15°

ZANARDI

Restauri, più ombre che luci

Bruno Zanardi si scaglia contro la qualità dei lavori di ripristino e riqualificazione eseguiti in Italia. Durissime le critiche alla nuova Ghiaia: «Luogo storico letteralmente devastato, uno squallido deserto». «Un patrimonio artistico senza», saggio dello studioso e tecnico parmigiano

Restauri, più ombre che luci
Ricevi gratis le news
0

Bruno Zanardi, parmigiano, autore di importantissimi restauri (tra cui quelli del Battistero di Parma, del Sancta Santorum del Laterano a Roma e degli affreschi di Giotto ad Assisi) e docente universitario, è da anni impegnato nella salvaguardia del patrimonio artistico e per questo si trova spesso a combattere contro una serie di leggi pensate «per un Paese con un’organizzazione dello stato fortemente verticistica e centralistica» e contro una burocrazia che definisce in «gravissimo ritardo culturale» per cui non riesce a far fronte ai problemi che pone l’attuale società per la custodia e la memoria del patrimonio storico e artistico nella sua totalità e nel rapporto con l’ambiente «in cui questa totalità è andata stratificandosi nei millenni»; di qui «l’irrimediabile esigenza di stringere in un solo e comune obiettivo di tutela il patrimonio in mano privata e quello in mano pubblica». E come strumento per perseguire la valorizzazione del patrimonio, Zanardi critica l’uso, ad esempio, di costruire mostre «quasi sempre di desolante livello scientifico» intorno a famosi quadri restaurati non tenendo conto se essi siano già stati restaurati e della consunzione della pellicola pittorica che ogni restauro provoca. Danni irreversibili che vengono denunciati nel suo recente libro «Un patrimonio artistico senza - Ragioni, problemi soluzioni», edito da Skira: un racconto sconcertante sulla enorme confusione che regna in Italia in questo importantissimo e delicatissimo settore ma soprattutto sui gravissimi danni arrecati alle opere d’arte restaurate a causa di personaggi senza scrupoli: soprintendenti che si rimangiano ordini dati per iscritto o che decidono restauri inutili; funzionari comunali che affidano un esame endoscopico con una microtelecamera all’interno di una statua da restaurare agli addetti allo spurgo fogne; il marmo pulito con sostanze che lo fanno diventare gesso. Eppoi le peripezie del Marc’Aurelio, dei Bronzi di Riace. Anche gli architetti sono oggetto delle «attenzioni» di Zanardi, iniziando da quei soprintendenti che scelgono i tinteggi «a puro sentore di naso, cioè indovinandoli». Ma il fatto grave è che «le scuole universitarie di architettura, cioè i luoghi di formazione dei soprintendenti ai monumenti, come di chi progetta il nuovo entro il paesaggio storico, da sempre laureano architetti senza che nel loro corso di studi siano previsti come fondamentali esami di storia dell’arte antica, medievale, moderna e contemporanea». «Una rimozione assurda, quella degli studi di storia dell’arte dalla formazione degli architetti, alla cui base non è improbabile vi sia l’influenza della figura di Bruno Zevi». E a questi architetti, che non conoscono la storia dell’arte e non hanno mai eseguito un restauro, viene affidata la direzione dei lavori di restauro. In Italia il numero degli architetti è tre volte superiore a quelli tedeschi, cinque a quelli francesi cosicché, secondo Zanardi, sarebbe opportuno ridurre il numero delle Facoltà d’architettura e farne dei luoghi rigorosamente meritocratici «per la creazione di un ceto dirigente colto, preparato efficiente». «Una vera e propria peste – a suo avviso – è il passaggio degli architetti con i loro arredi nelle piazze e nelle strade storiche italiane». Fra gli esempi negativi la «struttura in vetro da aeroporto nella piazza della Ghiaia di Parma, storico luogo del mercato della città, letteralmente devastato, sempre con tutti i permessi della soprintendenza e del Comune, da un intervento tanto incolto quanto arrogante, che ne ha fatto uno squallido deserto, per giunta tropicale per l’effetto serra». Un altro allarme viene lanciato dall’autore per il futuro del territorio italiano a causa dell’estinzione dei piccoli paesi e dei piccoli comuni con negative ripercussioni su tutto l’ambiente, per il destino dei beni storici e artistici anche privati situati in quelle zone e, infine, per i centri storici. Lo scenario tracciato da Zanardi è molto negativo anche se – afferma - «non tutto è così desolante». Come esempi confortanti cita il restauro dell’«Efebo» di Selinunte «frutto d’un lavoro di ricerca ancor oggi esemplare»; il restauro di Palazzo Ossoli a Roma; il «perfetto restauro» della «Madonna del Cardellino» di Raffaello eseguito dall’Opificio delle Pietre Dure; ed anche l’intervento in Francia dell’architetto parmigiano Pier Carlo Bontempi che vicino a Parigi ha progettato una piazza ellittica, assumendo come modello culturale contro corrente le piazze storiche europee. Non tutto è perduto, quindi, ma il futuro del patrimonio artistico va tutelato puntando sulla scuola, sull’Università, ma soprattutto attuando da parte del Ministero competente una nuova coraggiosa politica di tutela efficiente in accordo coi Ministeri dell’Università e dell’Ambiente per giungere a una vera salvaguardia del patrimonio artistico-culturale nella sua complessità anche ambientale.

Un patrimonio artistico senza
   di Bruno Zanardi
   Skira, pag. 168, € 18,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Panini & dintorni: scegli il meglio di Parma

GAZZAFUN

Il panino più buono: domani termina la seconda semifinale

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan

FOTOGRAFIA

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Furto alla mensa del Campus

ladri in azione

Furto alla mensa del Campus: niente pasti per studenti e dipendenti Video

protesta

Martedì anche a Parma sciopero dei taxisti (dalle 8 alle 22)

anteprima gazzetta

Il dopo terremoto a Fornovo: "Il peggio sarebbe passato"

dopo terremoto

Due torrini del Battistero danneggiati: area transennata Video

PARMA

Valigia abbandonata vicino al tribunale: arrivano i carabinieri

In seguito ai controlli sono stati trovati solo alcuni documenti

vigili del fuoco

Fiamme in un capannone industriale a Monticelli Foto

TERREMOTO

Continua lo sciame sismico: 19 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non sono segnalati danni

6commenti

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

PARMA

Nominato il nuovo cda della Fondazione Teatro Regio 

Entrano Ilaria Dallatana, Vittorio Gallese, Antonio Giovati e Alberto Nodolini

PARMA

Problemi burocratici: slitta di un giorno il trasferimento della salma di Riina a Corleone

La Procura dà il nulla osta per portare il corpo del boss in Sicilia

VOLANTI

"Colpo" alla concessionaria Reggiani: spariscono due auto e otto pneumatici

Ladri anche in un'azienda di abbigliamento. Due ragazzi cercano di rubare giocattoli ma fuggono a mani vuote

3commenti

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

3commenti

Sant'Ilario d'Enza

Calci e pugni al barista per un bottino di 10 euro: denunciati 3 giovani e una minorenne

tg parma

Infortunio sul lavoro: ferito un 48enne a San Polo di Torrile Video

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

MOSTRA

"Cielo e Terra": a Lesignano le foto di Luca Radici

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La sublime prova d'amore della mamma di Mattia

di Vittorio Testa

1commento

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

bologna

Giallo: donna morta accoltellata in casa nella zona di Igor. S'indaga a 360°

BRUXELLES

Ema ad Amsterdam, Milano beffata al sorteggio. Eba a Parigi (dopo sorteggio). Ema: cos'è (Video)

SPORT

CALCIO

Tavecchio si è dimesso con rabbia e con un "giallo": "Con un gol sarei stato un eroe". Lippi: "Scelse lui Ventura"

2commenti

Atlanta

Georgia Dome raso al suolo, in fumo 214 milioni di dollari Video

SOCIETA'

cecina

Giocatore lancia bottiglia d'acqua per stizza e colpisce una bimba. Tafferugli tra tifoserie

reali d'Inghilterra

Elisabetta e Filippo: 70 anni di matrimonio Video

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

MOTO

Energica Eva EsseEsse9, la special elettrica