-1°

14°

Arte-Cultura

Teatro universitario e protesta studentesca

0

Margherita Becchetti

Il nostro problema non è il tipo di spettacolo da fare ma individuare il pubblico al quale rivolgersi». Così il 22 marzo 1969, all’ingresso della palestra dell’ex Enal di viale Basetti (oggi Teatro Due) uno striscione inaugurava la 17ª edizione del Festival internazionale del teatro universitario di Parma. Un festival diverso, nuovo rispetto al passato, che per la prima volta usciva dal Teatro Regio ed entrava nelle palestre delle scuole, nei Cral aziendali, nelle aule universitarie, negli spazi aperti dei quartieri periferici e addirittura alla Salamini, la fabbrica occupata dagli operai. In quella primavera post-'68, infatti, la polemica contro il Regio e contro gli altri teatri tradizionali aveva ormai coinvolto ampi settori del mondo teatrale, spingendo autori, artisti e registi a cercare spazi alternativi dove poter incontrare un pubblico diverso da quello che, abitualmente, animava le sale.

Un pubblico che da molti - soprattutto da quei gruppi che tendevano ad identificare l’attività artistica con la militanza politica - era individuato nei nuovi protagonisti della mobilitazione sociale, studenti e operai. Decentramento e ricerca di nuovi spazi, dunque, divennero parola d’ordine anche per il Festival universitario di Parma che vantava una lunga tradizione e lontane radici, indietro nel tempo di oltre cinquant'anni quando, nell’Europa che usciva dalla seconda guerra mondiale e che entrava in un altro più gelido conflitto, fiorì una rete di rassegne studentesche che superava la stessa politica dei blocchi. Da Erlangen in Germania a Wroclaw in Polonia, da Bristol a Zagabria, da Parma a Istanbul, da Coimbra a Nancy - per non nominare che i centri più importanti - giovani studenti presero ad organizzare fitti calendari di spettacoli, incontri, conferenze, dibattiti - festival insomma - cui partecipavano compagnie da buona parte dei Paesi europei. In Italia, l’unica sede di questa rete fu Parma che, per oltre vent'anni, rimase il principale punto di riferimento del teatro universitario italiano.

Nel corso degli anni Sessanta il festival si aprì all’avanguardia e allo sperimentalismo, organizzando convegni con relatori di respiro decisamente cosmopolita e ben oltre l’ambito del teatro universitario - come Jacques Derida, Jean Duvignaud, Edoardo Sanguineti, Bernard Dort, Michael Kustow o Roger Planchon - e, soprattutto, ospitando esperienze teatrali di grande impatto artistico, culturale e politico come Charles Marowitz, il Living Theatre o Jean Jaques Lebel. Era stato proprio lui, durante il festival del 1968, a mostrare anche a Parma come il vento della rivolta stava modificando il teatro, il suo rapporto con il pubblico, con la drammaturgia e con le categorie di spazio e di tempo. L’happening con cui inaugurò quell'edizione, infatti, durò diverse ore e si concluse verso le due dopo mezzanotte fuori dal Regio, con un gruppo di spettatori incappucciati e legati ad una corda che giravano per le vie del centro. I limiti convenzionali del teatro tradizionale erano spazialmente e temporalmente stravolti. Se non si trattava di una novità - dato che esperienze artistiche di questo tipo avevano attraversato l’oceano e suggestionato anche l’avanguardia teatrale europea già nei primi anni Sessanta - ciò che accadeva di nuovo in questi anni intorno al Sessantotto era l’incontro tra l’arte d’avanguardia e il vento della rivolta. La storia aveva mutato di segno. Il Sessantotto, le proteste studentesche, il nuovo protagonismo giovanile, segnarono la crisi degli ambienti universitari tradizionali, e, con essi, anche dei festival teatrali, coinvolti e travolti da radicali processi di politicizzazione.

Nuovi interessi e nuovi entusiasmi animavano i giovani studenti, nuove passioni ne consumavano le energie, gli sforzi intellettuali, i bisogni culturali, nuovi obiettivi ne assorbivano i desideri. Il Festival del teatro universitario di Parma sospese le sue edizioni nel 1970, ma già l’anno precedente aveva mostrato con forza quanto il teatro fosse ormai oltre se stesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

comune

Municipale, "attività positiva nel 2016, anche con 40 agenti in meno" Tutti i numeri

L'assessore Casa ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

crisi

Copador, settimana decisiva

Degrado

Un viaggio per strada del Traglione: un viaggio nel degrado

3commenti

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

2commenti

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

11commenti

ITALIA/MONDO

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

BREXIT

Il Telegraph: " La May chiuderà la frontiera a metà marzo"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

4commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia