-0°

12°

Arte-Cultura

Teatro universitario e protesta studentesca

Ricevi gratis le news
0

Margherita Becchetti

Il nostro problema non è il tipo di spettacolo da fare ma individuare il pubblico al quale rivolgersi». Così il 22 marzo 1969, all’ingresso della palestra dell’ex Enal di viale Basetti (oggi Teatro Due) uno striscione inaugurava la 17ª edizione del Festival internazionale del teatro universitario di Parma. Un festival diverso, nuovo rispetto al passato, che per la prima volta usciva dal Teatro Regio ed entrava nelle palestre delle scuole, nei Cral aziendali, nelle aule universitarie, negli spazi aperti dei quartieri periferici e addirittura alla Salamini, la fabbrica occupata dagli operai. In quella primavera post-'68, infatti, la polemica contro il Regio e contro gli altri teatri tradizionali aveva ormai coinvolto ampi settori del mondo teatrale, spingendo autori, artisti e registi a cercare spazi alternativi dove poter incontrare un pubblico diverso da quello che, abitualmente, animava le sale.

Un pubblico che da molti - soprattutto da quei gruppi che tendevano ad identificare l’attività artistica con la militanza politica - era individuato nei nuovi protagonisti della mobilitazione sociale, studenti e operai. Decentramento e ricerca di nuovi spazi, dunque, divennero parola d’ordine anche per il Festival universitario di Parma che vantava una lunga tradizione e lontane radici, indietro nel tempo di oltre cinquant'anni quando, nell’Europa che usciva dalla seconda guerra mondiale e che entrava in un altro più gelido conflitto, fiorì una rete di rassegne studentesche che superava la stessa politica dei blocchi. Da Erlangen in Germania a Wroclaw in Polonia, da Bristol a Zagabria, da Parma a Istanbul, da Coimbra a Nancy - per non nominare che i centri più importanti - giovani studenti presero ad organizzare fitti calendari di spettacoli, incontri, conferenze, dibattiti - festival insomma - cui partecipavano compagnie da buona parte dei Paesi europei. In Italia, l’unica sede di questa rete fu Parma che, per oltre vent'anni, rimase il principale punto di riferimento del teatro universitario italiano.

Nel corso degli anni Sessanta il festival si aprì all’avanguardia e allo sperimentalismo, organizzando convegni con relatori di respiro decisamente cosmopolita e ben oltre l’ambito del teatro universitario - come Jacques Derida, Jean Duvignaud, Edoardo Sanguineti, Bernard Dort, Michael Kustow o Roger Planchon - e, soprattutto, ospitando esperienze teatrali di grande impatto artistico, culturale e politico come Charles Marowitz, il Living Theatre o Jean Jaques Lebel. Era stato proprio lui, durante il festival del 1968, a mostrare anche a Parma come il vento della rivolta stava modificando il teatro, il suo rapporto con il pubblico, con la drammaturgia e con le categorie di spazio e di tempo. L’happening con cui inaugurò quell'edizione, infatti, durò diverse ore e si concluse verso le due dopo mezzanotte fuori dal Regio, con un gruppo di spettatori incappucciati e legati ad una corda che giravano per le vie del centro. I limiti convenzionali del teatro tradizionale erano spazialmente e temporalmente stravolti. Se non si trattava di una novità - dato che esperienze artistiche di questo tipo avevano attraversato l’oceano e suggestionato anche l’avanguardia teatrale europea già nei primi anni Sessanta - ciò che accadeva di nuovo in questi anni intorno al Sessantotto era l’incontro tra l’arte d’avanguardia e il vento della rivolta. La storia aveva mutato di segno. Il Sessantotto, le proteste studentesche, il nuovo protagonismo giovanile, segnarono la crisi degli ambienti universitari tradizionali, e, con essi, anche dei festival teatrali, coinvolti e travolti da radicali processi di politicizzazione.

Nuovi interessi e nuovi entusiasmi animavano i giovani studenti, nuove passioni ne consumavano le energie, gli sforzi intellettuali, i bisogni culturali, nuovi obiettivi ne assorbivano i desideri. Il Festival del teatro universitario di Parma sospese le sue edizioni nel 1970, ma già l’anno precedente aveva mostrato con forza quanto il teatro fosse ormai oltre se stesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Superati i 10 metri d'acqua: il ponte sull'Enza a rischio chiusura

sorbolo

Enza verso i livelli storici: il ponte resterà chiuso fino a domani

Preoccupa il Baganza nel Bercetese

2commenti

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

squadra mobile

Vicofertile, quattro kg di droga in casa del pusher "impenitente" Video

1commento

maltempo

Vetroghiaccio, disagi in Appennino. Berceto, tante case senza luce Le foto

ALLE PORTE DELLA CITTA'

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

20commenti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

1commento

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

legambiente

Ecco le 10 linee ferroviarie peggiori d'Italia. C'è anche la Brescia-Parma

tg parma

Guerra: "Per Fedez nessuna location bocciata. In settimana l'annuncio"

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

1commento

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

sos animali

Sospetto avvelenamento di un cane in Cittadella

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Rimpatriata

Caro, vecchio quartiere Marchi

Intervista

Paolo Fresu mercoledì al Regio

ecco la neve in città

Parma indossa un manto bianco Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

sondrio

Passanti travolti al mercatino di Natale: "Ne dovevo uccidere di più"

birmania

Metodici stupri dell'esercito sulle donne Rohingya: l'indagine dell'Ap Le foto-simbolo

SPORT

Basket

Pugno all'avversaria: cestista squalificata per tre mesi

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

cultura

L’Arabia Saudita riaprirà i cinema dal prossimo anno, dopo oltre 35 anni

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS