15°

Il racconto della domenica

Il limpido suono di un Carillon

Il limpido suono di un Carillon

Rubrica: il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

0

Un pomeriggio di marzo. Toc, toc, toc… Dal tetto di fronte, amare lacrime. Litania mesta, incessante, senza fine. Pianto di un inverno in agonia. L’irriverente sberleffo del disgelo a schernire il gran vegliardo dalla barba bianca. Un tiepido sole irride, impietoso, l’ultima neve di marzo. Ne dissolve il candido incanto. Mette in fuga umbratili creature del gelo. Migrano verso altri lidi. Silenti melodie boreali oltraggiate da lugubri cacofonie dell’incombente primavera. Siano per sempre maledette le infide lusinghe di una stagione ipocrita! Il subdolo inganno dell’eterna rinascita. Il cuore di Geremia sanguina. Goccia dopo goccia… Rannicchiato nell’oscura botteguccia, umile regno di un robivecchi, attende il pietoso calare del sole. Cagliostro, il nero micione dagli occhi color topazio, spicca un balzo per accucciarsi sulle sue ginocchia. Avido di carezze e di complici silenzi.
Vecchie poltrone, polverosi sofà, tarlati comò che hanno vissuto altri splendori. Stravaganti soprammobili, promiscua chincaglieria, vezzosi ninnoli. Giallastre boccette di inaridite essenze. Effluvî svaniti in giorni lontani. Antichi lunari a divinare, con argute facezie, un futuro già estinto. Cose morte, stantie, ammuffite. Lì dentro, il tempo si è fermato. Eppure qualcosa vibra ancora di vita. Geremia ne percepisce il respiro. Dlin, dlin, dlin dlin… Note argentine. Il limpido suono di un carillon. Dolcissima melodia sgorgata dal nulla. Senza spazio, senza tempo.
Dischiusa la scatola magica, le leggiadre piroette della ballerina in bianco raso rintoccano vivide emozioni tra cose inanimate. Si aprono le porte della memoria. Germogliano ricordi. I ricordi di una vita spezzata…
Era dicembre. Nevicava a larghe falde. Il gelo permeava di sé tutto il Creato. Quella sera Cosetta volava di fiore in fiore. Il teatro gremito, traboccante di entusiasmo. Inondata dalle sfavillanti luci della ribalta, l’esile creatura danzava con grazia sulla punta dei piedini di fata. Dentro, il calore, la gioia di vivere. Fuori, l’eterea danza della neve. Il mondo vestito di bianco. Il gelo arabescava nuovi incanti. Addolciva i contorni delle cose per consegnarle al sogno. Leggiadro fiocco di neve, Cosetta volteggia in un luogo fatato. Scrigno di meraviglie. Sospinta dal vento, si muove sulle note di primigenie armonie. Reminescenza di celestiali beatitudini.
Il pubblico in delirio. Uno scrosciante applauso. Un flessuoso inchino. D’improvviso, un respiro affannoso, un ansito, un rantolo… Come fiore reciso, la fanciulla si accascia. Il giovane cuore cede di schianto. La vita abbandona il suo corpo. Fugge via. Cala il sipario. Il teatro ribolle, freme, pulsa di vita. Lei inerte sul palcoscenico. Inanimata. Già altrove. Cullata dal soave abbraccio della musica, Cosetta era volata lontano lontano. Ma Geremia sapeva che un giorno sarebbe ritornata. La risacca della vita l’avrebbe restituita. Nell’attesa, le dolci note del carillon accarezzavano le aggraziate movenze della ballerina. Cosetta danzava per il vecchio padre. Le mani incrociate sul petto, gli occhi perduti nel vuoto, Geremia si abbandona ai ricordi.
Uno sguardo d’intesa a Cagliostro, mollemente appisolato sulle sue ginocchia. Dlin, dlin, dlin, dlin... E, d’incanto, il carillon gorgheggia ancora. Per sempre, per l’eternità. Sulle ali della fantasia, Geremia fa rotta per terre sconosciute. Si libra verso l’infinito…
Il mattino seguente splende un sole radioso. Dell’effimera neve di marzo, solo lo sbiadito. Un inverno perduto. Una vita dissolta. Geremia riverso sul tavolo da lavoro, lo sguardo sereno a contemplare il nulla. O qualcosa che scorge soltanto lui. Forse una lontana musica…Un melodioso suono di carillon. Della ballerina nessuna traccia. Al suo posto, un candido giglio.
Tra le muffe del passato, un inebriante profumo. L’aulente dono della natura ha germogliato nuova vita laddove ristagnava il greve tanfo della morte. Dopo la scomparsa del vecchio nessuno varcò più quella soglia. Si mormorava che la bottega fosse stregata.
Strani rumori. Mormorii, bisbiglî, sussurri. Arcane melodie partorite dalle ombre del passato. Ma si dice che, ogni inverno, il primo fiocco di neve volteggiante dal cielo color madreperla si adagi pudicamente sul davanzale della finestrella, diffondendo un delizioso effluvio: un niveo giglio di purezza capace di addolcire una morte...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale su social network

denuncia

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale sui social network

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

12commenti

Lealtrenotizie

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

solidarietà

Parma Facciamo Squadra: un risultato (super) da 162.700 euro

Al Regio, cerimonia di consegna dei fondi

Premio "donna sport"

Un "oro" sui libri per la Folorunso: è pure strabrava a scuola

il caso

Tep, la tempesta delle reazioni è politico-sindacale

Dalla Cgil o la Uil fino a Casapound, gli interventi sull'aggiudicazione del servizio di trasporto pubblico fa discutere

4commenti

Fisco

Condomini, l'Agenzia delle Entrate proroga la scadenza al 7 marzo

giudice

Crociati a Salò senza Baraye. Parma multato per lancio di bottigliette

1commento

Fidenza

Concari, la medicina come missione

L'intervista Il direttore dell'équipe di Ortopedia a Vaio racconta la sua esperienza: nove volte in Bangladesh

tg parma

Multe dei varchi: il Comune propone una risoluzione bonaria Video

6commenti

ente

Provincia, assegnate le deleghe. Bodria è vicepresidente

3commenti

IL CASO

Finto malato e assenteista, condannato ex infermiere del Maggiore

La corte dei conti: 24.824 euro di risarcimento

5commenti

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

8commenti

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis che fine ha fatto?

1commento

Sicurezza

Parma, blitz nelle cattedrali del degrado

5commenti

scuola

Marconi, il consiglio di istituto boccia il sorteggio

La Gilda: "La politica trovi una soluzione e nuove aule"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

roma

Tassisti in piazza, cariche davanti alla sede Pd Video

avetrana

Omicidio di Sarah, confermato l'ergastolo per Cosima e Sabrina. E Michele Misseri torna in carcere

2commenti

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

4commenti

SPORT

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

storie di ex

Adriano, l'ultimo tabellino? Compleanno, festa da 91mila euro

MOTORI

anteprima

Nuova Kia Rio. Eccola in azione Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv