15°

poesia

Mussapi oceano di emozioni

Opera omnia del poeta che fin dagli esordi ha fuso il genere lirico con quello epico

Roberto Mussapi

Roberto Mussapi

Ricevi gratis le news
0

L’uscita, per Ponte alle Grazie, del volume che racchiude l’intero corpus poetico di Roberto Mussapi («Le poesie», con due mirabili saggi introduttivi di Wole Soyinka e Yves Bonnefoy, e un’ampia postfazione di Francesco Napoli, cui si deve altresì l’eccellente curatela del lavoro), ci fa comprendere, definitivamente, come questo poeta - uno dei rari, grandi poeti dei nostri anni: e basterebbero due raccolte, «Gita meridiana» e «La polvere e il fuoco», a dimostrarlo –, abbia finito per disegnarsi, in modo consapevole, certo, ma non per questo meno naturale, come «custode delle voci». Da bambino, le parole dei libri che captavano il suo sguardo erano già voce, suono: il suono di «Moby Dick», de «L’isola del tesoro», di «Capitani coraggiosi» e, non diversamente dal suono di quel mare di cui erano impregnate - – musica di un orizzonte abissale che, a chi sappia affrontarne l’ascolto, reca in sé l’eterna promessa di un centro -, questo suono aveva comunque qualcosa a che vedere con la «rivelazione». Potrà mai darsi poesia che non abbia a che vedere con il mettersi in cammino verso la rivelazione? Così, già dalle prime prove (da «I dodici mesi» e «Il sonno di Genova», poi rifuse ne «La gravità del cielo», a «Luce frontale», 1987, che inaugura l’epoca più matura della poesia mussapiana), in questi versi passano, e tornano, le voci. Non solo perché, come nelle pagine di due venerati maestri quali Luzi e Bigongiari, o di Sereni, o del quasi coetaneo De Angelis, il virgolettato schiude la dizione a sillabare e far proprio il vivo «flatus» di chi comunque, anche se perduto, ci sta accanto. Ma soprattutto perché a farsi incontro sono, sempre, le voci ricorrenti di questa poesia: i temi forti che negli ultimi trent’anni hanno scandito le stazioni di un’avventura emozionante, capace come poche di orientare (si dica pure, senza temere che possa suonare eccessivo: di volgere, secondo etimo, a oriente, di volgere all’origine) il nostro sentimento del tempo – che sarà anche, certo non solo, il sentimento del nostro tempo ferito e irrecusabile. E’ in tal modo che Mussapi sa farsi custode delle voci: le raccoglie dal buio al fondo del quale sono germinate, e le incide, le incista nella propria; fare poesia (ma anche prosa, benché i testi in prosa e i versi per il teatro qui non compaiano, perché forse oggetto di un’altra, auspicabile raccolta) è sempre coinciso, per lui, con questo raccogliere, con questo accogliere le voci, e custodirle: riportandole alla luce senza spegnerne, ma anzi rispettandone – quando vi sia, e vi è quasi sempre – la memoria dell’ombra dolorosa che le imprime e, ad una ad una, le declina. Morire in loro per risorgere con loro, per trasformare il carico del loro buio doloroso in canto, senza lasciare che infossiliscano in quel buio, è gesto che replica, facendolo proprio, assumendolo su di sé e nella propria voce, il loro sacrificio – e ne rinnova, perpetuandola, la forza esemplare e luminosa. Riuscite assolute come «Il cimitero dei partigiani» o «Il racconto che udì Luca» son testi decisivi in tal senso. Una tanto intensa e irriducibile fedeltà alle voci, si capisce, è anche fedeltà al tempo e alla memoria: per mantenere in vita ciò che è passato, affinché, piantandosi e crescendo nel presente, possa essere affidato allo spazio del futuro. Non è per altra ragione che questa poesia riesce, alla fine, così intrisa di movimento senza requie, perché il tempo è la forma prima del movimento, il tempo è movimento senza requie (siamo nati per correre, nel corso del tempo e nell’opera del mon do); e d’altra parte, se il movimento attraversa concretamente luoghi su luoghi, in realtà investiga e mette alla prova il tempo: i luoghi e il movimento rivelano l’opera del tempo, per quanto poi - oltre le quinte e la cortina del tempo, oltre le nostre città, le nostre strade e i nostri appartamenti, oltre le nostre auto che scorrono nella pioggia e nella notte o nel buio/luce delle gallerie, oltre l’elettricità contemporanea da cui l’asciutta, epica solennità di questi versi è continuamente percorsa e scossa con una libertà di ritmo che è solo nuda obbedienza al ritmo dei polsi e dei cuori -, per quanto poi ci si proietti, in verticale, verso una realtà ultima, verso la realtà ultima che sta, che è, e non è soggetta al tempo. Lo abbiamo detto: le voci hanno sempre a che vedere con qualcosa che si svela e si rivela. Come emerge con tutta evidenza anche quando la dilatazione poematica si impone (in «Antartide», ad esempio; o nella reinvenzione in versi del «Racconto di Natale» di Charles Dickens), bisogna attraversare il buio, inabissarsi al fondo del buio e del tempo, per attingere la luce che sta oltre il buio e oltre il tempo (ma non può non nutrirsi di buio e di tempo): luce del sacro, luce del «mito», luce dell’origine in cui ci si potrà abbracciare e riconoscere. Così, solo in apparenza la rivelazione sarà rivelazione di un istante, perché in realtà ci viene incontro come il frutto luminoso di un’impresa, di una lunga, amorosa, irriducibile fedeltà alle voci, al loro «drammatico» rispondersi e intrecciarsi (questa poesia è già «teatro»), al loro farsi «racconto» (l’incanto di questa poesia fermenta nel legno buono del «racconto»), alla trama del tempo che le sgrana e sgranandole le plasma e plasmandole le innerva: fedeltà che infine, o meglio: in primo luogo, è anche, con creaturale pietas cristiana o virgiliana, commossa e commovente fedeltà a quello stesso buio doloroso da cui esse ci chiamano – per essere accolte, per essere raccolte nel riscatto della luce. Mussapi le ha raccolte. Così, in questo libro e non solo in questo libro, restano le voci.
Le poesie - Ponte alle Grazie, pagg. 519, 29

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Panini & dintorni: scegli il meglio di Parma

GAZZAFUN

Il panino più buono: domani termina la seconda semifinale

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan

FOTOGRAFIA

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

La storia

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

FIDENZA

Non ha il biglietto del treno: aggredisce il controllore

LA MORTE DEL BOSS

Addio a Riina. E c'è chi gli rende omaggio

Adolescenti

Il bullo? Si combatte con l'ironia

A Lesignano

Nuovi lavori al centro dato alle fiamme

SISSA TRECASALI

Muore sulla pista da ballo

Cinema

Archibugi: «Ma i ragazzi non sono tutti sdraiati»

FORNOVO

Stazione in mano agli sbandati

ladri in azione

Furto alla mensa del Campus: niente pasti per studenti e dipendenti Video

protesta

Martedì anche a Parma sciopero dei taxisti (dalle 8 alle 22)

anteprima gazzetta

Il dopo terremoto a Fornovo: "Il peggio sarebbe passato"

dopo terremoto

Due torrini del Battistero danneggiati: area transennata Video

PARMA

Valigia abbandonata vicino al tribunale: arrivano i carabinieri

In seguito ai controlli sono stati trovati solo alcuni documenti

vigili del fuoco

Fiamme in un capannone industriale a Monticelli Foto

TERREMOTO

Continua lo sciame sismico: 19 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non sono segnalati danni

6commenti

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La sublime prova d'amore della mamma di Mattia

di Vittorio Testa

1commento

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

bologna

Giallo: donna morta accoltellata in casa nella zona di Igor. S'indaga a 360°

BRUXELLES

Ema ad Amsterdam, Milano beffata al sorteggio. Eba a Parigi (dopo sorteggio). Ema: cos'è (Video)

SPORT

CALCIO

Tavecchio si è dimesso con rabbia e con un "giallo": "Con un gol sarei stato un eroe". Lippi: "Scelse lui Ventura"

2commenti

Atlanta

Georgia Dome raso al suolo, in fumo 214 milioni di dollari Video

SOCIETA'

cecina

Giocatore lancia bottiglia d'acqua per stizza e colpisce una bimba. Tafferugli tra tifoserie

reali d'Inghilterra

Elisabetta e Filippo: 70 anni di matrimonio Video

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

MOTO

Energica Eva EsseEsse9, la special elettrica