Il racconto della domenica

Il limpido suono di un Carillon

Il limpido suono di un Carillon

Rubrica: il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

Ricevi gratis le news
0

Un pomeriggio di marzo. Toc, toc, toc… Dal tetto di fronte, amare lacrime. Litania mesta, incessante, senza fine. Pianto di un inverno in agonia. L’irriverente sberleffo del disgelo a schernire il gran vegliardo dalla barba bianca. Un tiepido sole irride, impietoso, l’ultima neve di marzo. Ne dissolve il candido incanto. Mette in fuga umbratili creature del gelo. Migrano verso altri lidi. Silenti melodie boreali oltraggiate da lugubri cacofonie dell’incombente primavera. Siano per sempre maledette le infide lusinghe di una stagione ipocrita! Il subdolo inganno dell’eterna rinascita. Il cuore di Geremia sanguina. Goccia dopo goccia… Rannicchiato nell’oscura botteguccia, umile regno di un robivecchi, attende il pietoso calare del sole. Cagliostro, il nero micione dagli occhi color topazio, spicca un balzo per accucciarsi sulle sue ginocchia. Avido di carezze e di complici silenzi.
Vecchie poltrone, polverosi sofà, tarlati comò che hanno vissuto altri splendori. Stravaganti soprammobili, promiscua chincaglieria, vezzosi ninnoli. Giallastre boccette di inaridite essenze. Effluvî svaniti in giorni lontani. Antichi lunari a divinare, con argute facezie, un futuro già estinto. Cose morte, stantie, ammuffite. Lì dentro, il tempo si è fermato. Eppure qualcosa vibra ancora di vita. Geremia ne percepisce il respiro. Dlin, dlin, dlin dlin… Note argentine. Il limpido suono di un carillon. Dolcissima melodia sgorgata dal nulla. Senza spazio, senza tempo.
Dischiusa la scatola magica, le leggiadre piroette della ballerina in bianco raso rintoccano vivide emozioni tra cose inanimate. Si aprono le porte della memoria. Germogliano ricordi. I ricordi di una vita spezzata…
Era dicembre. Nevicava a larghe falde. Il gelo permeava di sé tutto il Creato. Quella sera Cosetta volava di fiore in fiore. Il teatro gremito, traboccante di entusiasmo. Inondata dalle sfavillanti luci della ribalta, l’esile creatura danzava con grazia sulla punta dei piedini di fata. Dentro, il calore, la gioia di vivere. Fuori, l’eterea danza della neve. Il mondo vestito di bianco. Il gelo arabescava nuovi incanti. Addolciva i contorni delle cose per consegnarle al sogno. Leggiadro fiocco di neve, Cosetta volteggia in un luogo fatato. Scrigno di meraviglie. Sospinta dal vento, si muove sulle note di primigenie armonie. Reminescenza di celestiali beatitudini.
Il pubblico in delirio. Uno scrosciante applauso. Un flessuoso inchino. D’improvviso, un respiro affannoso, un ansito, un rantolo… Come fiore reciso, la fanciulla si accascia. Il giovane cuore cede di schianto. La vita abbandona il suo corpo. Fugge via. Cala il sipario. Il teatro ribolle, freme, pulsa di vita. Lei inerte sul palcoscenico. Inanimata. Già altrove. Cullata dal soave abbraccio della musica, Cosetta era volata lontano lontano. Ma Geremia sapeva che un giorno sarebbe ritornata. La risacca della vita l’avrebbe restituita. Nell’attesa, le dolci note del carillon accarezzavano le aggraziate movenze della ballerina. Cosetta danzava per il vecchio padre. Le mani incrociate sul petto, gli occhi perduti nel vuoto, Geremia si abbandona ai ricordi.
Uno sguardo d’intesa a Cagliostro, mollemente appisolato sulle sue ginocchia. Dlin, dlin, dlin, dlin... E, d’incanto, il carillon gorgheggia ancora. Per sempre, per l’eternità. Sulle ali della fantasia, Geremia fa rotta per terre sconosciute. Si libra verso l’infinito…
Il mattino seguente splende un sole radioso. Dell’effimera neve di marzo, solo lo sbiadito. Un inverno perduto. Una vita dissolta. Geremia riverso sul tavolo da lavoro, lo sguardo sereno a contemplare il nulla. O qualcosa che scorge soltanto lui. Forse una lontana musica…Un melodioso suono di carillon. Della ballerina nessuna traccia. Al suo posto, un candido giglio.
Tra le muffe del passato, un inebriante profumo. L’aulente dono della natura ha germogliato nuova vita laddove ristagnava il greve tanfo della morte. Dopo la scomparsa del vecchio nessuno varcò più quella soglia. Si mormorava che la bottega fosse stregata.
Strani rumori. Mormorii, bisbiglî, sussurri. Arcane melodie partorite dalle ombre del passato. Ma si dice che, ogni inverno, il primo fiocco di neve volteggiante dal cielo color madreperla si adagi pudicamente sul davanzale della finestrella, diffondendo un delizioso effluvio: un niveo giglio di purezza capace di addolcire una morte...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

STADIO TARDINI

Il Parma col Cesena punta alla cinquina Diretta dalle 15

I crociati hanno vinto le ultime quattro gare in casa ma i romagnoli sono in gran forma con un attacco prolifico. Fuori Munari, gioca Dezi

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

1commento

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260