20°

33°

ZANARDI

Restauri, più ombre che luci

Bruno Zanardi si scaglia contro la qualità dei lavori di ripristino e riqualificazione eseguiti in Italia. Durissime le critiche alla nuova Ghiaia: «Luogo storico letteralmente devastato, uno squallido deserto». «Un patrimonio artistico senza», saggio dello studioso e tecnico parmigiano

Restauri, più ombre che luci
Ricevi gratis le news
0

Bruno Zanardi, parmigiano, autore di importantissimi restauri (tra cui quelli del Battistero di Parma, del Sancta Santorum del Laterano a Roma e degli affreschi di Giotto ad Assisi) e docente universitario, è da anni impegnato nella salvaguardia del patrimonio artistico e per questo si trova spesso a combattere contro una serie di leggi pensate «per un Paese con un’organizzazione dello stato fortemente verticistica e centralistica» e contro una burocrazia che definisce in «gravissimo ritardo culturale» per cui non riesce a far fronte ai problemi che pone l’attuale società per la custodia e la memoria del patrimonio storico e artistico nella sua totalità e nel rapporto con l’ambiente «in cui questa totalità è andata stratificandosi nei millenni»; di qui «l’irrimediabile esigenza di stringere in un solo e comune obiettivo di tutela il patrimonio in mano privata e quello in mano pubblica». E come strumento per perseguire la valorizzazione del patrimonio, Zanardi critica l’uso, ad esempio, di costruire mostre «quasi sempre di desolante livello scientifico» intorno a famosi quadri restaurati non tenendo conto se essi siano già stati restaurati e della consunzione della pellicola pittorica che ogni restauro provoca. Danni irreversibili che vengono denunciati nel suo recente libro «Un patrimonio artistico senza - Ragioni, problemi soluzioni», edito da Skira: un racconto sconcertante sulla enorme confusione che regna in Italia in questo importantissimo e delicatissimo settore ma soprattutto sui gravissimi danni arrecati alle opere d’arte restaurate a causa di personaggi senza scrupoli: soprintendenti che si rimangiano ordini dati per iscritto o che decidono restauri inutili; funzionari comunali che affidano un esame endoscopico con una microtelecamera all’interno di una statua da restaurare agli addetti allo spurgo fogne; il marmo pulito con sostanze che lo fanno diventare gesso. Eppoi le peripezie del Marc’Aurelio, dei Bronzi di Riace. Anche gli architetti sono oggetto delle «attenzioni» di Zanardi, iniziando da quei soprintendenti che scelgono i tinteggi «a puro sentore di naso, cioè indovinandoli». Ma il fatto grave è che «le scuole universitarie di architettura, cioè i luoghi di formazione dei soprintendenti ai monumenti, come di chi progetta il nuovo entro il paesaggio storico, da sempre laureano architetti senza che nel loro corso di studi siano previsti come fondamentali esami di storia dell’arte antica, medievale, moderna e contemporanea». «Una rimozione assurda, quella degli studi di storia dell’arte dalla formazione degli architetti, alla cui base non è improbabile vi sia l’influenza della figura di Bruno Zevi». E a questi architetti, che non conoscono la storia dell’arte e non hanno mai eseguito un restauro, viene affidata la direzione dei lavori di restauro. In Italia il numero degli architetti è tre volte superiore a quelli tedeschi, cinque a quelli francesi cosicché, secondo Zanardi, sarebbe opportuno ridurre il numero delle Facoltà d’architettura e farne dei luoghi rigorosamente meritocratici «per la creazione di un ceto dirigente colto, preparato efficiente». «Una vera e propria peste – a suo avviso – è il passaggio degli architetti con i loro arredi nelle piazze e nelle strade storiche italiane». Fra gli esempi negativi la «struttura in vetro da aeroporto nella piazza della Ghiaia di Parma, storico luogo del mercato della città, letteralmente devastato, sempre con tutti i permessi della soprintendenza e del Comune, da un intervento tanto incolto quanto arrogante, che ne ha fatto uno squallido deserto, per giunta tropicale per l’effetto serra». Un altro allarme viene lanciato dall’autore per il futuro del territorio italiano a causa dell’estinzione dei piccoli paesi e dei piccoli comuni con negative ripercussioni su tutto l’ambiente, per il destino dei beni storici e artistici anche privati situati in quelle zone e, infine, per i centri storici. Lo scenario tracciato da Zanardi è molto negativo anche se – afferma - «non tutto è così desolante». Come esempi confortanti cita il restauro dell’«Efebo» di Selinunte «frutto d’un lavoro di ricerca ancor oggi esemplare»; il restauro di Palazzo Ossoli a Roma; il «perfetto restauro» della «Madonna del Cardellino» di Raffaello eseguito dall’Opificio delle Pietre Dure; ed anche l’intervento in Francia dell’architetto parmigiano Pier Carlo Bontempi che vicino a Parigi ha progettato una piazza ellittica, assumendo come modello culturale contro corrente le piazze storiche europee. Non tutto è perduto, quindi, ma il futuro del patrimonio artistico va tutelato puntando sulla scuola, sull’Università, ma soprattutto attuando da parte del Ministero competente una nuova coraggiosa politica di tutela efficiente in accordo coi Ministeri dell’Università e dell’Ambiente per giungere a una vera salvaguardia del patrimonio artistico-culturale nella sua complessità anche ambientale.

Un patrimonio artistico senza
   di Bruno Zanardi
   Skira, pag. 168, € 18,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

D'Alessio-Tatangelo, "siamo in crisi"

gossip

D'Alessio-Tatangelo ammettono: "Siamo in crisi"

Fra emozioni e record: paracadutisti si lanciano da 4.500 metri nei cieli emiliani

REGGIO EMILIA

Fra emozioni e record: paracadutisti si lanciano da 4.500 metri Foto

Ecco i tormentoni dell'estate, Despacito al primo posto

musica

Ecco i tormentoni dell'estate raccontati da Simonetta Collini Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Schiacciato dal muletto: muore un 74enne

gaione

Schiacciato dal muletto: muore un 74enne

1commento

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

3commenti

tg parma

Identificato l'aggressore che ha colpito un 47enne a forbiciate Video

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

carabinieri

Con la scusa di un selfie rapina studente in via D'azeglio: arrestato

6commenti

Inchiesta bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

weekend

Feste campestri, cavalli e silent party: l'agenda del sabato

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

autostrada

Frana tra il casello di Parma e il bivio A1-A15: rallentamenti

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

1commento

polizia municipale

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

Soragna

I residenti contrari all'arrivo dei profughi

2commenti

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

8commenti

Noceto

Quella croce che protegge la valle di Cella

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

il caso

E il Comune di Sesto riceve la fattura per la salma di Amri: 2.160 euro

3commenti

Terremoto

Scossa di magnitudo 3.6 fra Veneto e Lombardia

SPORT

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

salsomaggiore

Un mondo di spaventapasseri: Case Giarone in festa Foto

MOTORI

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up