15°

Arte-Cultura

Torino? No, pianeta Terra

Torino? No, pianeta Terra
0

di Francesco Mannoni

Io gli altri, una sorta di motto unificante», dice sollevato Ernesto Ferrero dal 1998 direttore della Fiera del libro di Torino, riandando col pensiero alla tormentata edizione dell’anno scorso, quando al Lingotto il Paese ospite fu Israele. Ora, per la kermesse in programma da domani al 18 maggio - inaugurazione alla presenza del presidente della Camera Gianfranco Fini -, si renderà omaggio all’Egitto e soprattutto al tema conduttore che consegna a una condizione di ottimismo.
Negli oltre 50mila metri quadri di superficie e 27 sale convegni, con 1.400 editori che espongono i loro gioielli per la gioia dei 300mila  visitatori che ormai rappresentano la media consolidata di affluenza, si vedranno il Nobel Orhan Pamuk, che magari s'incrocia con David Grossman, Salman Rushdie, Alicia Giméne - Bartlett, Jeffrey Deaver, James Frey, Yu Hua, Alan Drew, accanto ai palestinesi Sayed Kashua, Ibraihim Nasrallah, all’egiziano Ala Al - Aswani e agli italiani Umberto Eco, Claudio Magris, Margaret Mazzantini, Paolo Giordano, Giorgio Faletti con il suo nuovo atteso romanzo, Lidia Ravera, Susanna Tamara, Antonio Scurati per dirne solo alcuni.
«Sarà una vera festa del libro - promette Ferrero -, unico protagonista di questi cinque giorni che si preannunciano ricchi di curiosità, grandi opere letterarie e dibattiti sui temi d’attualità e sul momento critico del Paese e del mondo».

Ferrero, si parla di crisi, ma sembra che per la Fiera di Torino questa parola non esista. Che cosa la rende sempre più attraente, competitiva, al centro dell’attenzione mondiale?
«Per fortuna l’editoria libraria sembra reggere all’onda d’urto della crisi, è uno dei comparti che ancora tiene. La foto di gruppo che il Lingotto offre credo sia confortante. Quanto alla Fiera, il suo successo nasce dalla partecipazione entusiasta di molti: la città, le sue istituzioni, le fondazioni bancarie che la sorreggono, ma soprattutto i lettori. E si deve alla sua natura composita: una grande mostra-mercato che è anche un festival con centinaia di eventi incontri dibattiti, momenti di spettacolo; uno spazio riservato a bambini e ragazzi con un programma specifico; un momento di incontro per i professionali, sempre più frequentato da editori e agenti letterari esteri. Senza dimenticare la città: Torino è diventata bellissima, e piena di attrazioni. Valga per tutte la Reggia di Venaria, che ospita proprio la fascinosa mostra dei tesori subacquei dell’Egitto ellenistico. Da non perdere».

Dopo il clima infuocato della vigilia dell’anno scorso, come vive quest’anno l’attesa dell’evento?
«In confronto all’anno scorso, è quasi un idillio, confortato dalla collaborazione degli editori che è stata particolarmente convinta, e i risultati sono visibili nel programma. Tutti vogliono esserci. La Fiera è diventata una specie di casa di famiglia in cui ritrovarsi per una festa comune. Anche per la presenza dell’Egitto qualcuno ha cercato di creare le solite polemiche».

Chi manovra queste provocazioni, a chi convengono?
«Nella società mediatica è risaputo che le prime pagine dei giornali non si guadagnano con il lavoro serio e le argomentazioni ponderate, ma con la polemica, il chiasso, la rissa, l’invettiva. I professionisti della polemica non si fanno mancare ogni occasione di visibilità. Osservo però che le polemiche dello scorso anno hanno fruttato alla Fiera quello che una campagna pubblicitaria da milioni di euro non avrebbe potuto fare. Ci siamo conquistati una notorietà planetaria. E dunque, grazie».

L'Egitto ha una grande cultura, ma in Italia non sono molte le opere tradotte. Qual è la maggiore caratteristica di questa letteratura?
«La bilancia delle traduzioni pende un po' troppo dalla parte italiana, come gli egiziani ci fanno amabilmente notare. Loro traducono abbastanza, noi poco. Occasioni come la Fiera servono proprio a ricuperare i ritardi, a colmare le lacune. La letteratura egiziana di oggi si misura con temi che sono poi quelli di sempre: il confronto spesso drammatico fra tradizione e modernità, la difficoltà del vivere, le frustrazioni di una società che cerca la propria identità, le poche speranze e le molte delusioni».

Fra gli scrittori contemporanei egiziani, chi in Fiera meglio rappresenta il proprio paese?
«Oggi lo scrittore egiziano più affermato nel mondo, dopo il Nobel Mahfouz, è Ala Al-Aswani, che è riuscito a dar voce alla molteplicità di aspetti della vita del Cairo, rappresentando un alveare condominiale della città. Il suo ''Palazzo Yacoubian'', tradotto da Feltrinelli, è diventato un best-seller mondiale. Poi ci sono dei giovani molto vicini ai loro confratelli occidentali più ''arrabbiati'', come Ahmed Al-Aidy, tradotto dal Saggiatore, che è stato paragonato a Palhaniuk. Stesse scissioni, stessi sconforti, stesso stile duro e diretto. Essere giovani oggi è dura dappertutto».

Sono presenti in Fiera, scrittori israeliani, libanesi, palestinesi, indiani eccetera: il mondo della cultura affratellato in barba a tutti gli odiosi tentativi di mettere l’uno contro l’altro?
«La Fiera ha sempre ospitato scrittori dei Paesi più disparati, e così avverrà in futuro. Ogni strumentalizzazione polemica non riuscirà certo a dividerli. Come diceva Primo Levi, la vita, anche quella letteraria, nasce proprio dall’impurità degli incroci, delle ibridazioni, dei meticciati. Da chi imparare, con chi misurarsi, se non con gli altri?».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

Gazzareporter

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

mamma esce dalla stanza

20 milioni di like

La mamma che striscia batte Belen & co a colpi di clic

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Scippava donne anziane a bordo del suo scooter: la polizia di stato arresta il responsabile

PARMA

Si fa prestare lo scooter e scippa tre anziane: arrestato giovane indiano

Una delle vittime, cadendo, è finita al Maggiore con il bacino fratturato e oltre un mese di prognosi

3commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Terremoto

Due parmigiane in missione per salvare l'arte dalle macerie

Bassa

Furti a Mezzano Superiore: nel mirino anche l'asilo e il circolo Anspi Video

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

amministrative

Manno si candida: "Con falce e martello vogliamo far tornare la speranza in città" Video

1commento

il caso

Legionella, nuovo incontro pubblico alla Don Milani

La trasmissione di TvParma "Lettere al direttore" seguirà l'evento

1commento

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

Ci sono nuove date per semifinali e finali

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

6commenti

VIA VENEZIA

Investe una donna e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

7commenti

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

13commenti

Traffico

Pericolo nebbia sulle strade: visibilità ridotta a 80 metri in A1 Foto

Incidente nella notte a Vicomero

Salso

Maestro e alunno si ritrovano dopo 50 anni

Sindacato

Cgil Parma, gli iscritti superano quota 76.000

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

2commenti

LA SPEZIA

Rubava Epo all'ospedale per venderlo ai ciclisti

SOCIETA'

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

SPORT

Formula Uno

La Ferrari svelerà la vettura del Mondiale 2017 in diretta web

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv