Arte-Cultura

Teatro universitario e protesta studentesca

Ricevi gratis le news
0

Margherita Becchetti

Il nostro problema non è il tipo di spettacolo da fare ma individuare il pubblico al quale rivolgersi». Così il 22 marzo 1969, all’ingresso della palestra dell’ex Enal di viale Basetti (oggi Teatro Due) uno striscione inaugurava la 17ª edizione del Festival internazionale del teatro universitario di Parma. Un festival diverso, nuovo rispetto al passato, che per la prima volta usciva dal Teatro Regio ed entrava nelle palestre delle scuole, nei Cral aziendali, nelle aule universitarie, negli spazi aperti dei quartieri periferici e addirittura alla Salamini, la fabbrica occupata dagli operai. In quella primavera post-'68, infatti, la polemica contro il Regio e contro gli altri teatri tradizionali aveva ormai coinvolto ampi settori del mondo teatrale, spingendo autori, artisti e registi a cercare spazi alternativi dove poter incontrare un pubblico diverso da quello che, abitualmente, animava le sale.

Un pubblico che da molti - soprattutto da quei gruppi che tendevano ad identificare l’attività artistica con la militanza politica - era individuato nei nuovi protagonisti della mobilitazione sociale, studenti e operai. Decentramento e ricerca di nuovi spazi, dunque, divennero parola d’ordine anche per il Festival universitario di Parma che vantava una lunga tradizione e lontane radici, indietro nel tempo di oltre cinquant'anni quando, nell’Europa che usciva dalla seconda guerra mondiale e che entrava in un altro più gelido conflitto, fiorì una rete di rassegne studentesche che superava la stessa politica dei blocchi. Da Erlangen in Germania a Wroclaw in Polonia, da Bristol a Zagabria, da Parma a Istanbul, da Coimbra a Nancy - per non nominare che i centri più importanti - giovani studenti presero ad organizzare fitti calendari di spettacoli, incontri, conferenze, dibattiti - festival insomma - cui partecipavano compagnie da buona parte dei Paesi europei. In Italia, l’unica sede di questa rete fu Parma che, per oltre vent'anni, rimase il principale punto di riferimento del teatro universitario italiano.

Nel corso degli anni Sessanta il festival si aprì all’avanguardia e allo sperimentalismo, organizzando convegni con relatori di respiro decisamente cosmopolita e ben oltre l’ambito del teatro universitario - come Jacques Derida, Jean Duvignaud, Edoardo Sanguineti, Bernard Dort, Michael Kustow o Roger Planchon - e, soprattutto, ospitando esperienze teatrali di grande impatto artistico, culturale e politico come Charles Marowitz, il Living Theatre o Jean Jaques Lebel. Era stato proprio lui, durante il festival del 1968, a mostrare anche a Parma come il vento della rivolta stava modificando il teatro, il suo rapporto con il pubblico, con la drammaturgia e con le categorie di spazio e di tempo. L’happening con cui inaugurò quell'edizione, infatti, durò diverse ore e si concluse verso le due dopo mezzanotte fuori dal Regio, con un gruppo di spettatori incappucciati e legati ad una corda che giravano per le vie del centro. I limiti convenzionali del teatro tradizionale erano spazialmente e temporalmente stravolti. Se non si trattava di una novità - dato che esperienze artistiche di questo tipo avevano attraversato l’oceano e suggestionato anche l’avanguardia teatrale europea già nei primi anni Sessanta - ciò che accadeva di nuovo in questi anni intorno al Sessantotto era l’incontro tra l’arte d’avanguardia e il vento della rivolta. La storia aveva mutato di segno. Il Sessantotto, le proteste studentesche, il nuovo protagonismo giovanile, segnarono la crisi degli ambienti universitari tradizionali, e, con essi, anche dei festival teatrali, coinvolti e travolti da radicali processi di politicizzazione.

Nuovi interessi e nuovi entusiasmi animavano i giovani studenti, nuove passioni ne consumavano le energie, gli sforzi intellettuali, i bisogni culturali, nuovi obiettivi ne assorbivano i desideri. Il Festival del teatro universitario di Parma sospese le sue edizioni nel 1970, ma già l’anno precedente aveva mostrato con forza quanto il teatro fosse ormai oltre se stesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Salva calciatore svenuto durante la partita

Montanara

Salva calciatore svenuto durante la partita

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

Sessant'anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

FIDENZA

Lo aspettano per il compleanno ma lui muore d'infarto

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

Viabilità

Colorno, verifiche ai ponti dopo la piena: tutto ok

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

2commenti

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

anteprima gazzetta

60 anni della legge Merlin, cosa è cambiato nella prostituzione (a Parma)

tg parma

Edicola in stazione ultimo giorno: domani saracinesca chiusa Video

METEO

Perturbazione in arrivo: previste piogge e neve fra collina e montagna

Sarà colpito prima il centro-sud, poi anche il nord Italia (Emilia-Romagna compresa)

gazzareporter

I cinghiali attraversano la strada a Tabiano Video

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

salute

Infertilità maschile, la prima causa è l'inquinamento

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto