-3°

Arte-Cultura

Una vita armata di penna

Una vita armata di penna
1

Claudio Rinaldi
Dice che l'Italia è il suo cuore e l'Uruguay la sua anima, Federico Guiglia. La vita può essere un romanzo: la sua lo è, nessun dubbio su ciò. E proprio in un romanzo la racconta – dall'infanzia a Montevideo all'adolescenza in Italia, alla professione di giornalista in giro per il mondo – nel volume da poco uscito in libreria, «Ho toccato l'Italia col piede destro» (sottotitolo: «La vita controcorrente di un giornalista che ha sempre creduto nei suoi sogni», Aliberti editore, 216 pagine, 15 euro).
E' giornalista per vocazione, Guiglia. Oggi, alla soglia dei cinquant'anni, è editorialista della «Gazzetta di Parma» e conduttore, con Lilli Gruber, di «Otto e mezzo» su «La7». In un quarto di secolo di professione ha fatto tutti gli scalini, da cronista a direttore. Cresciuto nella «scuola» di Indro Montanelli, è diventato giornalista parlamentare e poi vicecaporedattore del «Giornale», poi vicedirettore e quindi direttore del «Borghese». Ha scritto per oltre venti testate, in Italia e all'estero, e curato rubriche e inchieste per «Rai International».
Con la penna agile e brillante che i lettori ben conoscono, Guiglia racconta tutto se stesso. Con sincerità, con passione. Un «viaggio» che parte da Montevideo, dove è nato – da padre mantovano e madre uruguaiana – e ha vissuto tredici anni. Non certo facili, specie gli ultimi: quando è stato vittima di una separazione molto conflittuale dei genitori. A tredici anni il padre lo pone di fronte a una scelta non propriamente da bambino. E lui sceglie: sceglie di fuggire dal Sudamerica da clandestino, con padre e fratellino, verso una nuova vita in Italia: a Merano. Dove qualche anno dopo mette in piedi, con la famiglia, una radio privata: è allora che nasce il germe del giornalismo.
Con enorme fatica – dopo aver bussato alla porta di una ventina e più di giornali, lungo tutto lo Stivale, collezionando solo tanti sorrisi e nessuna proposta di lavoro – riesce a «piazzare» un pezzo sul «Giornale» del suo mito Montanelli. Un deputato, indignato per il taglio delle sue prime collaborazioni dall'Alto Adige,  in cui sottolineava le forti difficoltà vissute dalla minoranza italiana, mette nero su bianco le sue proteste e le manda, piccato, a Montanelli. Il quale, allergico alle pressioni dei potenti, mette la lettera in una busta e la spedisce al giovane collaboratore esordiente, come «trofeo». «Lo scudo di libertà per anni garantito da Montanelli a tutti noi – i suoi giornalisti – era impenetrabile».
Era destino che Guiglia entrasse al «Giornale», prima o poi: di Montanelli si era innamorato da tempo: per quel che scriveva e per come lo scriveva (il suo italiano – dice – «aveva la persuasione del canto e l'eleganza del dipinto»).
Da giornalista, gira il mondo (Machu Picchu e Patagonia, Brasile e Stati Uniti, Tokyo e Helsinki, Londra e Berlino, Colonia e Bucarest, Madrid e Gerusalemme) prima di approdare a Roma. Roma, Parlamento. Camera e Senato. Diventa uno dei più grandi esperti dei retroscena che stanno dietro i governi, le alleanze, le riforme più o meno fasulle.
La vita di Guiglia s'intreccia, inevitabilmente, con quella dei leader politici della prima e della seconda Repubblica. Craxi, per cominciare: di lui ricorda le «luci potenti» («anticipatore di Ciampi per la patria, di Bossi per il linguaggio, di Berlusconi per la capacità d'entrare in sintonia con il sentire “popolare” degli italiani») oltre alle «ombre pesanti», alla fine che tutti sappiamo. Andreotti, al quale Guiglia strappa un'intervista-scoop, finita in prima sul «Giornale» con titolo a tutta pagina, appostandosi all'alba davanti al suo ufficio. Di Berlusconi ricorda un «no» di cui va particolarmente orgoglioso. Intervista telefonica, poco dopo la «discesa in campo». Berlusconi è l'editore del «Giornale» (di cui Guiglia è vicecaporedattore e responsabile del settore politico). A fine chiacchierata, il Cavaliere chiede educatamente di poter leggere l'intervista, prima della pubblicazione, «per controllare quel che ho detto». «Non si preoccupi: sono sicuro di aver ascoltato bene le sue considerazioni – gli nega la cortesia Guiglia –. Vedrà che le riporterò con correttezza». Cala il gelo. E, ancora una volta, Guiglia ringrazia il grande Montanelli, «per il grande patrimonio che seppe infondere nei suoi giornalisti, insegnando loro a dire di no, nel loro piccolo, ma dignitoso mestiere, perfino a Silvio Berlusconi. E in quelle circostanze».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giovanna

    06 Gennaio @ 17.10

    Molto interessante questa pubblicazione. Sono contento di averla letta. Non credevo che fosse così interessante, per quanto non sia altamente drammatico. E' molto cinvolgente però. Ci si lascia attrarre dalla separazione dei genitori, la fuga dall 'Uruguay, iil coronamento di quello che questo giornalista cercava.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Kim Kardashian divorzia?

Gossip

Kim Kardashian divorzia?

ManìnBlù: "Questa canzone"

singolo prenatalizio

ManìnBlù, il nuovo singolo: "Questa canzone" Video

E' nato l'ottavo figlio di Mick Jagger

Mick Jagger

New York

E' nato l'ottavo figlio di Mick Jagger Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

GUSTO

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

Lealtrenotizie

D'Aversa, buona la prima:  1-0 e 3 punti d'oro a Bolzano

17a giornata

D'Aversa, buona la prima: 1-0 e 3 punti d'oro a Bolzano Guarda il gol - Fotogallery

Nocciolini: "Stesso Parma, ma con più grinta", Scavone: "Bene, ma la strada è lunga" (Video)Pacciani: "Vittoria sofferta ma meritata" (Videocommento) - D'Aversa: "Primo tempo sofferto, poi la squadra ha tenuto" (Video)Lega Pro, risultati e classifica (guarda)

3commenti

sudtirol-parma 0-1

D'Aversa: "Primo tempo sofferto, poi abbiamo tenuto bene" Video

Anteprima Gazzetta

Le anticipazioni del bilancio 2017 del Comune di Parma

L'austerity è finita: assessorato per assessorato tutti gli interventi previsti

incidente

Auto contro un palo a Soragna: 21enne ferito

WEEKEND

Natale nell'aria: dagli acrobati ai mercatini i 5 eventi imperdibili

feste

Si accende l'albero in piazza: suggestioni natalizie nella nebbia Video

Polizia municipale

Dalla Puglia a Collecchio in tre ore? No, tachigrafo truccato: maxi-multa

2commenti

Inchiesta

Emergenza truffe: come difendersi

2commenti

tg parma

Incidente a Brescello: quattro feriti, due bambini al Maggiore

musica parma

"Malaccetto", Cattabiani presenta il nuovo album

Venerdì sera all'App@Colombofili - "Così si sente il cantautore" (leggi l'intervista)

MONTICELLI

Addio a Tina Varani, una vita per la famiglia

Originaria di Fidenza, per più di 30 anni aveva gestito "Il Cantuccio" con il marito

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

5commenti

politica

Alfieri: "Richiedenti asilo, nel 2017 potrebbero essere 1700"

Parma

Atti vandalici al gattile

1commento

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

12commenti

Gazzareporter

Discarica abusiva a Parma Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

CONTI PUBBLICI

La manovra è legge: ecco cosa cambia

2commenti

Reggio Emilia

Si travestiva e pagava ragazzini per fare sesso: arrestato 40enne, più di 30 vittime

1commento

SOCIETA'

Londra

E' morto Greg Lake, la voce di Emerson, Lake and Palmer

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

SPORT

Storie di ex

Fiorentina avanti in Europa grazie a Chiesa jr.

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

MOTORI

Suzuki, il grande ritorno di Ignis