15°

Arte-Cultura

Pietrino, il cinema nella penna

Pietrino, il cinema nella penna
0

di Filiberto Molossi

Il padre fornaio lo portava a vedere, certe domeniche  pomeriggio che parevano interminabili, i film di Maciste: lui, il «portoghese discreto» cresciuto nella Bassa, scrisse più tardi recensioni folgoranti e mal pagate in venti minuti scarsi, chiamando «cocca» ad ogni apparizione la snella e luminosa Carole Lombard e avvicinandosi - soffrendo da sempre di una grave forma di miopia -, ogni anno di più allo schermo. Fino ad arrivare in prima fila: là davanti, nel posto (come ebbe a dire con geniale intuizione il nostro Paolo Pedretti) che gli competeva, quello del suggeritore… Chi mastica di cinema (o finge soltanto) si sciacqua la bocca prima di pronunciare il suo nome: perché Pietrino Bianchi - padre putativo di tutti i critici cinematografici -, è qualcosa di più che uno dei più grandi intellettuali nati in questa terra che ha messo al mondo anche giganti: è il mito, è la leggenda, è il primo e l’ultimo. Quello che, seguendo il fascio tremulo di luce di un proiettore d’altri tempi,  aveva già capito tutto: ma parecchio in anticipo sugli altri. Una sorta di nume tutelare - di inflessibile ma ironico antenato che ci guarda sorridente e beffardo da lassù -, la cui memoria va preservata, difesa, rispolverata di tanto in tanto, così da farla luccicare.

Oggi, il ragazzo di Fontanelle che al cine arrivava in largo anticipo, con l’ansia di chi spera che il film mantenga tutte le promesse, compirebbe cent’anni: già, un secolo di Bianchi. Lui che, ancora con le braghe corte o quasi, iniziò a scrivere proprio sulle colonne di questo giornale. Non erano ancora gli anni ’30, la redazione della «Gazzetta», «testimonianza - scrisse lui stesso - di un’antica nobiltà», era composta da due o tre stanze in disordine a pianterreno all’angolo tra via Saffi e via Repubblica. Al giornale Pietro che tutti chiamavano Pietrino arrivò trascinato da un bizzarro supplente liceale, più avvezzo alla scoperta dell’uomo che non all’insegnamento del latino, «tale» Cesare Zavattini: il quale, diventato capo redattore del nostro quotidiano, volle che lui e un suo amico serio e appassionato, alto e ritto come un pennone, Attilio Bertolucci, provassero a buttare giù qualche pezzo – ovviamente non retribuito… - per il quotidiano. «Avevo tra i 20 e i 30 anni – ricorda Bianchi -, i più importanti per la vita di un uomo: è il tempo delle grandi scoperte (e conquiste) intellettuali e morali, delle illusioni e della realtà dell’amore». E’ il tempo di Bianchi: che, con provocatorio anticonformismo esordisce con un pezzo su Salgari, «scrittore spregiato dalla cultura accademica, morto suicida».
Ma vero il capolavoro è targato 28 aprile 1928: in pochi se ne rendono conto, ma è il giorno in cui il cinema cambia per sempre. Bianchi non ha che 18 anni, è uno studente meno brillante del cugino Giovannino Guareschi (che lo sfotte per la sua passione per Proust…) e non ha probabilmente ancora ben chiaro cosa voglia fare della propria vita: ma, in un’epoca in cui chi si occupa di cinematografo ha lo stesso «blasone sociale dei giocatori professionisti di poker»,  riesce a pubblicare sulla prima pagina della  «Gazzetta», cosa più unica che rara,  la recensione de «Il circo» di Chaplin, il suo idolo. Filippo Sacchi, firma storica del «Corriere», comincia a vergare con regolarità le sue critiche  solo un anno dopo, choccando persino Dino Buzzati che più tardi ricorderà come «negli anni Venti il cinematografo era ritenuto dai benpensanti per lo più uno svago per ragazzi discoli che bigiavano la scuola, per cameriere e reclute in libera uscita». E’ il crac: il cinema viene sdoganato. E, per merito di pionieri illuminati come i Bianchi, i Sacchi, i Gromo diventa arte, cultura, mezzo di comunicazione ideale e sentimentale. Diventa quello che, tra alti e bassi, è ancora oggi: una cosa seria, a volte più della vita.  

Autorevole, più tardi anche temutissimo, fulmineo e lungimirante nei giudizi, Bianchi, rivelata a un recalcitrante  Zavattini (che poi ne farà buon uso…) la magia - e il potere evocativo - del cinema, continua a sviluppare la sua carriera di critico sulla «Gazzetta», che poi si fonde con il «Corriere emiliano». Il giovane collaboratore comincia, finalmente, a essere pagato: «Capii di essere ormai un professionista e che la carta da giornali e il rumore delle linotypes non mi avrebbero più abbandonato. Amen». Ma è solo l’inizio: nella metà degli anni ’30, Pietrino, già capocronista, pubblica in barba al fascio imperante proibitissimi racconti di Ernest Hemingway siglandoli E. H., poi tiene a battesimo la pagina letteraria della «Gazzetta» chiamandola, con l’abituale ironia, «Il quadrello», il nome che in parmigiano si dà al mattone… Lascia la piccola capitale: dal  «Bertoldo» (su cui si firma Volpone e incanta Calvino) all’epopea de «Il giorno» il passo è breve. Bianchi è già il migliore di tutti: velocissimo – confeziona pezzi capolavoro in meno di mezz’ora – è «letterario» nelle sue recensioni, anche pungente, molto chiaro, spesso un passo avanti agli altri. Probabilmente conserva negli occhi – e ancor più nel cuore – lo stesso stupore del giorno in cui da bimbo vide un film su Cleopatra, quando spaventosi e affamati coccodrilli che sembravano quasi uscire dallo schermo gli misero talmente paura da fargli scappare il palloncino rosso che stringeva nella mano… Ai festival, da Cannes a Venezia, è il re: i colleghi lo circondano alla fine delle proiezioni per rubargli qualche dritta. Non porta mai la macchina da scrivere da casa: digita con due dita su quelle consunte di frastornanti sale stampa.  Una volta al Lido, nei corridoi dell’Excelsior, incrocia uno dei nostri, Paolo Pedretti,  eccellente critico cinematografico e penna magnifica della «Gazzetta». Bianchi gli punta l’indice contro, gelandolo: «Tu! Sei troppo cattivo». Anni dopo Pedretti mi confessò che da quel momento  pensava sempre a lungo prima di stroncare un film. E’ inutile: Bianchi faceva scuola, dettava le regole anche là dove non c’erano. Fu lui a consigliare di produrre «L’avventura» di un carneade di nome Antonioni, fu lui a suggerire di tradurre in italiano i libri che avevano per protagonista una spia di nome Bond. E in tempi in cui dvd e canali satellitari non erano nemmeno un’ipotesi amava ripetere «chi ha visto ha visto». E mi dispiace per gli altri. Un genio multiforme, considerato tale anche al giorno d’oggi, a un secolo dalla sua nascita: quando il suo nome ancora mette soggezione. E non solo all’interno dei nostri confini. Sarà un caso, ma quando a Cannes mi rifilarono per la terza volta un accredito da giornale periodico, scrissi una lettera al potente ufficio stampa del Festival, facendo presente che la «Gazzetta» non solo era un quotidiano, ma anche il più antico d’Italia. Poi aggiunsi anche che su queste colonne aveva parlato di cinema gente come Attilio Bertolucci e Pietrino Bianchi, il più famoso tra i critici del nostro Paese. Non so com’è, ma qualche mese dopo il mio accredito aveva cambiato colore: era diventato di serie A. Forse san Pietrino mi aveva fatto la grazia. Lui non lo sa, ma gli devo un favore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia