Intervista

Torino, torna il Salone delle meraviglie

«I libri sono un valore primario: investiamo sui bimbi e sui giovani»

Torino, torna il Salone delle meraviglie
0

Una montagna di libri scalata da vere e proprie orde di visitatori sempre più affamati di conoscenza: da giovedì al 12 maggio, torna il Salone del libro di Torino, uno dei più importanti eventi culturali d’Italia, giunto alla 27esima edizione con una madrina d’eccezione: Susanna Tamaro che festeggia i vent’anni di «Va' dove ti porta il cuore». Centinaia e centinaia di editori (53 quelli che espongono a Torino per la prima volta) occupano l’enorme spazio del Lingotto, trenta sale sono state predisposte per accogliere oltre un migliaio di eventi, lectio magistrali, dibattiti culturali e presentazioni di libri, che impegnano squadroni di scrittori italiani e stranieri e di critici. Decine e decine le iniziative che tra carta stampata ed e- book costituiscono l’ossatura d’una perfetta struttura organizzativa che dedica all’editoria di progetto l’intero primo padiglione e un programma specifico curato da Giuseppe Culicchia, proprio per valorizzare le piccole produzioni di grande valore, il coraggio di fare laboratorio, di puntare strenuamente sulla qualità. Un programma elefantiaco del quale parliamo con Ernesto Ferrero super direttore della collaudata kermesse.
Il Salone cresce con sempre nuove, interessanti proposte. Ogni anno avete degli obiettivi prefissati?
Cerchiamo di dare un panorama il più possibile esauriente della produzione libraria iscrivendolo in un contesto che risulti amichevole, famigliare. Il Salone come casa di quanti - editori, autori, traduttori, librai, bibliotecari, lettori - riconoscono nel libro un valore primario e irrinunciabile. Investiamo sui bambini e sui giovani con il Bookstock Village.
Da quali considerazioni nasce il tema di quest’anno, il Bene?
La crisi che stiamo vivendo è una crisi anzitutto morale e culturale. Nell’epoca di un relativismo che tutto tollera e tutto perdona perché è più comodo, dobbiamo tornare a stabilire i confini di un’etica privata e collettiva, ragionare insieme su tante cose. La gestione dei Beni Culturali e dei Beni Comuni, la bioetica, la Giustizia, l’economia, la finanza, il lavoro, questa benedetta Europa che si è incartata. Cercheremo di stilare un’agenda di cose da fare concretamente e da fare bene, al meglio delle nostre capacità, ricuperando una passione artigianale fatta di rigore e d’inventività che è uno dei patrimoni nazionali.
Più di mille gli incontri tra conferenze, presentazioni e concerti: come riuscite a gestire sempre magistralmente un ingranaggio così complesso?
Grazie al dinamismo del nostro presidente Rolando Picchioni, alla bravura dello staff, alla collaborazione di tutti, in primo luogo degli editori. E a un’esperienza di ormai quindici anni. Il programma è pantagruelico, ma il nostro meraviglioso pubblico riesce ogni anno a spazzolarlo tutto senza dar segni di sazietà.
Fra i tanti ospiti presenti, può farci qualche nome, sia di italiani che di stranieri, la cui presenza a Torino è particolarmente significativa?
Accoglieremo personaggi magari non notissimi al grande pubblico ma di grande rilevanza. Il finanziere George Soros, personaggio controverso ma capace di avere una visione a 360° dei problemi mondiali. Jean Clair, critico e storico dell’arte, curatore di mostre e musei, e fustigatore dell’arte d’oggi. Il pianista Alfred Brendel che si rivela delizioso scrittore. Uno scienziato della mente come l’americano Douglas Hofstadter che è anche un appassionato linguista e si occupa dei problemi della traduzione della poesia. Steve Mc Curry, grande reporter-narratore. L’olandese Frans de Waal che, studiando le scimmie bonobo ha scoperto che i precetti morali non ci arrivino dalle religioni ma dalle stesse esigenze dell’evoluzione. Comportarsi bene conviene alla specie. Peccato che non tutti vogliono capirlo. Ma vorrei citare anche pianisti come Ramin Barhami e Cesare Picco, il violoncellista Mario Brunello. E Alessandro Preziosi che legge le «Confessioni» di Agostino.
Ospite d’onore la Santa Sede: quale ruolo riveste nella cultura d’oggi? Il papa carismatico fa bene anche all’editoria?
Il Cristianesimo è parte integrante della storia d’Europa e d’Italia, anche artistica e culturale. La Chiesa ha giocato un ruolo essenziale nell’Umanesimo, tramandando i tesori della cultura classica. Dice bene il cardinale Ravasi: arte e fede hanno un’identica radice, sono ricerca, tensione conoscitiva, affinamento di sé. La Santa Sede porta al Lingotto uno stand suggestivo con un cupolone fatto di libri, i tesori artistici delle sue collezioni, i volumi della sua Libreria Editrice, conferenzieri del calibro dello stesso cardinale Ravasi in dialogo con Claudio Magris, e del Segretario di Stato cardinale Pietro Parolin, in dialogo con padre Antonio Spadaro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

1commento

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

13commenti

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

4commenti

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

1commento

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)