11°

29°

Arte-Cultura

Torino? No, pianeta Terra

Torino? No, pianeta Terra
0

di Francesco Mannoni

Io gli altri, una sorta di motto unificante», dice sollevato Ernesto Ferrero dal 1998 direttore della Fiera del libro di Torino, riandando col pensiero alla tormentata edizione dell’anno scorso, quando al Lingotto il Paese ospite fu Israele. Ora, per la kermesse in programma da domani al 18 maggio - inaugurazione alla presenza del presidente della Camera Gianfranco Fini -, si renderà omaggio all’Egitto e soprattutto al tema conduttore che consegna a una condizione di ottimismo.
Negli oltre 50mila metri quadri di superficie e 27 sale convegni, con 1.400 editori che espongono i loro gioielli per la gioia dei 300mila  visitatori che ormai rappresentano la media consolidata di affluenza, si vedranno il Nobel Orhan Pamuk, che magari s'incrocia con David Grossman, Salman Rushdie, Alicia Giméne - Bartlett, Jeffrey Deaver, James Frey, Yu Hua, Alan Drew, accanto ai palestinesi Sayed Kashua, Ibraihim Nasrallah, all’egiziano Ala Al - Aswani e agli italiani Umberto Eco, Claudio Magris, Margaret Mazzantini, Paolo Giordano, Giorgio Faletti con il suo nuovo atteso romanzo, Lidia Ravera, Susanna Tamara, Antonio Scurati per dirne solo alcuni.
«Sarà una vera festa del libro - promette Ferrero -, unico protagonista di questi cinque giorni che si preannunciano ricchi di curiosità, grandi opere letterarie e dibattiti sui temi d’attualità e sul momento critico del Paese e del mondo».

Ferrero, si parla di crisi, ma sembra che per la Fiera di Torino questa parola non esista. Che cosa la rende sempre più attraente, competitiva, al centro dell’attenzione mondiale?
«Per fortuna l’editoria libraria sembra reggere all’onda d’urto della crisi, è uno dei comparti che ancora tiene. La foto di gruppo che il Lingotto offre credo sia confortante. Quanto alla Fiera, il suo successo nasce dalla partecipazione entusiasta di molti: la città, le sue istituzioni, le fondazioni bancarie che la sorreggono, ma soprattutto i lettori. E si deve alla sua natura composita: una grande mostra-mercato che è anche un festival con centinaia di eventi incontri dibattiti, momenti di spettacolo; uno spazio riservato a bambini e ragazzi con un programma specifico; un momento di incontro per i professionali, sempre più frequentato da editori e agenti letterari esteri. Senza dimenticare la città: Torino è diventata bellissima, e piena di attrazioni. Valga per tutte la Reggia di Venaria, che ospita proprio la fascinosa mostra dei tesori subacquei dell’Egitto ellenistico. Da non perdere».

Dopo il clima infuocato della vigilia dell’anno scorso, come vive quest’anno l’attesa dell’evento?
«In confronto all’anno scorso, è quasi un idillio, confortato dalla collaborazione degli editori che è stata particolarmente convinta, e i risultati sono visibili nel programma. Tutti vogliono esserci. La Fiera è diventata una specie di casa di famiglia in cui ritrovarsi per una festa comune. Anche per la presenza dell’Egitto qualcuno ha cercato di creare le solite polemiche».

Chi manovra queste provocazioni, a chi convengono?
«Nella società mediatica è risaputo che le prime pagine dei giornali non si guadagnano con il lavoro serio e le argomentazioni ponderate, ma con la polemica, il chiasso, la rissa, l’invettiva. I professionisti della polemica non si fanno mancare ogni occasione di visibilità. Osservo però che le polemiche dello scorso anno hanno fruttato alla Fiera quello che una campagna pubblicitaria da milioni di euro non avrebbe potuto fare. Ci siamo conquistati una notorietà planetaria. E dunque, grazie».

L'Egitto ha una grande cultura, ma in Italia non sono molte le opere tradotte. Qual è la maggiore caratteristica di questa letteratura?
«La bilancia delle traduzioni pende un po' troppo dalla parte italiana, come gli egiziani ci fanno amabilmente notare. Loro traducono abbastanza, noi poco. Occasioni come la Fiera servono proprio a ricuperare i ritardi, a colmare le lacune. La letteratura egiziana di oggi si misura con temi che sono poi quelli di sempre: il confronto spesso drammatico fra tradizione e modernità, la difficoltà del vivere, le frustrazioni di una società che cerca la propria identità, le poche speranze e le molte delusioni».

Fra gli scrittori contemporanei egiziani, chi in Fiera meglio rappresenta il proprio paese?
«Oggi lo scrittore egiziano più affermato nel mondo, dopo il Nobel Mahfouz, è Ala Al-Aswani, che è riuscito a dar voce alla molteplicità di aspetti della vita del Cairo, rappresentando un alveare condominiale della città. Il suo ''Palazzo Yacoubian'', tradotto da Feltrinelli, è diventato un best-seller mondiale. Poi ci sono dei giovani molto vicini ai loro confratelli occidentali più ''arrabbiati'', come Ahmed Al-Aidy, tradotto dal Saggiatore, che è stato paragonato a Palhaniuk. Stesse scissioni, stessi sconforti, stesso stile duro e diretto. Essere giovani oggi è dura dappertutto».

Sono presenti in Fiera, scrittori israeliani, libanesi, palestinesi, indiani eccetera: il mondo della cultura affratellato in barba a tutti gli odiosi tentativi di mettere l’uno contro l’altro?
«La Fiera ha sempre ospitato scrittori dei Paesi più disparati, e così avverrà in futuro. Ogni strumentalizzazione polemica non riuscirà certo a dividerli. Come diceva Primo Levi, la vita, anche quella letteraria, nasce proprio dall’impurità degli incroci, delle ibridazioni, dei meticciati. Da chi imparare, con chi misurarsi, se non con gli altri?».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Ritratti, curiosità, Storia: un altro weekend con le mostre di Fotografia Europea

REGGIO EMILIA

Ritratti, curiosità, Storia: un altro weekend con Fotografia Europea Foto Video

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Chiesa gremita per l'addio a "Camelot"

VIA GRENOBLE

Chiesa gremita per l'addio a "Camelot"

indagini

Pasimafi, il giallo dei pc rubati

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

tg parma

Scarpa: dalla sicurezza al welfare, ecco 10 punti per il rilancio della città Video

WEEKEND

Maschere in piazza, clown e... Cantine aperte: l'agenda

PARMA

E' morto Afro Carboni, storico gioielliere e volto della pesca su TvParma Video

DOPO SEI ANNI

Miss Italia torna a Salso

2commenti

Busseto

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

Autostrada

Il casello di Parma sarà chiuso per 3 notti

POLITICA

E adesso nasce anche «Effetto Langhirano»

1commento

Lutto

Addio a Erminio Sassi, anima della Fontanellatese

Lega Pro

La Lucchese ai raggi X

Polemica

«Climatizzatori nei bagni Tep ma bus roventi»

SAN GIOVANNI

Il piccolo falco «Sandro» è caduto dal nido

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

4commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

CINEMA

Eva e Emmanuelle: a Cannes le muse di Polanski Video

ITALIA/MONDO

palermo

Bimbo di un anno muore soffocato da un'oliva

VISITA

Il Papa a Genova: "Oggi il lavoro è a rischio. No alla speculazione" Foto

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

Calciomercato

Milan, ultimatum a Donnarumma

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima