-2°

CULTURA

Rosanna Carteri, soprano impeccabile e assoluto

Biografia della cantante scritta da Paolo Padoan

Rosanna Carteri

Rosanna Carteri

Ricevi gratis le news
0

 

N ella colonna dei non pochi «Tornate all’antico, e sarà un progresso» che urgono alla moderna educazione dei cantanti d’opera, l’assennatezza dello studio è indifferibile. Facili miraggi di guadagni e notorietà, aggiunti a eccessi di autostima artistica e alla fretta di crescere, creano illusioni e impoveriscono i palcoscenici, mistificando la qualità. Ecco, Rosanna Carteri è l’esempio dell’opposto di tutto questo: consapevolezza e cura dei propri mezzi, saggezza di non abbassarsi alla competizione triviale, istinto di fare il giusto senza scivolare nelle tentazioni della ribalta, tanto che nel 1966, a trentasei anni, nel pieno del fulgore internazionale, ha spedito di colpo in soffitta il mondo operistico. Del resto, aveva già rifiutato un’offertona della Paramount che le chiedeva di allontanarsi dai palcoscenici, lasciando così nel proprio carnet extrateatrale solo una comparsa al «Musichiere», una in un Carosello di famosi biscotti – quando cioè la tv era popolare e cólta allo stesso tempo – e un cameo in un film del 1956 con Sordi e Fabrizi, «Mi permette babbo», nei panni di se stessa mentre canta nell’ultimo atto della «Traviata» (e Sordi che fa il medico Grenville). Per il resto, Rosanna Carteri è stata sempre e solo teatro d’opera, e relativi dischi, in fondo le era naturale destino: studi di pianoforte e canto nella sua Verona, con Cusinati ed Ederle, debutto non ancora diciannovenne in «Lohengrin» ma soprattutto un anno dopo «Suor Angelica» all’Opera di Roma, che già disegna un ritratto d’interprete. Puccini diventerà infatti terreno prediletto per una soprano lirico naturalissimo che prudentemente non uscirà da quelle regioni vocali, al massimo qualche escursione in aree più leggere (Susanna, Zerlina, Adina), ma sempre consapevole dei propri mezzi e per questo padroneggiandoli con naturalezza. Certamente la natura aveva fatto il suo: eleganza, avvenenza, timbro corposo dai centri pieni; una tecnica ben studiata le ha portato espressività, sicurezza, facilità nei cambi di registro, emissione chiara, espressività, fluidità – mai si sentono nei suoi dischi accentazioni pesanti, mai legati approssimativi, mai smorzature singhiozzanti. Per certi versi, la Carteri fu un Alfredo Kraus al femminile: tecnica impeccabile, intelligenza interpretativa e nessuna escursione pericolosa. Opportunamente Paolo Padoan, che ne ha appena ricostruito una sostanziosa biografia per Marsilio («Rosanna Carteri. Il fascino di una voce»), annota ad esempio il suo rapido abbandono di un personaggio come Tosca pur dopo alcune felicissime esecuzioni, come segno di cura del repertorio. Eppure, consultando i minuziosi repertori di questo libro – che sarà presentato oggi alle 17,30 al Ridotto del Teatro Regio di Parma da chi scrive, da Armando Torno (saggista, musicofilo, nota firma del «Corriere della Sera» e prefatore del volume) e dall’amministratore esecutivo della Fondazione Teatro Regio Carlo Fontana, con la partecipazione della stessa Rosanna Carteri – il repertorio abbracciato in diciotto anni appare ragguardevole, fra cui la prima di «Il calzare d’argento» di Pizzetti, «La Cecchina» di Piccinni (debutto scaligero), persino, udite udite, l'«Orlando» di Händel e «L’opera d’Aran» di Gilbert Bécaud. A sentire lei però, il suo mondo erano Puccini e Verdi. Se con le sue Mimì, Suor Angelica, Butterfly, Liù siamo di fronte a esempi assoluti d’interpretazione, con Traviata e Desdemona entriamo in un altro campo. Fu Violetta nella prima prima opera trasmessa dalla Rai, fu una «Traviata» all’Opéra in cui il direttore di «Le Figaro» le confessò di preferirla alla Callas, e fu lei a cantare al Regio Violetta nel 1962 diretta da Basile con un giovane Alfredo Kraus. Ma nella sua Violetta non c’era il taglio vocale, c’era la passione del personaggio. Inutile dire che una cantante così dal loggione del Regio non avrebbe mai dovuto temere alcunché e infatti solo fiori le caddero addosso l’anno successivo con la «Manon» di Massenet – altro suo ruolo da incorniciare. Il modello era chiaramente Maria Caniglia, e forse anche per questo rimase lontana dalle spade incrociate da Callas e Tebaldi, apparendo anzi come un atipico caso di soprano eccellente eppure antidiva, eppure antidiva pur ammessa unanimemente al livello delle Callas, delle Tebaldi e delle Schwarzkopf, pur frequentando personalmente la Callas, pur facendosi dirigere ammirata da Toscanini e Furtwängler, pur cantando per Elisabetta II e per Reza Pahlavi. Nessuna sorpresa allora se dopo un «Otello», proprio al Regio di Parma, Rosanna Carteri decise di preferire il marito Franco Grosoli, la famiglia e una vita appartata, senza pentimenti per il prima e per il dopo, e concendendosi solo qualche apparizione per lo più per beneficenza, di cui una a Parma nel 1971, tanto quello che era fatto era fatto, ed era stato fatto bene.
Rosanna Carteri
Marsilio, pag. 303, 23,00

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi in centro: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere fuori servizio

1commento

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

20commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa