga molta acqua. Deve bollire a fuoco lento per sei ore, poi la lascerai raffreddare nel suo brodo. Fredda che sia, vale a dire circa 24 ore dopo, levala dalla pentola, asciugala e mangiala. Come tu sai «Aida» andò bene... Dunque occupati ora della «spalletta» e sappimi dire come l’avrai trovata». Tutto ciò a riprova della «sansecondinità» di Verdi e del grande apprezzamento che mostrava per la spalla cotta di San Secondo della quale fu anche un buon consumatore oltre che promoter.
Il libro, inoltre, elenca tutti i musicisti sansecondini: cantanti, maestri, compositori fra quali Arnaldo Furlotti, nato a San Secondo nel 1880, musicista- sacerdote famoso per le sue composizioni di musica sacra. Ed ancora: il flautista Giuseppe Boccacci, il violinista Alberto Boccacci, l’oboista Mario Bocchia, il maestro Everardo Bernardelli e tanti altri. Come pure, Ronchini, ha citato le bande, dall’epopea del Concerto Cantoni (1861) in poi come quella diretta dal maestro Antonio Frazzi compositore di polke, mazurche e valzer. Un capitolo è dedicato anche al Teatro di San Secondo che un tempo ospitò opere importanti come testimoniano i manifesti d’epoca.
Non poteva mancare un richiamo alla corale «Don Arnaldo Furlotti», diretta dal soprano Irene D’Angelo. L’autore traccia anche un toccante ricordo di un altro verdiano doc immaturamente scomparso alcuni anni fa: Franco Morini. «Diede una voce alle speranze e ai lutti, pianse e amò per tutti». E, chi ama Verdi e le sue opere, può benissimo comprendere queste parole incise là nel paradiso dove riposano i grandi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I 100 anni di Kirk Douglas

Youtube

I 100 anni di Kirk Douglas Video

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Il 10 giugno

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

Palanzano

Sandra, la «musicista» delle campane

Progetto

L'auditorium a Busseto? Per ora non si fa

Lega Pro

Oggi Parma-Bassano

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

LEGA PRO

D'Aversa per la panchina, ballottaggio Sensibile-Faggioni per il ds. E' questione di ore Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

4commenti

incidente

Auto si ribalta a Fidenza: un ferito grave

Anteprima Gazzetta

Terremoto: l'aiuto di Parma

Domani si parla anche di San Leonardo, di coca a Sorbolo, di un incredibile furto a un asilo

parma senza amore

Dieci frigoriferi (con materasso e rifiuti) sul marciapiede di via Boraschi

9commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

2commenti

Sorbolo

Addio a Roberta Petrolini, la voce della Cri

cantieri e eventi

Come cambia la viabilità a Parma in settimana 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

LETTERE AL DIRETTORE

Una piccola storia nobile

2commenti

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

PISA

Bimba di 6 anni muore soffocata da una spugna a scuola

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery