13°

Arte-Cultura

Fabio Pariset, giovane patriota venuto da Parma

Fabio Pariset, giovane patriota venuto da Parma
Ricevi gratis le news
0

di Paola Pariset

Fu la battaglia più cruenta (ma risolutiva) della II Guerra d’Indipendenza italiana, quella combattuta sui colli di Solferino e San Martino (24 giugno 1859), di cui fra tre giorni ricorre il 150° anniversario. Fra gli italiani figurava il volontario diciannovenne Fabio Pariset - nato a Parma nel 1840 da Camillo (che era figlio di Giuseppe Pariset, generale napoleonico nelle Campagne d’Italia) e dalla parmigiana Giuseppa Calemini - fuggito da casa per arruolarsi in Piemonte. Ma ecco le parole del giovane patriota, raccolte su fogli di fortuna durante la campagna militare, ed ora di proprietà della famiglia e di chi firma questo scritto, insieme con tutti i documenti ufficiali di lui: «Il 31 marzo 1859 abbandonai Parma mio paese natale, mia madre che mi piange tuttora, un padre che mi adora...per prestare io pure l’opera del mio debole braccio a questa nostra patria, la bella Italia conculcata e derisa dai crudeli nostri oppressori» (Il padre di Fabio ricorse al Ministero della Guerra, ma il Comandante del Corpo riferì: «Il giovane ha risposto risolutamente di non voler lasciare le militari bandiere, salvochè vi venisse costretto dalla forza»). In Piemonte Fabio fu destinato al 14° Reggimento Bersaglieri Brigata Pinerolo: «Il 24 giugno ci misero in marcia al passo di corsa e ci recammo sotto le alture di S.Martino. Ci schierammo in battaglia e dopo 9 ore che il fuoco era incominciato, la nostra Divisione comandata dal famoso generale Moulard ricominciò una lotta terribile e sanguinosa. Demmo la carica con la baionetta.... anelanti e trafelati dal caldo che ci soffocava, sfiniti dalla sete e dalla fame, riparammo dietro una cascina. Il cannone, dietro di noi per proteggere la nostra avanzata, arrivati che fummo ci batteva, e furono più i mietuti dai nostri colpi, che da quelli dell’inimico. In mezzo a due fuochi sostenemmo l’impeto del nemico per ben due ore.... La natura stessa ci aiutò: un uragano terribile e una forte acqua ci protesse, poiché cadendo alle nostre spalle batteva di faccia al nemico, che non s'accorse che noi eravamo sotto della posizione. Orrore soltanto a pensarlo, saressimo stati tagliati a pezzi, poiché che avrebbe fatto un reggimento contro tanti uomini che erano in quella posizione....riordinati in battaglia ci avanzammo a baionetta calata e solo a 9 ore di sera ci abivacammo. Alla mattina dopo quale orrenda carneficina! Sorse il sole ad illuminare una strage. Ottantamila uomini fra tutta la linea di battaglia tra Solferino e S.Martino giacevano al suolo fuori di combattimento».
 Il patriota ottenne una medaglia per tale impresa e una per la liberazione di Ancona: poi seguì il Reggimento fino a Napoli (stupendamente descritta), ove nel novembre 1860 terminò il diario dedicato alla madre, sperando di partecipare alla presa di Venezia: «Mio ardentissimo desiderio sarebbe che venisse un ordine che ci mandasse ad infrangere le catene della Regina del Mare. Speriamo che non sarà lunge quel giorno di gioia e vendetta». Fabio presentì più volte la morte, che giunse invece nel profondo sud: il Reggimento fu spedito in Vulture per la lotta al brigantaggio, dove durante un perlustramento cadde in un’imboscata. Fabio fu ferito al braccio e morì all’ospedale di Atella nel luglio 1864. Emorragia? Infezione? Piuttosto indifferenza e ostilità verso un soldato sabaudo, inviso ai Borbone più dei briganti. E giace ancora lì, nell’Ossario di quel remoto cimitero, il bersagliere parmigiano di ventiquattro anni Fabio Pariset.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mangiamusica:  Parmigiano e  Rolling Stones

Fidenza

Mangiamusica: Parmigiano e Rolling Stones Gallery

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

GAZZAFUN

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

23commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

La lettera della mamma di Mattia

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

13commenti

Incidente

Scontro a Pilastro, un ferito

Incidente

Carambola fra tre auto in via Mantova, due feriti

Indaga la Polizia municipale

WEEKEND

Il Mercato del Forte, la torta di verze, November Porc a Zibello: l'agenda di domenica

Salso

Sfondano la vetrina e rubano capi firmati

Polizia

Raffica di furti negli appartamenti

Bici rubate e in attesa dei proprietari

Eccellenze

Il Parmigiano trionfa agli "Oscar del formaggio" a Londra

Risultato stellare: porta a casa 38 medaglie

POESIA

Zucchi tradotto da un giurato del Nobel

calcio

Parma, poker e primato

Lutto

L'addio di Rubbiano a Fabrizio Aguzzoli

LIRICA

Festival Verdi, numeri da record

FERROVIA

Fidenza-Cremona, treni al posto di due bus

Carabinieri

Controlli contro spaccio e furti: identificate 50 persone

L'operazione nella notte

STADIO TARDINI

Il Parma travolge l'Ascoli 4-0 e sogna: è primo in classifica

Frattali: "Rigore parato, evitata sofferenza finale" (Video) - Grossi: "Bella vittoria, molte occasioni mancate per il Parma" (Videocommento)

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

1commento

Torino

Addestratore sbranato dal cane affidatogli dall'amico

SPORT

SERIE A

Il Napoli piega il Milan (2-1), la Roma si prende il derby

GAZZAFUN

Parma-Ascoli 4-0: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

curiosità

Sono una "chimera" quelli pubblici a Parma: il 19 è la Giornata mondiale dei servizi igienici

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto