Arte-Cultura

Due Germanie anche oggi

Due Germanie anche oggi
Ricevi gratis le news
0

di Sergio Caroli

A vent'anni dalla caduta del Muro, in concomitanza con le celebrazioni, la società tedesca è dominata da un intenso dibattito, emblema del quale pare esser la frase di Peter Schneider, l’autore del «Saltatore del muro» e di «Lenz»: «Il Muro resiste nelle teste». Organizzato dal Dipartimento di lingue comparate dell’Università di Roma 3 si è svolto pochi giorni fa un grande convegno volto a tracciare un bilancio della riunificazione. Tra i relatori Gian Enrico Rusconi, professore di Scienze politiche all’Università di Torino, collaboratore della rivista Il Mulino ed editorialista della Stampa. Lo raggiungo a Berlino, dove da anni è Gastprofessor alla Freie Universität, per chiedergli del dibattito in corso in Germania.  «Occorre premettere - dice - che esiste intorno al Muro una specie di dualismo: da un lato un atteggiamento di carattere politico e celebrativo, dall’altra sta montando una letteratura critica, la quale mostra che a venti anni di distanza i problemi delle terre orientali sono ancora molto pesanti. Ho l’impressione che prevalga la parte critica, polemica; quest’ultima sviluppata però più dai letterati che non dagli scienziati della politica, di norma più realisti nelle loro visioni».
 Ad un convegno di intellettuali, svoltosi pochi giorni fa a Berlino, Ingo Schulze, l’autore di “Bolero berlinese”, e il sociologo Wolfgang Wippermann si sono dichiarati contro l’edificazione di un monumento che il governo vorrebbe dedicare alla caduta del Muro. Come viene accolta tale proposta?
«Con una certa perplessità. La cosa che ha divertito è l’idea di ricostituire il Muro. C'è indubbiamente un intento turistico-commerciale, ma Berlino ha già il suo punto di attrazione nel Check Point Charlie. La distruzione del Muro - me lo ricordo perché ero non lontano da qui - fu un atto liberatorio, ora viene proposto come una sorta di nostalgia dell’Est, perché molte aspettative sono andate deluse. Il gap rispetto all’Ovest esiste. Kohl, non solo per ragioni elettorali ma in buona fede, riteneva che in cinque anni il problema si sarebbe risolto, ma la realtà era assai più complessa. Però, attenzione! Occorre sempre tenere conto dei confronti relativi. Gli uomini e le donne della ex DDR stanno infinitamente meglio dei polacchi o dei cecoslovacchi».
Rimane però, professore, un secondo elemento piuttosto importante: la mancata operazione di integrazione è avvenuta con l’applicazione del drastico articolo 23. Ci si è cioè rifiutati di dar vita a una nuova Costituzione... 
«Ricordo molto bene il dibattito di allora: scrivere una nuova Costituzione e quindi dare legittimità complessiva alla nazione unita sarebbe stato un modo di riconoscere il fatto che i diciotto milioni di tedeschi dell’Est non erano stati oggetti ma protagonisti. Non si è percorsa questa strada. La spiegazione data allora, e che in parte viene ripetuta, è di pura funzionalità. Era l’unico modo per chiudere la ”finestra di opportunità”, come dicono i tecnici. Perché trascinare le cose in lungo per un anno con una Russia incerta e la guerra in Iraq imminente? Fu un’opportunità, diciamo, pragmatica. Però fu un errore, perché ciò che davvero fa soffrire oggi gli abitanti delle regioni orientali è non essere presi in considerazione sul piano paritario, essere sempre considerati i parenti poveri. Vent'anni fa non avrei immaginato nulla di tutto ciò. Non dimentichi poi che su questo si sta costruendo la fortuna politica della Linke, la sinistra, che per metà è radicalismo socialista occidentale, per l’altra metà rivendicazione di vecchie nomenklature. Affermo però con estrema chiarezza che non si dice che si poteva fare diversamente. In realtà l’unica cosa che poteva essere fatta vent'anni fa era una nuova Costituzione o qualcosa che facesse rientrare i tedeschi orientali con pieno titolo di cittadinanza e non come profughi accolti all’ultimo minuto. Si agì sotto la pressione psicologico-politica giustificata dalla fretta di chiudere prima che succedesse qualcosa. Non dimentichi che i sovietici sono rimasti lì armati per lungo tempo».
Vent'anni fa Günter Grass e Jürgen Habermas, oggi considerati i leader della cultura tedesca, giudicarono la riunificazione affrettata e pericolosa. Attualmente non solo confermano ma accentuano quel giudizio. Per quali ragioni?
«Io distinguerei i due. Sia Habermas che Grass sono stati molto duri. Grass parlava del IV Reich, Habermas, più controllato, parlava del Deutsche Mark Nationalismus. Successivamente Habermas ha lentamente attenuato le sue critiche, mentre Grass si è dedicato ai suoi romanzi. Recentemente hanno ripreso le loro posizioni aggressive. Però non mi convincono. Naturalmente li ammiro molto. Il fatto è che questi intellettuali, tendenzialmente egocentrici, approfittano di una certa fragilità complessiva della politica tedesca. E’ legittimo criticare, ma sempre sul piano politico psicologico e comunicativo, non sul piano economico».
E come valuta le attuali condizioni economiche della popolazione della ex Ddr?
«Continua una sottile emigrazione verso Occidente e lo sforzo di radicare lì le persone non funziona. Non pare proprio che le fabbriche occidentali si siano spostate in massa all’Est, che rimane un’area “non decollata”, anche perché tardivamente ci si è resi conto che le cifre con cui la Ddr ragionava in termini economici erano fasulle. La cosa paradossale è che la letteratura, invece, va benone, perché ha trovato un materiale straordinario. Dopo vent'anni escono a profusione libri di memorie da parte di una piccola comunità che tratta per lo più aspetti sentimentali. Ma una cosa è certa: non esiste alcuna nostalgia del passato di carattere politico».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

1commento

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

In manette la banda delle spaccate: 2 giovani arrestati dai carabinieri

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

Emergenza

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

8commenti

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

gazzareprter

Piazzale Buonarroti, un salotto o una discarica?

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

INTERVISTA

Il prefetto: "Migranti, a Parma numeri destinati a calare" Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani tra i candidati supplenti. Capofila in Toscana 2 un giovane universitario della Scuola europea di Parma

DIPENDENZA

Droga: il racconto di chi ne è uscito 

Una sera con i Narcotici Anonimi

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

7commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

CASSINO

Abusa della figlia 14enne: trovato impiccato davanti a una chiesa

SPORT

football americano

Superbowl: Patriots per la leggenda, Eagles per il paradiso

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

SOCIETA'

FESTE PGN

Open Bar al castello di Felino Foto

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova