14°

Arte-Cultura

Una vita armata di penna

Una vita armata di penna
1

Claudio Rinaldi
Dice che l'Italia è il suo cuore e l'Uruguay la sua anima, Federico Guiglia. La vita può essere un romanzo: la sua lo è, nessun dubbio su ciò. E proprio in un romanzo la racconta – dall'infanzia a Montevideo all'adolescenza in Italia, alla professione di giornalista in giro per il mondo – nel volume da poco uscito in libreria, «Ho toccato l'Italia col piede destro» (sottotitolo: «La vita controcorrente di un giornalista che ha sempre creduto nei suoi sogni», Aliberti editore, 216 pagine, 15 euro).
E' giornalista per vocazione, Guiglia. Oggi, alla soglia dei cinquant'anni, è editorialista della «Gazzetta di Parma» e conduttore, con Lilli Gruber, di «Otto e mezzo» su «La7». In un quarto di secolo di professione ha fatto tutti gli scalini, da cronista a direttore. Cresciuto nella «scuola» di Indro Montanelli, è diventato giornalista parlamentare e poi vicecaporedattore del «Giornale», poi vicedirettore e quindi direttore del «Borghese». Ha scritto per oltre venti testate, in Italia e all'estero, e curato rubriche e inchieste per «Rai International».
Con la penna agile e brillante che i lettori ben conoscono, Guiglia racconta tutto se stesso. Con sincerità, con passione. Un «viaggio» che parte da Montevideo, dove è nato – da padre mantovano e madre uruguaiana – e ha vissuto tredici anni. Non certo facili, specie gli ultimi: quando è stato vittima di una separazione molto conflittuale dei genitori. A tredici anni il padre lo pone di fronte a una scelta non propriamente da bambino. E lui sceglie: sceglie di fuggire dal Sudamerica da clandestino, con padre e fratellino, verso una nuova vita in Italia: a Merano. Dove qualche anno dopo mette in piedi, con la famiglia, una radio privata: è allora che nasce il germe del giornalismo.
Con enorme fatica – dopo aver bussato alla porta di una ventina e più di giornali, lungo tutto lo Stivale, collezionando solo tanti sorrisi e nessuna proposta di lavoro – riesce a «piazzare» un pezzo sul «Giornale» del suo mito Montanelli. Un deputato, indignato per il taglio delle sue prime collaborazioni dall'Alto Adige,  in cui sottolineava le forti difficoltà vissute dalla minoranza italiana, mette nero su bianco le sue proteste e le manda, piccato, a Montanelli. Il quale, allergico alle pressioni dei potenti, mette la lettera in una busta e la spedisce al giovane collaboratore esordiente, come «trofeo». «Lo scudo di libertà per anni garantito da Montanelli a tutti noi – i suoi giornalisti – era impenetrabile».
Era destino che Guiglia entrasse al «Giornale», prima o poi: di Montanelli si era innamorato da tempo: per quel che scriveva e per come lo scriveva (il suo italiano – dice – «aveva la persuasione del canto e l'eleganza del dipinto»).
Da giornalista, gira il mondo (Machu Picchu e Patagonia, Brasile e Stati Uniti, Tokyo e Helsinki, Londra e Berlino, Colonia e Bucarest, Madrid e Gerusalemme) prima di approdare a Roma. Roma, Parlamento. Camera e Senato. Diventa uno dei più grandi esperti dei retroscena che stanno dietro i governi, le alleanze, le riforme più o meno fasulle.
La vita di Guiglia s'intreccia, inevitabilmente, con quella dei leader politici della prima e della seconda Repubblica. Craxi, per cominciare: di lui ricorda le «luci potenti» («anticipatore di Ciampi per la patria, di Bossi per il linguaggio, di Berlusconi per la capacità d'entrare in sintonia con il sentire “popolare” degli italiani») oltre alle «ombre pesanti», alla fine che tutti sappiamo. Andreotti, al quale Guiglia strappa un'intervista-scoop, finita in prima sul «Giornale» con titolo a tutta pagina, appostandosi all'alba davanti al suo ufficio. Di Berlusconi ricorda un «no» di cui va particolarmente orgoglioso. Intervista telefonica, poco dopo la «discesa in campo». Berlusconi è l'editore del «Giornale» (di cui Guiglia è vicecaporedattore e responsabile del settore politico). A fine chiacchierata, il Cavaliere chiede educatamente di poter leggere l'intervista, prima della pubblicazione, «per controllare quel che ho detto». «Non si preoccupi: sono sicuro di aver ascoltato bene le sue considerazioni – gli nega la cortesia Guiglia –. Vedrà che le riporterò con correttezza». Cala il gelo. E, ancora una volta, Guiglia ringrazia il grande Montanelli, «per il grande patrimonio che seppe infondere nei suoi giornalisti, insegnando loro a dire di no, nel loro piccolo, ma dignitoso mestiere, perfino a Silvio Berlusconi. E in quelle circostanze».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giovanna

    06 Gennaio @ 17.10

    Molto interessante questa pubblicazione. Sono contento di averla letta. Non credevo che fosse così interessante, per quanto non sia altamente drammatico. E' molto cinvolgente però. Ci si lascia attrarre dalla separazione dei genitori, la fuga dall 'Uruguay, iil coronamento di quello che questo giornalista cercava.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

1commento

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

«Strada del Traglione? Uno schifo»

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

Scabbia

L'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

lega pro

Basta un gol: il Parma espugna Salò (1-0) e risponde al Venezia Gallery Video: il gol

Mazzocchi e Corapi: "Partita rognosa, ma aabiamo portato a casa i tre punti" (Video) - Pacciani: "Poco brillanti, ma conta la vittoria" (Video)La squadra saluta gli oltre ottocento tifosi (Video)Il Venezia schiaccia la Samb 3-1. Anche il Padova vince (Risultati e classifica)

2commenti

parma-feralpi

D'Aversa. "Risultato importante, ma vorrei più personalità" Video

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

11commenti

gazzareporter

Il soffitto della palestra "Del Chicca" perde i pezzi

1commento

Carabinieri

Legna e pellet non pagati: commerciante di Parma raggirato nel Reggiano

Bagnolo in Piano: denunciato un 52enne di Crotone, la nipote e il suo compagno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

10commenti

ITALIA/MONDO

brescello

Ristoratore respinge due rapinatori armati di scacciacani

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

SOCIETA'

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

il libro

Vita, morte e miracoli: i Pearl Jam "scritti" da due fan

SPORT

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

SEI NAZIONI

L'Italia perde lottando a Twickenham

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia