16°

Arte-Cultura

Due Germanie anche oggi

Due Germanie anche oggi
0

di Sergio Caroli

A vent'anni dalla caduta del Muro, in concomitanza con le celebrazioni, la società tedesca è dominata da un intenso dibattito, emblema del quale pare esser la frase di Peter Schneider, l’autore del «Saltatore del muro» e di «Lenz»: «Il Muro resiste nelle teste». Organizzato dal Dipartimento di lingue comparate dell’Università di Roma 3 si è svolto pochi giorni fa un grande convegno volto a tracciare un bilancio della riunificazione. Tra i relatori Gian Enrico Rusconi, professore di Scienze politiche all’Università di Torino, collaboratore della rivista Il Mulino ed editorialista della Stampa. Lo raggiungo a Berlino, dove da anni è Gastprofessor alla Freie Universität, per chiedergli del dibattito in corso in Germania.  «Occorre premettere - dice - che esiste intorno al Muro una specie di dualismo: da un lato un atteggiamento di carattere politico e celebrativo, dall’altra sta montando una letteratura critica, la quale mostra che a venti anni di distanza i problemi delle terre orientali sono ancora molto pesanti. Ho l’impressione che prevalga la parte critica, polemica; quest’ultima sviluppata però più dai letterati che non dagli scienziati della politica, di norma più realisti nelle loro visioni».
 Ad un convegno di intellettuali, svoltosi pochi giorni fa a Berlino, Ingo Schulze, l’autore di “Bolero berlinese”, e il sociologo Wolfgang Wippermann si sono dichiarati contro l’edificazione di un monumento che il governo vorrebbe dedicare alla caduta del Muro. Come viene accolta tale proposta?
«Con una certa perplessità. La cosa che ha divertito è l’idea di ricostituire il Muro. C'è indubbiamente un intento turistico-commerciale, ma Berlino ha già il suo punto di attrazione nel Check Point Charlie. La distruzione del Muro - me lo ricordo perché ero non lontano da qui - fu un atto liberatorio, ora viene proposto come una sorta di nostalgia dell’Est, perché molte aspettative sono andate deluse. Il gap rispetto all’Ovest esiste. Kohl, non solo per ragioni elettorali ma in buona fede, riteneva che in cinque anni il problema si sarebbe risolto, ma la realtà era assai più complessa. Però, attenzione! Occorre sempre tenere conto dei confronti relativi. Gli uomini e le donne della ex DDR stanno infinitamente meglio dei polacchi o dei cecoslovacchi».
Rimane però, professore, un secondo elemento piuttosto importante: la mancata operazione di integrazione è avvenuta con l’applicazione del drastico articolo 23. Ci si è cioè rifiutati di dar vita a una nuova Costituzione... 
«Ricordo molto bene il dibattito di allora: scrivere una nuova Costituzione e quindi dare legittimità complessiva alla nazione unita sarebbe stato un modo di riconoscere il fatto che i diciotto milioni di tedeschi dell’Est non erano stati oggetti ma protagonisti. Non si è percorsa questa strada. La spiegazione data allora, e che in parte viene ripetuta, è di pura funzionalità. Era l’unico modo per chiudere la ”finestra di opportunità”, come dicono i tecnici. Perché trascinare le cose in lungo per un anno con una Russia incerta e la guerra in Iraq imminente? Fu un’opportunità, diciamo, pragmatica. Però fu un errore, perché ciò che davvero fa soffrire oggi gli abitanti delle regioni orientali è non essere presi in considerazione sul piano paritario, essere sempre considerati i parenti poveri. Vent'anni fa non avrei immaginato nulla di tutto ciò. Non dimentichi poi che su questo si sta costruendo la fortuna politica della Linke, la sinistra, che per metà è radicalismo socialista occidentale, per l’altra metà rivendicazione di vecchie nomenklature. Affermo però con estrema chiarezza che non si dice che si poteva fare diversamente. In realtà l’unica cosa che poteva essere fatta vent'anni fa era una nuova Costituzione o qualcosa che facesse rientrare i tedeschi orientali con pieno titolo di cittadinanza e non come profughi accolti all’ultimo minuto. Si agì sotto la pressione psicologico-politica giustificata dalla fretta di chiudere prima che succedesse qualcosa. Non dimentichi che i sovietici sono rimasti lì armati per lungo tempo».
Vent'anni fa Günter Grass e Jürgen Habermas, oggi considerati i leader della cultura tedesca, giudicarono la riunificazione affrettata e pericolosa. Attualmente non solo confermano ma accentuano quel giudizio. Per quali ragioni?
«Io distinguerei i due. Sia Habermas che Grass sono stati molto duri. Grass parlava del IV Reich, Habermas, più controllato, parlava del Deutsche Mark Nationalismus. Successivamente Habermas ha lentamente attenuato le sue critiche, mentre Grass si è dedicato ai suoi romanzi. Recentemente hanno ripreso le loro posizioni aggressive. Però non mi convincono. Naturalmente li ammiro molto. Il fatto è che questi intellettuali, tendenzialmente egocentrici, approfittano di una certa fragilità complessiva della politica tedesca. E’ legittimo criticare, ma sempre sul piano politico psicologico e comunicativo, non sul piano economico».
E come valuta le attuali condizioni economiche della popolazione della ex Ddr?
«Continua una sottile emigrazione verso Occidente e lo sforzo di radicare lì le persone non funziona. Non pare proprio che le fabbriche occidentali si siano spostate in massa all’Est, che rimane un’area “non decollata”, anche perché tardivamente ci si è resi conto che le cifre con cui la Ddr ragionava in termini economici erano fasulle. La cosa paradossale è che la letteratura, invece, va benone, perché ha trovato un materiale straordinario. Dopo vent'anni escono a profusione libri di memorie da parte di una piccola comunità che tratta per lo più aspetti sentimentali. Ma una cosa è certa: non esiste alcuna nostalgia del passato di carattere politico».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia