10°

22°

Arte-Cultura

La prima festa della Liberazione

Ricevi gratis le news
0

 La «Gazzetta di Parma» del 10 maggio 1945, direttori del giornale, da pochi giorni, Ferdinando Bernini e Tito de Stefano, riporta , con grande risalto in un lunghissimo articolo, gli avvenimenti della «Giornata del Patriota» (9 maggio) in onore soprattutto del Corpo Volontari della Libertà (circa ottomila) e delle loro varie Divisioni e Brigate (Pablo, Garibaldi, Julia, Orsaro, Valtaro, Valceno, Cisa, Beretta, Siligato…) che sfilavano per le vie del centro e si ammassavano poi in piazza Garibaldi fra lacrime e abbracci dei cittadini in tripudio. Si celebrava la fine dall’oppressione fascista e nazista: i discorsi, gli entusiasmi, la fierezza, l’orgoglio partigiano, lo spirito di patria dei partigiani, dei volontari, delle autorità, della Chiesa di Parma, dei cittadini esultanti, tutti, riuniti in nome della libertà conquistata e della nuova insperata attesa di futuro e di cambiamento.

Uomini come Giacomo Ferrari (il valoroso comandante Arta, simbolo della lotta per la quale sacrificò ciò che più amava, il figlio Brunetto), il prof. Pellizzari (Poe) il colonnello Alfred Bowmans, il generale Mario Roveda, il vescovo mons. Evasio Colli, padre Paolino Beltrame Quattrocchi, partigiani del Distaccamento Carpi della XII brigata Garibaldi (in prima fila), il Colonnello Gloria (Paolo Ceschi), Ottavio Luna (Otto) e molti altri, sono visibili nella foto qui pubblicata (originale della famiglia Gabrielli) che oggi, più che mai, appare come un raro, documento storico. La piazza era gremita, gli animi surriscaldati, la gioia straripante, il clima esplosivo quasi di esaltazione collettiva. La celebrazione iniziò con nobili discorsi e con le parole del colonnello Bowmans seguite da quelle del generale Roveda e del prefetto Arta che incendiarono gli animi e le menti. A questo punto, inaspettata, vi fu una sparatoria di cui la «Gazzetta» non riportò notizia. Colpi di arma da fuoco che non si capiva bene da dove provenissero. Ne seguì una grande confusione, un fuggi-fuggi generale specialmente di cittadini spaventati e ancora scossi da paure ed orrori di guerra. Non si seppe mai esattamente l’origine e la verità su questo episodio anche se Pietro Bonardi riporta, (in una nota del suo libro «La Chiesa di Parma e la Guerra ’40-'45»), che forse avvenne a causa dell’assalto di alcuni intemperanti alle botti di vino predisposte in un angolo per festeggiare la giornata.

Il caos che ne era seguito aveva costretto la polizia partigiana a sparare a salve. Fu allora che Padre Paolino, medaglia d’argento al valor militare (per una «impossible mission» partigiana, affidatagli personalmente dal generale Cadorna tesa a salvare molte vite a fine guerra), salì sul palco e riuscì a calmare gli animi con le parole della pace che è lo scopo ultimo e principale di ogni liberazione. Il suo discorso, di cui ci piace riportare almeno una parte, fu pubblicato interamente dalla «Gazzetta di Parma» del ‘45. «…Bravi patrioti, le salve che avete sparato mettendo in fuga molti degli antichi imboscati, mi piace anche quella. L’odore di polvere a voi non mette paura. E siete cari appunto così, con le vostre intemperanze di giovani che sanno essere al momento opportuno, uomini maturi e saldi su cui la patria può contare… Voi siete l’orgoglio di questa Parma che risorge… siete la speranza e la certezza per il domani. E sul suolo sacro di questa Parma combattuta e difesa, voi, i braccati di ieri, voi, i fuorilegge di ieri, voi, i calunniati di ieri, avete dimostrato che la legge eravate voi, che la legge la salvavate e l’avete salvata voi. Ed è in nome di questa legge, che voi oggi figli di Parma, figli di Italia, deponete disciplinati le vostre armi. «Non è una umiliazione, né una mancanza di riguardo per voi. E’ la coerenza… Voi siete stati i volontari della libertà: ormai che la libertà l’avete guadagnata per noi e per voi, la ragione della vita fuori norma è cessata. Voi diventerete gli artefici della norma. Non più con quelle collane pericolose, scoppiettanti, non più con quelle chiome belle fino ad oggi… non più con quegli abiti più o meno sbrindellati. Da domani vita nuova, vita di casa, vita dei campi, vita delle officine, vita della famiglia dove c’è un nido che da tanto vi attende, dove c’è una mamma eroica come voi che un giorno vi ha fatto partire, benedicendovi che, ogni sera, ha pregato per voi e che ha il diritto di riabbracciarvi al più presto col serto di una gloria che nessuno potrà cancellare dalla vostra fronte. «Figlioli patrioti, al lavoro. Nell'unità, nell'amore, con la benedizione di Dio.

