17°

32°

Arte-Cultura

«Vent'anni fa tra gli studenti di Tiananmen»

«Vent'anni fa tra gli studenti di Tiananmen»
Ricevi gratis le news
0

di Roberto Longoni
Finì nel sangue e nel fuoco. Finì tra le molotov, i cingoli dei carri armati e le raffiche dei mitra. E poi le manette, il carcere, la deportazione, un lungo strascico di paura. Ancora non si conosce il numero delle vittime di Piazza Tiananmen. Ancora non si sa per quanti giovani (tra studenti e soldati) la piazza della «Porta della pace celeste» sia diventata la piazza della porta della pace eterna. Vent'anni sono passati da quella primavera cinese trasformata in autunno dal piombo della repressione. C'era un parmigiano, allora, a vivere di persona i giorni della protesta. «Ero andato per turismo e mi sono trovato tra i cortei e infine mi sono infilato tra gli studenti di Tiananmen» racconta Gabriele Ravera, che ancora va a oriente, ma fermandosi in Bielorussia: è presidente di Help Italia. Per vent'anni ha tenuto per sé i suoi ricordi. E soprattutto ha tenuto in un cassetto le decine di foto scattate tra la folla. «Temevo che la polizia se ne servisse per identificare i manifestanti» spiega.  Nel 1989, Ravera era partito da Parma a fine aprile e come turista. «Eravamo un gruppo di una ventina di persone - ricorda -. Dovevamo visitare le principali città cinesi. Tutto ci aspettavamo, fuorché ciò che abbiamo trovato». A Shanghai tutto andò secondo copione. «Ma poco dopo, a Xian, si ebbe il primo impatto: c'erano gruppi di studenti in strada, con cartelli di protesta. La nostra guida, che parlava italiano, fu colto da un certo imbarazzo. Fu l'accompagnatore italiano, che parlava in cinese, a dirci che a Pechino la situazione era in fermento».  E la capitale sarebbe stata l'ultima tappa. Prima erano  previste le visite di Canton e Wuxi, «dove trovammo altre manifestazioni». Ma il gruppo di italiani era tenuto a «distanza di sicurezza» dai cortei. A marcarlo  stretto, ci pensava un poliziotto, che  a Xian tuttavia fu preso in contropiede. «Il pulmino si fermò accanto a un giardino. “Vado a fare delle foto” dissi, e scesi al volo: i manifestanti erano vicini a noi». L'entrata in scena di un occidentale  fece partire un applauso. «Gli studenti si avvicinavano: non perdevano occasione per cercare di comunicarci i loro sentimenti, le loro speranze. Parlavano di rinnovamento, della necessità di smuovere l'apparato, di libertà d'opinione, di condivisione delle scelte». Il gruppo fu contagiato dalla febbre collettiva. «Tutti presero a interessarsi a ciò che vedevano» ricorda Ravera. Così, più le guide e il poliziotto-marcatore chiedevano di non fotografare e più gli italiani puntavano i loro obiettivi sui cortei dei manifestanti. Il programma venne scombussolato: si cercò di ritardare il più possibile l'arrivo del gruppo in centro a Pechino. «Ci fecero visitare in anticipo la Grande muraglia e la residenza estiva dell'imperatore. Poi, ci tennero in un vecchio quartiere di antiquari, lontano da piazza Tiananmen. Ma alla fine si dovettero arrendere: ci portarono in un albergo centralissimo, nel quartiere Liu Li Chang, vicino al cuore della protesta». La piazza era lì - 440 mila metri quadrati di città sotto gli occhi vigili del ritratto di Mao -  transennata e piena di manifestanti che bivaccavano. «Tra Tiananmen e la Città proibita c'era un viavai di folle. Spesso arrivavano delegazioni da fuori Pechino. Si respirava la speranza di un cambiamento imminente e incruento. I ragazzi erano tranquilli e rilassati,  armati solo di slogan e striscioni. Non si vedeva un poliziotto». Alla sera agli italiani fu imposta una specie di coprifuoco: tutti in albergo. «E invece siamo usciti in cinque, divisi in due gruppi, per raggiungere la piazza vicina - racconta Ravera -. Passammo senza difficoltà il cordone degli studenti. Loro cercavano in ogni modo di comunicare con noi: chiedevano di parlare del loro movimento in Occidente. Mi sono perso tra la folla.  Alla vista di una troupe della Cnn sul tetto di un pullman mi sono rasserenato. I ragazzi sotto cercavano di parlare al mondo. Il giorno dopo, libero secondo il programma, lo trascorremmo più che altro in Piazza». Poi, l'ordine di partire per Hong Kong, con un giorno d'anticipo. Quindi, il rientro in Italia. «Fu qui, sul treno da Roma per Parma, che lessi sulla prima pagina di un quotidiano un flash in prima pagina sulla repressione. Fu uno choc. Tempo dopo ricevetti una strana telefonata: una voce mi chiese, in italiano, se ero andato in Cina e perché. Per un po' mi tenni in contatto con il nostro accompagnatore. “Non mostrate le foto” si raccomandò. Solo ora le tiro fuori».

 

 

 

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Le parole del giovane parmigiano

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

di Mara Varoli

1commento

Lealtrenotizie

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

La relazione

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

Il caso Turco

«Il suicidio? Impossibile prevederlo»

IL PERSONAGGIO

Torrechiara, Alberto Angela «gira» nel castello

IL CASO

Colorno, «portoghesi» del bagno in piscina. Ora le denunce

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lutto

La morte di Igino Lemoigne, una vita nelle assicurazioni

L'intervista

Insinna: «Vi racconto la verità sui fuori-onda»

Fidenza

Roslyn, campionessa di nuoto a 74 anni

BORGOTARO

La medicina del Santa Maria, tutti i dati del 2016

seconda amichevole

Calaiò inarrestabile, 5 gol; tripletta Iacoponi: Parma-Settaurense 12-0

via Anselmi

Fiamme in una palazzina: grave una 60enne - Video: dentro l'appartamento distrutto

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

4commenti

droga

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

22commenti

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

1commento

economia

Pomodoro, oltre 1000 assunti per la campagna Mutti

Nei 3 stabilimenti di Parma, Collecchio e Salerno, oltre ai fissi

lavoro

L'osteopatia entra in Barilla: trattamenti per i dipendenti

Per migliorare la resistenza allo stress e in generale la vita dei lavoratori

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

di Francesco Bandini

22commenti

ITALIA/MONDO

operazione

Milano, stazione Centrale invasa dai migranti: nuovo blitz della polizia

politica

Vitalizi si cambia, primo sì della Camera all'abolizione Video

SPORT

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

nuoto

Italia show ai mondiali: Detti oro e Paltrinieri bronzo negli 800 sl

SOCIETA'

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

MOTORI

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita