16°

Intervista

Torino, torna il Salone delle meraviglie

«I libri sono un valore primario: investiamo sui bimbi e sui giovani»

Torino, torna il Salone delle meraviglie
0

Una montagna di libri scalata da vere e proprie orde di visitatori sempre più affamati di conoscenza: da giovedì al 12 maggio, torna il Salone del libro di Torino, uno dei più importanti eventi culturali d’Italia, giunto alla 27esima edizione con una madrina d’eccezione: Susanna Tamaro che festeggia i vent’anni di «Va' dove ti porta il cuore». Centinaia e centinaia di editori (53 quelli che espongono a Torino per la prima volta) occupano l’enorme spazio del Lingotto, trenta sale sono state predisposte per accogliere oltre un migliaio di eventi, lectio magistrali, dibattiti culturali e presentazioni di libri, che impegnano squadroni di scrittori italiani e stranieri e di critici. Decine e decine le iniziative che tra carta stampata ed e- book costituiscono l’ossatura d’una perfetta struttura organizzativa che dedica all’editoria di progetto l’intero primo padiglione e un programma specifico curato da Giuseppe Culicchia, proprio per valorizzare le piccole produzioni di grande valore, il coraggio di fare laboratorio, di puntare strenuamente sulla qualità. Un programma elefantiaco del quale parliamo con Ernesto Ferrero super direttore della collaudata kermesse.
Il Salone cresce con sempre nuove, interessanti proposte. Ogni anno avete degli obiettivi prefissati?
Cerchiamo di dare un panorama il più possibile esauriente della produzione libraria iscrivendolo in un contesto che risulti amichevole, famigliare. Il Salone come casa di quanti - editori, autori, traduttori, librai, bibliotecari, lettori - riconoscono nel libro un valore primario e irrinunciabile. Investiamo sui bambini e sui giovani con il Bookstock Village.
Da quali considerazioni nasce il tema di quest’anno, il Bene?
La crisi che stiamo vivendo è una crisi anzitutto morale e culturale. Nell’epoca di un relativismo che tutto tollera e tutto perdona perché è più comodo, dobbiamo tornare a stabilire i confini di un’etica privata e collettiva, ragionare insieme su tante cose. La gestione dei Beni Culturali e dei Beni Comuni, la bioetica, la Giustizia, l’economia, la finanza, il lavoro, questa benedetta Europa che si è incartata. Cercheremo di stilare un’agenda di cose da fare concretamente e da fare bene, al meglio delle nostre capacità, ricuperando una passione artigianale fatta di rigore e d’inventività che è uno dei patrimoni nazionali.
Più di mille gli incontri tra conferenze, presentazioni e concerti: come riuscite a gestire sempre magistralmente un ingranaggio così complesso?
Grazie al dinamismo del nostro presidente Rolando Picchioni, alla bravura dello staff, alla collaborazione di tutti, in primo luogo degli editori. E a un’esperienza di ormai quindici anni. Il programma è pantagruelico, ma il nostro meraviglioso pubblico riesce ogni anno a spazzolarlo tutto senza dar segni di sazietà.
Fra i tanti ospiti presenti, può farci qualche nome, sia di italiani che di stranieri, la cui presenza a Torino è particolarmente significativa?
Accoglieremo personaggi magari non notissimi al grande pubblico ma di grande rilevanza. Il finanziere George Soros, personaggio controverso ma capace di avere una visione a 360° dei problemi mondiali. Jean Clair, critico e storico dell’arte, curatore di mostre e musei, e fustigatore dell’arte d’oggi. Il pianista Alfred Brendel che si rivela delizioso scrittore. Uno scienziato della mente come l’americano Douglas Hofstadter che è anche un appassionato linguista e si occupa dei problemi della traduzione della poesia. Steve Mc Curry, grande reporter-narratore. L’olandese Frans de Waal che, studiando le scimmie bonobo ha scoperto che i precetti morali non ci arrivino dalle religioni ma dalle stesse esigenze dell’evoluzione. Comportarsi bene conviene alla specie. Peccato che non tutti vogliono capirlo. Ma vorrei citare anche pianisti come Ramin Barhami e Cesare Picco, il violoncellista Mario Brunello. E Alessandro Preziosi che legge le «Confessioni» di Agostino.
Ospite d’onore la Santa Sede: quale ruolo riveste nella cultura d’oggi? Il papa carismatico fa bene anche all’editoria?
Il Cristianesimo è parte integrante della storia d’Europa e d’Italia, anche artistica e culturale. La Chiesa ha giocato un ruolo essenziale nell’Umanesimo, tramandando i tesori della cultura classica. Dice bene il cardinale Ravasi: arte e fede hanno un’identica radice, sono ricerca, tensione conoscitiva, affinamento di sé. La Santa Sede porta al Lingotto uno stand suggestivo con un cupolone fatto di libri, i tesori artistici delle sue collezioni, i volumi della sua Libreria Editrice, conferenzieri del calibro dello stesso cardinale Ravasi in dialogo con Claudio Magris, e del Segretario di Stato cardinale Pietro Parolin, in dialogo con padre Antonio Spadaro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

L'attore posta video dopo l'infarto: "Pericolo passato"

salvato

Lopez, il video dopo l'infarto: "La paura? Tutto passato"

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Salso: rogo in un garage, distrutte 4 auto; non si esclude natura dolosa

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Comune

Parma, sconto sull'Imu per chi affitta a canone concordato

1commento

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

5commenti

sicurezza

Via della Salute a Parma: sorvegliano i residenti

piazzale della pace

Fermato mentre scappa con una boutique (falsa) nello zaino: espulso dall'Italia

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

13commenti

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

10commenti

crisi

Copador: sciopero di due ore in vista dell'assemblea soci Video

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

5commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

14commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

storie di ex

Turchia: legami con Gulen, il Galatasaray caccia Hakan Sukur

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

27commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

EDITORIALE

Europa, la dura realtà dopo le celebrazioni

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Economia

Stretta sui "compro oro". Ecco cosa cambia Video

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

SOCIETA'

western

Addio ad Alessandroni, il "fischio" più famoso del cinema Video

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017