L'esponente più alto della vostra provincia, il vostro Arta che con voi ha diviso i sacrifici ed il sangue ed i lutti, l'uomo che porta per tutti voi impresso nel cuore la piaga di un tremendo sacrificio, in nome suo ed in nome vostro, ha detto: «Giustizia estrema, ma non vendetta». Così sia ,figlioli. Sia questa la vostra promessa prima di tornare alle vostre case. Così uniti Garibaldini e Iulia, Pablo e Giustizia e Libertà… tutti uniti in un solo nome, in un solo colore, in un solo cemento di fede e di sacrificio, in un solo abbraccio che tutti ci affratella, in questa gloriosa giornata. Figli di Parma, figli di Italia, figli di Dio, che Iddio vi benedica, vi accompagni, vi custodisca in questa ripresa in armonia di giustizia, di carità e su tante macerie e sulle trincee erette dai vostri spiriti e dai vostri petti, risorga nuova, giusta, fiera, dignitosa, nobile, la grande madre: “L’Italia”». Dopo questo discorso gli animi erano completamente sedati e la celebrazione patriottica si concludeva con le parole del patriota Lamberti (Amerigo Clocchiati, vicecomandante del Comando generale Nord Emilia) inneggianti alla fortuna ed al futuro di una Italia libera e risorta contro il nemico tedesco e all’oppressore fascista. Le formazioni rientravano ordinatamente ai propri distaccamenti fra gli applausi della folla festante: i più sentiti erano per le Brigate del Corpo Volontari della Libertà. Padre Paolino, 40 anni dopo, il 13 gennaio 1988, ebbe a dire nel Monastero di S. Giovanni: «Esistevano formazioni partigiane laiche e formazioni cristiane, un Comando Unico Operativo che, per mesi, vide il connubio che oggi chiamerei “ecumenico” fra un comandante comunista, il carissimo Giacomo Ferrari ed un commissario politico unico, Achille Pellizzari, dichiaratamente cristiano». Un momento unico a Parma, in cui gli opposti si incontrarono nel nome di un ideale di pace, giustizia e libertà più alto e partecipato, super partes, che infiammò gli animi di molti e in cui «i cristiani e la Chiesa di Parma fecero da baluardo all’irrompere dell’odio fratricida, delle vendette, delle rappresaglie e di possibili progetti sovversivi…». Per questo Parma e provincia non conobbero quel bagno di sangue che funestò altre zone. ROSANGELA RASTELLI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

UNIVERSITA'

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

di Katia Golini

Lealtrenotizie

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

mafia

Riina non sta bene, non si può muovere dall'ospedale di Parma: slitta il processo

Carcere Parma, per motivi salute no trasferimento da ospedale

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

4commenti

Trasporto pubblico

Autobus: accolto dal Tar il ricorso Tep

3commenti

elezione del segretario

Pd , 19 congressi su 51: testa a testa Cesari (229 voti) Moroni (223)

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

1commento

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 il finalista del gruppo 8

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Fidenza

I ladri si ripresentano alla Pinko

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

2commenti

ITALIA/MONDO

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

iraq

Kirkuk, Trump: "Non ci schieriamo, non dovevamo stare lì"

SPORT

prossimo avversario

Posticipo del lunedì: Entella-Empoli 2-3

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel