Arte-Cultura

Il giardino d'acqua di Monet

Il giardino d'acqua di Monet
0

Gianni Cavazzini

Nel 1890 Claude Monet acquista la casa e il giardino di Giverny,  lungo la Senna, a nord di Parigi. Ha cinquant'anni ed è l'esponente più rappresentativo dell'Impressionismo, il padre del  movimento a cui aveva dato anche il nome, chiamando «impressioni» i suoi primi quadri, e che aveva cambiato la storia  dell'arte in Francia e in Europa.
 Nella casa di Giverny il pittore vivrà il resto della sua lunga  vita, cercando senza sosta di realizzare quella che considera  l'opera d'arte in assoluto più importante: il suo giardino.
Accanto  al giardino francese costruirà un giardino acquatico e, in uno  stagno, circondato da cotogni, felci, salici, glicini, rododendri e  azalee, metterà a dimora le più diverse specie di ninfee: che poi  dipingerà per fare la gloria della pittura moderna.
Da questi pochi cenni emergerà, io credo, la straordinaria  bellezza della mostra che si è aperta a Milano negli spazi di  Palazzo Reale: «Monet. Il tempo delle ninfee», a cura di Claudia  Beltramo Ceppi, aperta sino al 27 settembre, catalogo edito da  Giunti. E' da aggiungere, per completare la notizia, che nel l'occasione sono esposte, accanto ai quadri di Monet, sessanta  stampe giapponesi di Hiroshige e Hokusai, arrivate dal museo  Guimet di Parigi insieme a una preziosa raccolta di fotografie  ottocentesche di celebri giardini nel paese del Sol Levante.
E' da dire, però, che il cuore del percorso espositivo è costituito  da 20 capolavori di Monet, mai usciti in questa qualità e quantità  dal museo Marmottan: venti grandi tele che Monet ha dipinto tra  il  1887 e il 1926 e che ci restituisce il magico viaggio creativo  compiuto dal grande artista francese. Realizzate nei primi decenni del secolo «nuovo», mentre si affermano le avanguardie, le  «ninfee» sono l'atto potente di un genio artistico che va oltre il  proprio tempo e che dalla lontana invenzione della pittura «en  plein air» oltrepassa  tutta la cultura successiva.
Le ninfee sono il  punto d'arrivo di una utopia progettata e realizzata da Monet  nell'ultima stagione della vita, di un'idea totalizzante di rifondazione della pittura che, partendo dai colori vivi e dai paesaggi  senza orizzonte delle stampe giapponesi, si pone come uno dei  grandi contributi all'arte del ventesimo secolo.
Saranno infatti i  grandi dell'Espressionismo astratto, da Pollock in poi, a darci  l'idea definitiva della grandezza di Monet «nel tempo delle ninfee».
Bisogna dunque tornare - per spiegare meglio - a quel mitico  giardino di Giverny dove Monet visse i suoi ultimi quarant'anni. 
A quell'impegno duro, quotidiano, per trasferire dalla natura alla  sua arte i salici piangenti, i ponti giapponesi, i fiori di ciliegio. 
Entro i termini del periodo prima citato Monet dipinge 250 opere  e tra esse i grandi pannelli decorativi. Una specie di «Cappella  Sistina» del naturalismo.
Un'unica concezione e una sola finalità  tengono uniti i capitoli di questo grandioso ciclo che Monet  chiama «decorazione», ma che è, in realtà il più misterioso atto  di poesia compiuto in quel tempo straordinario per la pittura  moderna.
 Ecco che il pittore procede con gradualità alla scoperta di quel  mondo. Nelle prime opere del ciclo si avverte ancora uno spazio  prospettico abbastanza naturale, con lo stagno che si prolunga  verso il fondo, il ponte giapponese che lo attraversa e la grande  parete arborea chiamata a chiudere l'orizzonte.
Tutto abbracciato da una luminosità verde: i rami, gli steli, le ringhiere in  legno del ponte e il loro riflesso nelle acque sulle quali galleggiano, come zattere naturali, le isole delle ninfee: bianche  oppure rosse, secondo la varietà della specie.
E procede, Monet, nella sua ricerca inesausta, con la serie dei  «paesaggi d'acqua», in cui ogni orizzonte è scomparso, scomparse le rive, gli alberi, la terra, il ponte. Nei capolavori venuti dal  museo Marmottan si registra la nascita  di quell'«immagine nuova» che stupirà i grandi della seconda metà del '900.
E a questo  punto funziona il confronto con le stampe di Hiroshige e di  Hokusai che lo stesso  Monet aveva collezionato negli anni giovani. La serialità dei disegni nipponici si riflette nel grandioso  ciclo floreale tracciato e colorato, nel corso di tanti anni da  Claude Monet, teso a raccogliere, con la sua malinconica felicità,  «il passo del tempo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

Il...giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne uso del burro"

Bob Dylan: suo discorso sarà letto a cerimonia Nobel

10 dicembre

Nobel, sarà letto il discorso di Dylan. E canterà Patty Smith

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ilaria Bandini

Ilaria Bandini

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

5commenti

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

Il nuovo allenatore del Parma, questa sera a Bar Sport (Tv Parma 20.30)

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

Curiosità

Al seggio col colbacco del «no»

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

2commenti

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

tg parma

Ventenne travolto a Lemignano: è in Rianimazione Video

QUESTURA

Bici rubate trovate al parco Falcone e Borsellino: qualcuno le riconosce? Foto

1commento

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

tg parma

Università e impresa: 52 premi agli studenti meritevoli Video

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

MOTORI

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)