12°

22°

Il racconto della domenica

Il limpido suono di un Carillon

Il limpido suono di un Carillon

Rubrica: il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

0

Un pomeriggio di marzo. Toc, toc, toc… Dal tetto di fronte, amare lacrime. Litania mesta, incessante, senza fine. Pianto di un inverno in agonia. L’irriverente sberleffo del disgelo a schernire il gran vegliardo dalla barba bianca. Un tiepido sole irride, impietoso, l’ultima neve di marzo. Ne dissolve il candido incanto. Mette in fuga umbratili creature del gelo. Migrano verso altri lidi. Silenti melodie boreali oltraggiate da lugubri cacofonie dell’incombente primavera. Siano per sempre maledette le infide lusinghe di una stagione ipocrita! Il subdolo inganno dell’eterna rinascita. Il cuore di Geremia sanguina. Goccia dopo goccia… Rannicchiato nell’oscura botteguccia, umile regno di un robivecchi, attende il pietoso calare del sole. Cagliostro, il nero micione dagli occhi color topazio, spicca un balzo per accucciarsi sulle sue ginocchia. Avido di carezze e di complici silenzi.
Vecchie poltrone, polverosi sofà, tarlati comò che hanno vissuto altri splendori. Stravaganti soprammobili, promiscua chincaglieria, vezzosi ninnoli. Giallastre boccette di inaridite essenze. Effluvî svaniti in giorni lontani. Antichi lunari a divinare, con argute facezie, un futuro già estinto. Cose morte, stantie, ammuffite. Lì dentro, il tempo si è fermato. Eppure qualcosa vibra ancora di vita. Geremia ne percepisce il respiro. Dlin, dlin, dlin dlin… Note argentine. Il limpido suono di un carillon. Dolcissima melodia sgorgata dal nulla. Senza spazio, senza tempo.
Dischiusa la scatola magica, le leggiadre piroette della ballerina in bianco raso rintoccano vivide emozioni tra cose inanimate. Si aprono le porte della memoria. Germogliano ricordi. I ricordi di una vita spezzata…
Era dicembre. Nevicava a larghe falde. Il gelo permeava di sé tutto il Creato. Quella sera Cosetta volava di fiore in fiore. Il teatro gremito, traboccante di entusiasmo. Inondata dalle sfavillanti luci della ribalta, l’esile creatura danzava con grazia sulla punta dei piedini di fata. Dentro, il calore, la gioia di vivere. Fuori, l’eterea danza della neve. Il mondo vestito di bianco. Il gelo arabescava nuovi incanti. Addolciva i contorni delle cose per consegnarle al sogno. Leggiadro fiocco di neve, Cosetta volteggia in un luogo fatato. Scrigno di meraviglie. Sospinta dal vento, si muove sulle note di primigenie armonie. Reminescenza di celestiali beatitudini.
Il pubblico in delirio. Uno scrosciante applauso. Un flessuoso inchino. D’improvviso, un respiro affannoso, un ansito, un rantolo… Come fiore reciso, la fanciulla si accascia. Il giovane cuore cede di schianto. La vita abbandona il suo corpo. Fugge via. Cala il sipario. Il teatro ribolle, freme, pulsa di vita. Lei inerte sul palcoscenico. Inanimata. Già altrove. Cullata dal soave abbraccio della musica, Cosetta era volata lontano lontano. Ma Geremia sapeva che un giorno sarebbe ritornata. La risacca della vita l’avrebbe restituita. Nell’attesa, le dolci note del carillon accarezzavano le aggraziate movenze della ballerina. Cosetta danzava per il vecchio padre. Le mani incrociate sul petto, gli occhi perduti nel vuoto, Geremia si abbandona ai ricordi.
Uno sguardo d’intesa a Cagliostro, mollemente appisolato sulle sue ginocchia. Dlin, dlin, dlin, dlin... E, d’incanto, il carillon gorgheggia ancora. Per sempre, per l’eternità. Sulle ali della fantasia, Geremia fa rotta per terre sconosciute. Si libra verso l’infinito…
Il mattino seguente splende un sole radioso. Dell’effimera neve di marzo, solo lo sbiadito. Un inverno perduto. Una vita dissolta. Geremia riverso sul tavolo da lavoro, lo sguardo sereno a contemplare il nulla. O qualcosa che scorge soltanto lui. Forse una lontana musica…Un melodioso suono di carillon. Della ballerina nessuna traccia. Al suo posto, un candido giglio.
Tra le muffe del passato, un inebriante profumo. L’aulente dono della natura ha germogliato nuova vita laddove ristagnava il greve tanfo della morte. Dopo la scomparsa del vecchio nessuno varcò più quella soglia. Si mormorava che la bottega fosse stregata.
Strani rumori. Mormorii, bisbiglî, sussurri. Arcane melodie partorite dalle ombre del passato. Ma si dice che, ogni inverno, il primo fiocco di neve volteggiante dal cielo color madreperla si adagi pudicamente sul davanzale della finestrella, diffondendo un delizioso effluvio: un niveo giglio di purezza capace di addolcire una morte...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Atterraggio

olanda

Che atterraggio! Il cargo rimbalza sulla pista Video

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Scippo, anziana ferita in via Palestro

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

carabinieri

Il Nucleo Antifrode sequestra 126 kg di latte liofilizzato per l'infanzia

sos animali

Bocconi sospetti ritrovati al Montanara: parco chiuso  Foto

INCHIESTA

Chi chiami per salvare un animale selvatico?

1commento

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

politica

Bilancio di fine mandato, Pizzarotti: "Così è cambiata Parma" Video

PILOTTA

L'abbraccio di Samuele Bersani

risposta a un tifoso

Lucarelli su Fb: «Non volevo andare sotto la curva per decenza»

1commento

Albareto

L'alpino «Livio» morto a 101 anni

La curiosità

Paracadutista a 96 anni grazie a un parmigiano

IL CASO

Manno a Istanbul: ambasciatore di legalità

parma in crisi

Ko (anche) con il Sudtirol: squadra in ritiro a Collecchio Video

25 Aprile

Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti ricorda il partigiano Annibale Foto Video 

Il 25 aprile festeggiato a Fidenza (Guarda le foto)

1commento

gaffe e polemiche

La "Pilotta dei lettori": da parcheggio (involontario) a campo da calcio

8commenti

GIALLO

Trovato un cadavere in Po: si pensa che sia Bebe Brown, scomparsa a Pasqua a Boretto

La testimonianza: "Sua sorella l'aveva chiamata qui per darle un futuro migliore..."

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

EDITORIALE

Eliseo: sarà una sfida tra due outsider

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

INCIDENTI

Scontro tra mezzi ferroviari: due operai morti sulla Bolzano-Brennero Foto

SICILIA

71enne ammazzata in casa: arrestato il vicino

SOCIETA'

3 mesi fa l'aggressione

Il primo selfie di Gessica Notaro (la miss sfregiata con l’acido dall’ex)

1commento

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

SPORT

crisi del parma

Ferrari: "Chi non ci crede si faccia da parte. Tifosi sosteneteci" Video

1commento

calcio e veleni

Lite Spalletti-Panucci sulla sostituzione di Dzeko Video

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport