13°

23°

Arte-Cultura

La storia in una storia

La storia in una storia
Ricevi gratis le news
0

Coetaneo di Giampaolo Pansa, chi scrive sa bene cosa è stata la seconda grande guerra, come si vissero gli anni immediatamente seguiti alla fine del conflitto e quale Italia è stata quella della ricostruzione e del benessere economico. Ma non avrebbe mai immaginato che Pansa potesse raccontare in un libro come questo «Il revisionista» edito da Rizzoli, la storia che ci riguarda tanto da vicino della quale fummo prima inconsapevoli protagonisti e poi attori nella scuola, nelle professioni e anche nel giornalismo. «Il revisionista» è un libro di straordinaria suggestione, tramato senza finzioni e allusioni, pulito e orgoglioso di sé, pieno di fatti e di personaggi grandi e piccoli, piccoli che diventano grandi e grandi che s'assottigliano smagriti dalla forza interpretativa e severamente profilante dell'autore. Eppure, chi scrive pensa anche che questo libro dovevamo prima  o poi aspettarcelo, perché da tempo Pansa girava attorno ai nostri anni come lo scienziato che intravede una scoperta ma non sa ancora come affrontarla. «Il sangue dei vinti», «La Grande Bugia», «I Gendarmi della Memoria» e specialmente l'ancora recente «I tre inverni della paura» ci preparavano a questo incontro che trae origine dalla più semplice e diretta gestione della memoria infilandosi poi lungo il cammino del Novecento con gioia e patimento e con una serie di ricordi, immagini, dialoghi, intenzioni, suggestioni e riflessioni che riaprono non solo il discorso sempre complesso sull'autobiografia dell'autore famoso, ma soprattutto sull'interpretazione generale di un mondo come quello giornalistico e politico che trascina secco una prevedibile e complicata serie di problemi da revisionare continuamente. Pansa non teme, tuttavia, d'apparire revisionista. E, del resto, ogni racconto storico cerca la propria via d'espressione e di fatto revisiona il già detto e il già scritto. Revisionista era la nonna di Pansa, Caterina.  Revisionista lo è stato Montanelli, che sapeva rileggere vicende e protagonisti aldilà dell'intangibilità peraltro antistorica delle situazioni. Revisionista lo fu Italo Pietra che cercava di sapere il nome di colui che aveva bruciato la sua casa sul monte Penice nell'agosto del '44, rivolgendosi ai suoi giornalisti del «Giorno». Revisionista lo era e lo è Giorgio Bocca a suo modo, uno dei «maestri indiretti» di Pansa, come Alberto Cavallari. Lo era Giulio De Benedetti. Lo era «l'uomo-pesca» Alessandro Galante Garrone, un gentiluomo «tenero di fuori e duro dentro». E lo sono, pur tra mille sfumature, tutti coloro, come Pansa, che cercando di capire i perché della storia scelgono più i dubbi che le certezze acquisite. Tutto questo libro pullula di ricerche e di domande. Le vicende e i personaggi del giornalismo e della politica lo dominano e spesso mettono in secondo piano le avventure dell'autore stesso, che si fa da parte perché meglio si evidenzino i costumi della società italiana novecentesca di prima, durante e dopo la guerra del '40. Infinite curiosità ha seminato perciò Pansa nelle proprie pagine; se le prime cento offrono il palpitare di una certa gioventù non compromessa ancora con gli errori e le speranze della maturità, il centro dell'opera, specialmente i capitoli terzo, quarto e quinto, descrivono il radicamento profondo della Sinistra comunista in Italia, mentre le ultime duecento pagine restano riservate alle ondate di sdegno o di approvazione suscitate dai volumi precedenti questo. Anche Pansa eccelle nei profili e nei ritratti dei personaggi con i quali, pur ammirandoli, confligge e intimamente discute. Memorabile il capitolo su Berlinguer segretario del Pci. Dolentemente affettuoso quello su Casalegno, e ugualmente commosso ma mai celebrativo quello su Claudio Rinaldi che non voleva diventare né cortigiano né amichetto di qualcuno sulle pagine de «L'Espresso».
Intanto, Pansa è diventato negli ultimi anni il «Maledetto Pansa!». Dunque, non solo «revisionista», ma stanco e inutile «raccontatore di storie risapute», che infliggono, però, duri colpi alla compattezza un po' cieca dei «resistenti» ad ogni costo e per sempre. In buona sostanza, «Il revisionista» conduce il lettore dall'atmosfera autobiografica iniziale ad una intensa e capillare autodifesa finale che ripercorre, dati alla mano, le fortune e le sfortune di tutte le opere di Pansa da «Il sangue dei vinti» in poi, e che soprattutto evidenzia i comportamenti dei giornalisti, dei critici, degli storici, dei critici cinematografici e letterari e dei politici davanti alle storie che lo scrittore di Casale Monferrato ha narrato. Scalfari e Arrigo Levi, Montanelli e Ronchey, Ottone e Bocca, Mauro e Rocca, contrappuntano le riflessioni di Pansa e danno un senso vivacemente reattivo al «revisionismo» da lui gettato a piene mani dentro gli ingranaggi così ben oliati dalle versioni ufficiali.
Segno che - scrive Pansa - «la storia è una brutta bestia. Sembra che accetti di lasciarsi usare da chiunque. A cominciare dai politici, attenti curatori dei loro interessi di bottega. Poi, di colpo, sfugge ai guinzagli e va dove decide lei». Questa storia è revisionista? E' riformista? E' postmoderna? Non lo sappiamo ancora. Ma sicuramente è la storia: quella che Pansa ha ricapitolato con orgogliosa onestà e con un gran merito: non è mai noioso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

OGGi

Gli Stones a Lucca: mandateci le vostre foto

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

2commenti

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

borgotaro

A casa coi genitori, disoccupati e spacciatori: arrestati due fratelli

disperso

Fungaiolo non fa rientro a casa: ricerche da ieri sera tra Bardi e il Piacentino

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

2commenti

weekend

Tra porcini, stinco e giardini incantati: l'agenda del sabato

fidenza

Ruba sul treno: inseguito e bloccato da un altro straniero

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

1commento

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

BORGOTARO

Laminam, tornano i cattivi odori

Calcio

Parma, riscatto a Venezia?

1commento

SALSO

Addio all'imprenditore Nando Bellini

lettere al direttore

Come sardine sul Fornovo-Parma

Fontanellato

Addio a Spinazzi, agricoltore all'avanguardia

AL «GULLI»

In passerella le miss «Over 80»

1commento

nel pomeriggio

Cade in bici in via Garibaldi: ottantenne ricoverato in gravi condizioni Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

sisma

Terremoto in Messico: il bilancio è di 293 morti, 8 sono stranieri

uragani

Maria: cede una diga a Portorico, evacuazione di massa

SPORT

motogp

Aragon, seconde libere: Rossi 20° Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

Il disco compie 50 anni

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery