ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI TUTTE  LE SEZIONI DEL SITO

Speciale economia del 31 ottobre
Tg Parma

Speciale economia del 31 ottobre

 
Federico Pagani al Labò
spettacolo

Federico Pagani al Labò Video

 
A Parma si allontana lo spettro della deflazione
soldi

A Parma si allontana lo spettro della deflazione

 
Riconosciuta ai docenti precari l'anzianità maturata
Tribunale del lavoro

Riconosciuta ai docenti precari l'anzianità maturata

 
Rapid Spaceback, l'essenza di Skoda
PROVA SU STRADA

Rapid Spaceback, l'essenza di Skoda

 
Piazza Garibaldi: arrivano le panchine
parma centro

Piazza Garibaldi: arrivano le panchine

 
Unitalsi, solidarietà quotidiana: ecco i corsi per i volontari
Tg Parma

Unitalsi, solidarietà quotidiana: ecco i corsi per i volontari

 
La notte di «Galloween» per l'Abracadabra
solidarietà

La notte di «Galloween» per l'Abracadabra

 
"Care" tasse universitarie? L'Ateneo: "Dati errati"
Università

"Care" tasse universitarie? L'Ateneo: "Dati errati"

 
La nostra Grande Guerra: una galleria di vite e di storie
CULTURA

La nostra Grande Guerra: una galleria di vite e di storie

 
3,2 milioni di disoccupati: mai così tanti dal 2004
lavoro

3,2 milioni di disoccupati: mai così tanti dal 2004

 
Il soccorso al capriolo ferito nella Parma
Video dei lettori

Il soccorso al capriolo ferito nella Parma

 
Brittany Maynard
USA

Brittany non ha ancora deciso se morire: la storia 

 
LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI

LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI

 
Torna il "November porc": si parte da Sissa
tg parma

Torna il "November porc": si parte da Sissa Video

 
Reggio: ragazze pestano coetanea perché non è musulmana
Reggio emilia

Ragazze pestano coetanea perché non è musulmana

 
Stonehenge
VIAGGI

Stonehenge, una magia millenaria

 
La montagna ha ricordato il cardinal Bruno Bertagna
Tg Parma

La montagna ha ricordato il cardinal Bruno Bertagna Video

 
E in passerella va il cioccolato
PARIGI

E in passerella va il cioccolato Video

 
Sousa,  indó l’àni catè chilù? Mauri l’ùnnica béla notìssja
Dialetto

Sousa, indó l’àni catè chilù? Mauri l’ùnnica béla notìssja

 
Addio per sempre, Bridget Jones
comare & co.

Addio per sempre, Bridget Jones

 
Trattoria Pescacciatore

Trattoria Pescacciatore

 
#Parmaweb: e il Tg pesca nella Rete
Tv Parma

#Parmaweb: e il Tg pesca nella Rete

 
Las Karne Murta, sostegno dal palco
Venerdì prossimo

Las Karne Murta, sostegno dal palco

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 
Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!
Kauppa

Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!

 

C inema

Arte-Cultura

I luoghi del Medioevo

I luoghi del Medioevo
0

Fra tutti i periodi storici il Medioevo è quello che più ha sollecitato e solleticato l’immaginario collettivo per le leggende in cui si intrecciano realtà e fantasia, per i pochi ma suggestivi edifici rimasti, spesso largamente modificati con soggettive reinterpretazioni. Si calcola che nel Parmense fossero tremila i luoghi fortificati, di cui mille rimasti fino all’Ottocento. Anche il paesaggio è notevolmente cambiato per l'esplosione edilizia del secolo scorso, spesso disordinata e caotica, per le nuove strade destinate a velocizzare il traffico, per il mutare delle coltivazioni, delle zone boschive. Ma è soprattutto cambiata la dimensione del tempo e dello spazio che ha subito una violenta accelerazione con gravi ripercussioni esistenziali.
Un gruppo di studiosi, guidato da Mario Calidoni, si è proposto di ricercare quanto è rimasto nella nostra provincia di quei «luoghi» che contrassegnano le radici della nostra cultura, della nostra specificità parmigiana: un progetto che, grazie all’intelligente sostegno dato dalla editrice Mup, ha potuto concretizzarsi in pubblicazioni, brillantemente illustrate,  sulle Pievi romaniche e sui Monasteri nel loro radicamento territoriale che hanno riscosso un notevole successo.
A queste si aggiunge ora il volume dedicato ai «Castelli e Borghi» con approfonditi testi di Mario Calidoni, Maria Cristina Basteri, Gianluca Bottazzi, Caterina Rapetti, Sauro Rossi, con le suggestive foto di Marco Fallini e gli appropriati e puntuali disegni di Loreno Confortini.
Sono una settantina gli insediamenti presi in esame ai quali si aggiunge un capitolo su Parma e le due piazze significative del potere civile e del potere religioso. Alla base della ricerca c'è un accurato studio delle fonti documentarie e cartografiche che conferisce ad ogni scritto una rigorosa scientificità che ha il pregio di essere esposta in termini divulgativi così da renderne la lettura piacevole e interessante.
Castelli e borghi segnano il «paesaggio storico» medievale caratterizzato da una rete complessa di fortificazioni e diversi di questi luoghi conservano ancora importanti presenze emblematiche. «Ogni collettività - scrive Mario Calidoni - possiede i suoi luoghi che la storia ha reso fondatori di realtà, luoghi da sentire in una rete che rende appartenenti. Con questo atteggiamento i luoghi del Medioevo di Parma si possono presentare, se conosciuti e percorsi, come possibili alternative alla perdita di spazialità e prospettiva storica dell’uomo di oggi». E questo volume, che così brillantemente stampato dall'Artegrafica Silva ci propone i luoghi ricchi di storia, è anche un invito ad andarli visitare, a scoprirli o riscoprirli. Infatti insieme ai castelli più famosi vi è tutta una serie di località meno note ma non prive di suggestioni.
Pensiamo, ad esempio, alla torre del castello di Pietramogolana che spunta alla sommità di un cucuzzolo verde e roccioso lungo la Parma - Mare, sollecitando la fantasia di migliaia di automobilisti; ai ruderi aspri della torre del castello di Bosco, riscoperti dalla nuova strada di collegamento con l’alta val Parma; allo stupendo paesino di Corchia, patria del pittore Martino Jasoni, ristrutturato con intelligente sensibilità; alle strutture medievali, integrate in altri edifici, del castello di Costamezzana.
 L’elenco è lungo e vario. Molti castelli sono pubblici o aperti al pubblico in determinati orari, ma ve ne sono pure dei privati non visitabili come Castelguelfo e Guardasone, qui «accessibili» fotograficamente. Oltre agli edifici, del Medioevo si sono conservati alcuni ponti, quello splendido di Lugagnano (da tutelare gelosamente) o quello difficilmente raggiungibile e semidiroccato di Sesta, mentre altri sono stati assai modificati.
Descrizioni e immagini si integrano accompagnandoci in un percorso di grande fascino poiché ci fa rivivere la storia nella ricchezza piena di un passato recuperato nella sua più autentica identità attraverso i restauri, che hanno ridato dignità e bellezza alle architetture e alle decorazioni pittoriche, e attraverso gli studi che hanno illuminato i protagonisti, positivi e negativi, di tanti eventi che hanno segnato la politica, l’economia, la cultura, e soprattutto la vita quotidiana della popolazione parmense.
Indubbiamente il richiamo più allettante è costituito dai castelli più prestigiosi, legati ai nomi delle grandi famiglie nobiliari dei Rossi, Meli Lupi, Pallavicino, Torelli, che nel tramonto del Medioevo hanno trasformato i loro manieri in favolose residenze. Ma anche la città - Parma coi suoi straordinari monumenti - e i borghi hanno conservato delle pregevoli testimonianze che ci fanno comprendere le nostre radici, basate sulla solidità dei valori umani e religiosi, e che dovrebbero aiutarci nelle scelte che la società è chiamata a compiere nei diversi settori.
PIER PAOLO MENDOGNI
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0