mostre

Vita, gabbia deforme di dolore

«Anime metalliche», opere di Elisabetta Poli alla Galleria International Line di via Traversetolo da sabato al 7 giugno

Vita, gabbia deforme  di dolore
Ricevi gratis le news
0

Elisabetta Poli è nata nella Bassa, a Sissa, e fin da bambina ha guardato il padre Erques battere il ferro. Ha sentito il sapore del metallo entrarle nelle narici e imprimersi nella mente, prima ancora del profumo languido del grande fiume che scorreva a poca distanza dalla sua dimora.
Il padre rientrava a casa dopo una giornata di duro lavoro e parlava di ferro, ci si nutriva di quell’odore e di quel sapore. E lo si custodiva nell’anima, magari senza saperlo, lo si portava con sé, a distanza di anni, lontano dal paese natio. Elisabetta da adulta, molto adulta, un giorno si è ricordata di quel sapore, come un grido ancestrale che per troppo tempo era rimasto soffocato. Ha sentito il richiamo del ferro. In un negozio di ferramenta, vide un rotolo di rete metallica e ne fu attratta come se un mantra si fosse sprigionato da quella materia luccicante. Si avvicinò e la accarezzò, accorgendosi che poteva plasmarla, che poteva trasferire le suggestioni covate a lungo nel cuore su quella sostanza fredda e amorfa e farla rivivere in qualcosa di più nobile. Ne acquistò un trancio, la portò a casa, le sue mani iniziarono a correre su quelle trame rigide, senza paura. Comprò altre reti, fece altre forme astratte, poi si procurò vernici, pannelli, strutture di cartapesta, cornici, dove cominciò ad incastrate o avvolgere le sue creazioni, ascoltando solo e soltanto la forza che aveva dentro e che la spingeva a continuare a plasmare la sua materia ancestrale.
La scultrice Elisabetta Poli non ha fatto scuole d’arte né frequentato studi di scultura o laboratori di design, il suo curriculum è semplicemente la sua vita, trascorsa ad ascoltare il suo animo più profondo e nascosto. La sua prima mostra personale, che si terrà alla galleria d’Arte International Line (via Traversetolo, km 11) da sabato al 7 giugno, si intitola «Anime metalliche». La rete metallica è la materia predominante, le sue creazioni sono gabbie che si stagliano nello spazio, lo inglobano, si fanno attraversare dalla luce. La gabbia viene deformata, tagliata, penetrata da chiodi metallici che lacerano la materia e consentono all’energia e al dolore di uscire. La rete metallica diventa simbolo di liberazione o sinonimo di incarcerazione. La Poli vede la sofferenza della donna e la sottolinea nelle parti quasi anatomiche devastate dalla violenza, il corpo trafitto da sbarre acuminate o da fori grondanti. La materia si fa dolore, il metallo si fa soggetto e oggetto di martirio, interagisce con i simboli e li ingloba in una sorta di concrezione che lascia sbigottiti. Il contrasto tra materia e vuoto, evocato dalla struttura a maglie di varia tessitura, è un viaggio nelle tensioni dell’esistenza, un motivo di riflessione sull’incongruità della forma e sul delirio della materia. R. Cu.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

PACIFICO

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza in centro

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

89 ANNI

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia

Salsomaggiore

«Serhiy Burdenyuk è scomparso: chi l'ha visto?»

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

anteprima gazzetta

Quei ragazzini terribili che imperversano in centro Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti