-1°

14°

Arte-Cultura

Guareschi e il cinema

Guareschi e il cinema
0

Comunicato stampa
 
 
Le burrascose avventure
di Giovannino Guareschi nel mondo del cinema
 
Omaggio della Cineteca di Bologna a Guareschi nel centenario della nascita
 
 
Un percorso fatto di immagini e parole: Giovannino Guareschi, disegnatore, vignettista, scrittore, sceneggiatore, in altre parole, uomo di lettere e uomo di cinema.
La Cineteca del Comune di Bologna, in collaborazione con il Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Giovannino Guareschi (www.guareschi2008.com), con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali,  e con il sostegno della Fondazione Carisbo,  ne ripercorre la vita – una carriera artistica e intellettuale controversa, segnata da successi e polemiche – e lo fa intrecciando una mostra, una retrospettiva, un libro. Molti gli inediti, da cui letture, prospettive, idee inedite.
 
‘Le burrascose avventure di Giovannino Guareschi nel mondo del cinema’ è il titolo che raccoglie tutte le iniziative, a partire dalla mostra che sarà allestita da martedì 24 giugno (e fino al 19 ottobre) nella Sala espositiva della Cineteca di Bologna (via Riva di Reno, 72), dove troveranno spazio oltre cento foto, quaranta disegni, venti lettere, che tracceranno il viaggio cinematografico di Guareschi, da “Gente così”, pellicola del 1949 diretta da Fernando Cerchio, a “La rabbia” (1963: senza dubbio il capitolo più problematico di questa storia), passando per una delle saghe più fortunate del cinema italiano, quella di Don Camillo e Peppone, inaugurata da una doppia regia di Julien Duvier (1952-53) e conclusasi nel 1972 con “Don Camillo e i giovani d’oggi”, diretto da un Mario Camerini orfano dei due eroi Fernandel e Gino Cervi.
 
Tutte pellicole, queste, che vedremo alla 22ª edizione del festival Il Cinema Ritrovato (Bologna, 28 giugno – 5 luglio), promosso dalla Cineteca di Bologna e dalla Mostra Internazionale del Cinema Libero, occasione che tuttavia riserverà molte sorprese alla scoperta del Guareschi meno noto: tutti i “Don Camillo”, quindi, – e i due di Duvivier saranno in versione originale francese –, ma anche “Caccia all’orso” (incontro televisivo tra Guareschi e Montanelli), “La rabbia” (la prima parte a firma di Pier Paolo Pasolini e la seconda a firma di Guareschi) e un documentario inedito, realizzato da Tatti Sanguineti, che proprio di questo discusso progetto racconta e analizza la vicenda: “La rabbia I”, “La rabbia II”, “La rabbia… L’Arabia”.
 
«Ci voleva il cinema, il cinema dei fantastici anni 50 e 60, macchina tecnologicamente matura ma dall'energia ancora in gran parte da dispiegare, e ci voleva l'ottimismo del cinema italiano di quegli anni per produrre Peppone e Don Camillo, come anche per mettere insieme due opposti, come Guareschi e Pasolini. Ci voleva un'istituzione come la Cineteca di Bologna per raccontare questa storia - la storia dei rapporti tra Guareschi e il cinema - ha dichiarato Vincenzo Bernazzoli, Presidente del Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Giovannino Guareschi. Uno degli aspetti più difficili, al di là delle apparenze e delle compiacenti foto di scena, della personalità di Giovannino. Il Comitato per il centenario, ancora una volta, esce dalla prigione delle celebrazioni retoriche per sondare e possibilmente raggiungere la verità culturale e umana di Guareschi».
 
«Guareschi è tra quei geniali intellettuali che, negli anni precedenti e in quelli immediatamente successivi alla seconda guerra mondiale, utilizzarono le potenzialità del linguaggio satirico, che associava testo e immagine, per parlare a tutti gli italiani e per rappresentare, con lucidità e ferocia, i loro malcostumi», afferma Gian Luca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna, che da anni insegue un progetto che trova compimento oggi, nel centenario guareschiano, nato dapprima dal restauro della “Rabbia” (film su cui proseguono le ricerche della Cineteca e altre iniziative correlate) e culminato nel ritmo tripartito della mostra, della retrospettiva e di un volume – intitolato anch’esso Le burrascose avventure di Giovannino Guareschi nel mondo del cinema – pubblicato da MUP Editore che di fatto racchiude il senso di un’intera operazione, grazie al lavoro dei suoi curatori, Egidio Bandini, Giorgio Casamatti, Guido Conti, e di studiosi di rango come Tatti Sanguineti e Roberto Chiesi.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Scippo in via Farini

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

3commenti

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

2commenti

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

1commento

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

3commenti

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

11commenti

ITALIA/MONDO

FISCO

Nel 2016 oltre 450mila liti pendenti per 32 miliardi

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

4commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia