16°

30°

CULTURA

Rosanna Carteri, soprano impeccabile e assoluto

Biografia della cantante scritta da Paolo Padoan

Rosanna Carteri

Rosanna Carteri

Ricevi gratis le news
0

 

N ella colonna dei non pochi «Tornate all’antico, e sarà un progresso» che urgono alla moderna educazione dei cantanti d’opera, l’assennatezza dello studio è indifferibile. Facili miraggi di guadagni e notorietà, aggiunti a eccessi di autostima artistica e alla fretta di crescere, creano illusioni e impoveriscono i palcoscenici, mistificando la qualità. Ecco, Rosanna Carteri è l’esempio dell’opposto di tutto questo: consapevolezza e cura dei propri mezzi, saggezza di non abbassarsi alla competizione triviale, istinto di fare il giusto senza scivolare nelle tentazioni della ribalta, tanto che nel 1966, a trentasei anni, nel pieno del fulgore internazionale, ha spedito di colpo in soffitta il mondo operistico. Del resto, aveva già rifiutato un’offertona della Paramount che le chiedeva di allontanarsi dai palcoscenici, lasciando così nel proprio carnet extrateatrale solo una comparsa al «Musichiere», una in un Carosello di famosi biscotti – quando cioè la tv era popolare e cólta allo stesso tempo – e un cameo in un film del 1956 con Sordi e Fabrizi, «Mi permette babbo», nei panni di se stessa mentre canta nell’ultimo atto della «Traviata» (e Sordi che fa il medico Grenville). Per il resto, Rosanna Carteri è stata sempre e solo teatro d’opera, e relativi dischi, in fondo le era naturale destino: studi di pianoforte e canto nella sua Verona, con Cusinati ed Ederle, debutto non ancora diciannovenne in «Lohengrin» ma soprattutto un anno dopo «Suor Angelica» all’Opera di Roma, che già disegna un ritratto d’interprete. Puccini diventerà infatti terreno prediletto per una soprano lirico naturalissimo che prudentemente non uscirà da quelle regioni vocali, al massimo qualche escursione in aree più leggere (Susanna, Zerlina, Adina), ma sempre consapevole dei propri mezzi e per questo padroneggiandoli con naturalezza. Certamente la natura aveva fatto il suo: eleganza, avvenenza, timbro corposo dai centri pieni; una tecnica ben studiata le ha portato espressività, sicurezza, facilità nei cambi di registro, emissione chiara, espressività, fluidità – mai si sentono nei suoi dischi accentazioni pesanti, mai legati approssimativi, mai smorzature singhiozzanti. Per certi versi, la Carteri fu un Alfredo Kraus al femminile: tecnica impeccabile, intelligenza interpretativa e nessuna escursione pericolosa. Opportunamente Paolo Padoan, che ne ha appena ricostruito una sostanziosa biografia per Marsilio («Rosanna Carteri. Il fascino di una voce»), annota ad esempio il suo rapido abbandono di un personaggio come Tosca pur dopo alcune felicissime esecuzioni, come segno di cura del repertorio. Eppure, consultando i minuziosi repertori di questo libro – che sarà presentato oggi alle 17,30 al Ridotto del Teatro Regio di Parma da chi scrive, da Armando Torno (saggista, musicofilo, nota firma del «Corriere della Sera» e prefatore del volume) e dall’amministratore esecutivo della Fondazione Teatro Regio Carlo Fontana, con la partecipazione della stessa Rosanna Carteri – il repertorio abbracciato in diciotto anni appare ragguardevole, fra cui la prima di «Il calzare d’argento» di Pizzetti, «La Cecchina» di Piccinni (debutto scaligero), persino, udite udite, l'«Orlando» di Händel e «L’opera d’Aran» di Gilbert Bécaud. A sentire lei però, il suo mondo erano Puccini e Verdi. Se con le sue Mimì, Suor Angelica, Butterfly, Liù siamo di fronte a esempi assoluti d’interpretazione, con Traviata e Desdemona entriamo in un altro campo. Fu Violetta nella prima prima opera trasmessa dalla Rai, fu una «Traviata» all’Opéra in cui il direttore di «Le Figaro» le confessò di preferirla alla Callas, e fu lei a cantare al Regio Violetta nel 1962 diretta da Basile con un giovane Alfredo Kraus. Ma nella sua Violetta non c’era il taglio vocale, c’era la passione del personaggio. Inutile dire che una cantante così dal loggione del Regio non avrebbe mai dovuto temere alcunché e infatti solo fiori le caddero addosso l’anno successivo con la «Manon» di Massenet – altro suo ruolo da incorniciare. Il modello era chiaramente Maria Caniglia, e forse anche per questo rimase lontana dalle spade incrociate da Callas e Tebaldi, apparendo anzi come un atipico caso di soprano eccellente eppure antidiva, eppure antidiva pur ammessa unanimemente al livello delle Callas, delle Tebaldi e delle Schwarzkopf, pur frequentando personalmente la Callas, pur facendosi dirigere ammirata da Toscanini e Furtwängler, pur cantando per Elisabetta II e per Reza Pahlavi. Nessuna sorpresa allora se dopo un «Otello», proprio al Regio di Parma, Rosanna Carteri decise di preferire il marito Franco Grosoli, la famiglia e una vita appartata, senza pentimenti per il prima e per il dopo, e concendendosi solo qualche apparizione per lo più per beneficenza, di cui una a Parma nel 1971, tanto quello che era fatto era fatto, ed era stato fatto bene.
Rosanna Carteri
Marsilio, pag. 303, 23,00

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

astronomia

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Barca prende fuoco e affonda nel Po, Marco Padovani muore annegato

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

7commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

anteprima gazzetta

La "cattedrale segreta", alla scoperta del duomo

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

Non c'è posto? Qualcuno parcheggia lo stesso

gazzareporter

Lavori di asfaltatura barriera Repubblica

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

2commenti

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

1commento

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti