13°

30°

Narrativa

Sangue tra il Po e il Ticino

«Terre selvagge», romanzo dello scrittore genovese Sebastiano Vassalli che racconta gli scontri tra i romani e i cimbri mettendo in scena personaggi storici. Guerre e battaglie animate da un tragico senso del destino. Paesaggi naturali di grande fascino

Sebastiano Vassalli
0

Comincia provocando un senso di stupore il nuovo romanzo di Sebastiano Vassalli «Terre selvagge» edito da Rizzoli: «Com'era grande e misteriosa l'Europa duemila e cento e quindici anni fa, nell'anno seicentocinquantaduesimo della fondazione di Roma: corrispondente, nel nostro calcolo del tempo, al centouno prima di Cristo!». E si ha subito l'impressione di trovarsi davanti a un'opera diversa dalle solite della solita narrativa italiana di questi anni spesso penosamente mediocre, incerta e sgrammaticata. E' l'impressione di chi, aperto uno scrigno senza eccessiva curiosità, trova invece un tesoro. Il romanziere genovese, che ha per l'occasione abbandonato il suo tradizionale editore Einaudi, ci regala un'opera di straordinario fascino: un romanzo storico, genere inconsueto e poco frequentato al dì d'oggi, un romanzo dove i personaggi, i luoghi, le battaglie e la guerra hanno sentori di conflitti eterni e di un destino che non cessa d'essere presente con il suo profilo di violenze, di atrocità, di dominio e di morte. Vassalli non è mai stato uno scrittore improvvisato, di quelli cioè che confezionano a stento cento paginette per far contento l'editore e concorrere ad un premio.
E' scrittore di lenta possessione, dal passo sicuro e dalla sicura fiducia nelle proprie possibilità, sin da quando si rivelò con «La notte della cometa» ('84), «L'oro del mondo» ('87) e «La chimera» ('90) dopo aver frequentato, tra il '68 e il '76, le esperienze del gruppo 63. Ma «Terre selvagge» è già qualcosa di più: è il racconto limpido e preciso di una frequentazione storica che lascia stupiti e dalla quale sorgono non solo le antiche fonti, Cicerone, Plutarco, Livio, Tacito, e poi i grandi romani Caio Mario, Lucio Cornelio Silla e i loro soldati, ma anche l'immensa confusione delle voci, dei riti, dei luoghi tra Novara e Vercelli, i «Campi Raudii», dove le gesta dei Cimbri e dei Romani si mischiarono in un furore di terrore, violenza e leggenda. Non solo. La storia che Vassalli racconta e immagina è così fitta di episodi che con non poca difficoltà riusciamo a districare: ma la nostra pazienza viene sempre ricompensata. «Caio Mario rispondeva con la mano e col viso al saluto dei soldati»; e questo è un personaggio. Un altro è Quinto Lutazio Catulo: «un perfetto rappresentante di quel l'aristocrazia senatoria che nei seicentocinquantadue anni del l'esistenza di Roma era arrivata a conquistare mezzo mondo, ma che ormai annoverava soprattutto personaggi come lui, più adatti per le missioni diplomatiche e per le cerimonie ufficiali che per affrontare una guerra». Un altro è il capo cimbro Agilo, detto l'Orso, che ha due figlie Rhamis e Sigrun. Altri personaggi ancora sono paesaggi, fiumi, boschi, campagne, e poi tramonti, piogge, coltivazioni, animali vivi e morti, la grande madre natura che si apre a ventaglio dal monte Ros al villaggio di Proh, dal sasso delle Matrone ai villaggi che costeggiano il Ticino e il Po, tra ciliegi e meli selvatici, lo starnazzare dei polli, il cigolio della mola spinta dall'asino che macina il frumento per ridurlo in farina, la casa di Tasgezio e Lunilla e i nidi dei corvi animali sacri. E compaiono anche «I giocolieri etruschi» con il loro carro che all'occorrenza si «trasformava in una casa viaggiante e con una maschera di Bucco, il re dei comici, appesa sopra la testa di chi stava a cassetta». La macrostoria si confonde perfettamente con la microstoria e la cronaca quotidiana, a formare quindi la sostanza del romanzo, i suoi umori, le sue atmosfere, le curiosità spicciole delle giornate, il passare delle stagioni, la vita dei romani negli accampamenti tra fame, miserie e paure, le scorte di frumento che si esauriscono e la pazienza, «l'arma migliore per vincere i barbari», come dice Silla. Con eccezionale abilità il Vassalli procede nel racconto congegnando poi le varie parti che convergono sulla meta di un congedo finale verso il paese di Cameriano dove si ergeva un arco di trionfo che «non c'è più da chissà quanti secoli e non si sa nemmeno dove fosse». Eppure su quella terra meravigliosa «dove ancora esistono le paludi d'acqua sorgiva, le “lame”, e i boschi con le piante d'allora: i carpini, gli òntani, i salici, le querce a foglia piccola e tante altre, che però ormai sono mescolate con quelle della globalizzazione. Con i pioppi canadesi, le robinie, gli ailanti», regna il silenzio dell'antico furore che «Terre selvagge» evoca dal profondo dei millenni. E' questa la forza del libro, è questo il tesoro che Vassalli ha scavato con immenso affetto di storico e di uomo e con acuta intelligenza di poeta, perché davvero «come era grande e misteriosa l'Europa, centouno anni prima della nascita di Cristo! Quell'insieme di pianure, di montagne, di mari e di fiumi e di laghi, di foreste e di terreni coltivati che per chi ci viveva era il mondo». Forse, adesso, ci sentiamo un po' cimbri anche noi, siamo un po' romani conquistatori, ma anche un poco più pensosi uomini del presente in cerca di una traccia che ci renda migliori senza battaglie, incendi, stragi e carestie, secondo la mirabile lezione di Vassalli.

Terre selvagge
Rizzoli ed., pag. 297, euro 18,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpe a forma di piccione ... follie giapponesi

pazzo mondo

La signora con le scarpe a forma di piccione: dal Giappone al giro del web video

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

 Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

tv

Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Incendio deposito carta supermercato IN'S viale fratti

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

1commento

Weekend

Street food, bancarelle e vino: l'agenda della domenica

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

COLLECCHIO

Auto danneggiate e un computer rubato nel parcheggio dell'EgoVillage

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

Intervista

Bob Sinclar: «Grazie Parma»

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

PARMA

Gag, solidarietà e... abbracci gratis: i clown di corsia in piazza Garibaldi Foto

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere

PILOTTA

Chiude l'anno luigino: la memoria in tre libri

salso

Terme, via libera alla liquidazione

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

iren

Traversetolo, guasto all'acquedotto: possibile mancanza di acqua

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

gran bretagna

Computer in tilt, aerei della British Airways ancora a terra

WEEKEND

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover