14°

28°

Arte

I cinquanta capolavori di Morandi

Cinquant'anni fa moriva l'artista. Una collezione di grande prestigio alla Fondazione Magnani Rocca

I cinquanta capolavori di Morandi
Ricevi gratis le news
0

Il 18 giugno di cinquanta anni fa moriva a Bologna Giorgio Morandi, uno dei più grandi artisti del Novecento, celebre per le sue bottiglie e per la vita priva di clamori, come le sue raffinatissime opere. Luigi Magnani, il signore della Villa dei Capolavori di Mamiano, lo aveva conosciuto nel 1941 a Salsomaggiore; da quell’incontro ebbe origine la collezione dei cinquanta Morandi della Fondazione Magnani Rocca. Vi sono rappresentati tutte le tecniche e i soggetti morandiani; diciassette sono i dipinti a olio, cinque gli acquerelli, otto i disegni, venti le incisioni: fra i dipinti sono presenti la «Natura morta» del 1918, capolavoro metafisico, idolo quotidiano di un tempo e uno spazio indefiniti, l’«Autoritratto» del 1925, dove una sicurezza calma, un’assenza di dramma traspaiono dalla figura del giovane pittore, dimesso ma consapevole come un artigiano antico; vi è persino un «unicum», gli Strumenti musicali, solenni nella loro semplicità, eseguito nel 1941 su richiesta di Magnani, e molti altri quadri con le nature morte - icone dell’arte novecentesca - con fiori, paesaggi, fino a un rarefatto dipinto del 1963 che, come i lavori grafici del medesimo periodo, mostra una ricerca di sintesi portata all’estremo. È noto come Morandi (nato a Bologna nel 1890) talora per Natale o Pasqua si presentasse ospite a Mamiano con una nuova tela ricevendo in cambio prelibati prodotti delle fattorie di Magnani; successivi scambi o acquisti presso l’artista e presso altri collezionisti portarono a un gruppo di completezza e livello assoluti.
Il mondo morandiano è costituito da oggetti di uso comune, tenuti nel suo studio in via Fondazza a Bologna in attesa di essere scelti e dipinti dal maestro. Morandi è stato definito un «regista di nature morte» perché individuava i suoi soggetti con cura, li predisponeva su un piano come veri protagonisti della scena, ricreando un’immagine, già presente nella sua mente, che a lungo osservava per poi dipingerla con tratti rapidi: le sue bottiglie sono quindi il pretesto di una ricerca più profonda, la ricerca dell’io e dei suoi cambiamenti nel tempo; l’oggetto, privato della sua luce (Morandi dipingeva all’interno i vetri per renderli opachi) e isolato dal contesto consueto, viene reso forma pura, capace di sprigionare l’essenza delle cose.
Il poeta francese Philippe Jaccottet individua nell’arte di Morandi una luce «ad un tempo interiore e distante» come un’«infinita pazienza»: è il segreto dell’opera d’arte, non c’è arte senza maturazione che chiede cura e attenzione. I colori morandiani sono quelli della Bologna della giovinezza del pittore, dagli ocra ai grigi, ai marroni nelle varie tonalità; sono le mura dei palazzi, sono i portici sotto cui passeggiava per recarsi in Accademia, dove insegnava Tecniche dell’incisione. Morandi vive a pieno la Seconda Guerra Mondiale, tragedia che lo porta a distaccarsi da una realtà inaccettabile: si chiude così nella sua arte, fatta di oggetti immutabili che mai potranno turbarlo. Si sposta di rado vivendo in solitudine nella casa di Bologna e in quella di Grizzana sui colli tosco-emiliani, accudito dalle sorelle Anna, Dina e Maria Teresa; fa coincidere i confini della sua arte di paesaggio con quegli scorci, visioni al di là di una finestra che lui rende personali, intime ma universali, a cogliere le forme più essenziali, pretesti per l’espressione dei suoi sentimenti. Nel libro Il mio Morandi del 1982, oltre a pubblicare il carteggio con l’amico, Magnani ne tratteggia la personalità, evidenziando come egli non abbia mai inteso appartenere ad alcuna corrente artistica dominante: «Sapeva che la sua pittura non poteva diventare popolare, perciò dipingeva per quei pochi che sentiva partecipi del suo mondo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti