12°

Arte-Cultura

Il centenario di Milena

Il centenario di Milena
0

Ricorre quest'anno il centenario della nascita di Milena Pavlovic Barilli, l'unica figlia di Bruno Barilli, secondogenito di Cecrope, il capostipite della grande famiglia di artisti parmigiani. Musicista, critico, scrittore, spirito bizzarro, autore dell'indimenticabile «Paese del Melodramma», Bruno Barilli aveva sposato la pianista Danitsa Pavlovic, cugina per via materna del re Pietro Karageargevic di Serbia, conosciuta studentessa a Monaco e più tardi a Vienna. Una principessa insomma.
Dal matrimonio tra Bruno Barilli e Danitsa Pavlovic il 5 novembre 1909 nasceva a Pozarevac, in Serbia, Milena, destinata a diventare una pittrice raffinata e affermata e scomparsa tragicamente negli Stati Uniti a soli 36 anni per i postumi di una caduta da cavallo (lesione alla spina dorsale) riportata nel 1944 mentre stava lavorando a Broadway.
Forse non sarà sufficiente, ma aiuta molto a capire Milena Pavlovic-Barilli l’accostare due stupende opere d’arte, due ritratti: il suo e quello del padre Bruno, somigliantissimi, ma soprattutto entrambi ricchi di qualità introspettive straordinarie. Il suo è un autoritratto, del 1938, mentre, con una affusolata mano sinistra, solleva il pennello intento a dipingere un quadro di cui si intravede appena un angolo della cornice e guarda con fierezza, ma anche con raffinato e leggero distacco, lo spettatore.
Il ritratto di Bruno, che non era pittore, ma come detto musicista e musicologo, è di Massimo Campigli, di dieci anni prima, ma, a parte la naturale somiglianza con la figlia, se ne stacca stilisticamente in modo netto. Campigli, infatti, cerca di cogliere l’irrequietezza di Bruno, la sua insaziabile voglia di mettersi in gioco, con la tecnica della caricatura, o meglio, dell’ironia beffarda.
I caratteri dei due personaggi emergono, dunque, in modi opposti: quello di Milena resta celato e mascherato sotto un’apparenza formalmente nobile e austera, mentre quello di Bruno prorompe all’esterno della sua fisionomia interpretata da un artista come Campigli.
Fin dai primi giorni della sua esistenza Milena inizia una vita sempre in movimento da una città all’altra, da una nazione all’altra. Una condizione inizialmente imposta, ma poi dovuta ad una scelta personale, che la segnerà per tutta la vita.
Come ha notato il critico di Belgrado Lazar Trifunovic, "Milena ha assimilato culture diverse: la serba patriarcale, la morbosa tedesca, la poetica mediterranea, la romantica spagnola e la razionalista francese". Per non dire dell’ultima e troppo prematuramente finita esperienza americana. In una lettera da New York supplica la madre di non torturarla più con il tentativo di convincerla a sposare un connazionale ricco per sistemarsi: "Con quello che ho passato, con te e me e Bruno sempre lontani, ora sto bene così, e contro la solitudine che mi assale tra questi palazzi così pieni di finestre e di gente, di giorno, e contro gli incubi neri come i corvi, di notte, io non so fare altro per difendermi che chinare la testa e lavorare, ma sento che quello che dipingo diventa sempre più buono e sono sempre più sicura nella mano e nel resto...".
E se il peregrinare europeo consente di individuare, da parte dei suoi biografi, i due periodi artistici iniziali classico e rinascimentale, il periodo newyorchese è stato ritenuto di prevalente influenza religiosa. I suoi più lunghi e significativi soggiorni in Italia risalgono agli anni Trenta del Novecento, quelli forse decisivi per la sua formazione. E’ in questo periodo che nella sua opera si nota l’influenza di Giorgio De Chirico e forse ancor più del fratello Alberto Savinio alle cui scene grottesche popolate di ibridi antropomorfi e zoomorfi ella contrappone temi melanconici di ispirazione metafisica. In quegli anni espone a Firenze, Belgrado, Parigi e Venezia.
A Roma è presente alla mostra sindacale del 1934, inaugura una personale alla Galleria della Cometa, ed è invitata alla Quadriennale e alla Biennale di Venezia. Nel settembre 1938 assiste con la madre, a Bergamo, alla prima dell’opera «Medusa» composta dal padre. Poi ancora tappe a Parigi, Oslo e L’Aja. Mentre la madre ritorna in Serbia, Milena si imbarca per New York con l’intenzione di visitare l’Esposizione universale.
In America la sorprende lo scoppio della guerra: non può più tornare in Europa. Collabora con riviste di moda e di decorazione d’interni, dipinge ritratti e le opere della sua poetica matura, segnata dall’ispirazione sentimentale e da temi religiosi. Espone varie volte a New York e a Washington e disegna i costumi e la scenografia del balletto «Sebastian» di Gian Carlo Menotti.
Muore a New York il 6 marzo 1945  per i postumi di una caduta a cavallo. A guerra finita, una piccola urna recherà in patria l'ultima traccia e l'ultimo ricordo di Milena Barilli.
Il Comune di Parma le ha dedicato un’ampia mostra nell’autunno 1989 al Palazzetto Eucherio Sanvitale e alcune sue rare opere erano presenti all’esposizione «Casa Barilli. Una famiglia di artisti tra Ottocento e Novecento di Palazzo Pigorini», curata da Francesco Barocelli e inaugurata nel novembre 1997.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen Give Teen A Guitar Lesson On Stage

australia

15enne suona sul palco con Springsteen, con tanto di lezione Video

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Aggiudicazione provvisoria⁩

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

4commenti

presidente samb

Fedeli: "Parma più simpatico, proveremo a fermare il Venezia"

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

5commenti

autobus

Via Farini, da domani modifica temporanea del percorso del 15

Parma

Ancora animali avvelenati: un caso in zona Montanara Foto

La polizia municipale, su Twitter, invita a fare attenzione in via Torrente Manubiola

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

berceto

La bandiera dei Lakota sventola in municipio

Gazzareporter

Parcheggio "selvaggio" in via Marchesi

Rugby

Al Molino Grassi un super-derby Foto

Al fotofinish grazie alla mischia i gialloblù trovano la meta e superano i «cugini» dell'Amatori

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

5commenti

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

1commento

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

2commenti

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

Novara

Auto sui binari travolta da un treno: il conducente riesce a salvarsi

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

LA PEPPA

La ricetta: Whoopies arlecchino per il carnevale dei piccoli

SPORT

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

LA PROVA

Countryman: anche Mini ha il suo Suv