18°

Arte-Cultura

Il testamento della signorina Amelia Gullì

0

di Silvia Marutti

Da quando, in seguito a una furibonda lite causa una poco chiara eredità, il ramo della famiglia Gulli si era divaricato, il secondo aggiungendo un accento che lo distinguesse per sempre dal primo, la signorina Amelia Gullì aveva speso la sua lunga esistenza di ricamatrice zitella apostrofando i suoi interlocutori sulla pronuncia del suo cognome: «Gullì, per favore Gullì, non Gulli».
Ne aveva fatto una questione di principio persino nei confronti dei Presidenti di giuria alla consegna di alcuni premi letterari minori, sconosciuti ai più, ma che per lei avevano assunto nel tempo il valore di un Nobel.
Neppure don Calogero Pasquì (che pure doveva intendersene di accenti) nobile personaggio fra i pochi non ancora decaduti,  fu risparmiato per tale distrazione al momento del ritiro del corredo della figlia prediletta che andava sposa a un notabile della città. Sebbene don Calogero avesse appoggiato sulla consolle dell’ingresso una busta rigonfia di grossi biglietti da centomila lire (che avrebbero assicurato alla signorina Amelia Gullì una certa agiatezza) sulla soglia dell’uscio al momento dei saluti e del baciamano venne redarguito sull’uso dell’accento.
Ora che i trentadue chilogrammi della signorina Amelia Gullì giacevano sul letto di un ospizio dal nome profetico «Verso la serenità», lei ripensava a quel puntiglio, sorrideva e un poco si rammaricava di aver provocato imbarazzo a tante persone che in buona fede non ponevano l’accento sulla «i» del suo cognome.
Quella domenica, come tutte le domeniche da quando era approdata alla casa di riposo (ma da quando?), la signorina Amelia Gullì si era svegliata con il suono della campanella della Cappella, con cui confinava la sua stanza, che  annunciava la Messa festiva.
Adagiata sopra un modernissimo materasso antidecubito ad aria il cui meccanismo era misteriosamente alimentato da una lucina rossa intermittente, la signorina Amelia Gullì, a intervalli regolari, scendeva e saliva nel letto, pur senza muoversi, seguendo il respiro artificiale del materasso.
Due robuste sponde di metallo cromato la custodivano per impedirne la caduta dal letto evento assai improbabile dato che la signorina Amelia Gullì era da tempo immobilizzata in seguito ad una tetra paresi.
A vederla così quasi completamente rannicchiata in posizione che pareva di difesa ricordava un grande neonato raggrinzito.
Al collo un elastico bianco sorreggeva un tovagliolo che raccoglieva la parte di frullati che non riusciva a deglutire mentre, sotto le lenzuola, un pannolone raccoglieva il frullato ingerito alla fine del suo breve percorso.
La finestra della sua stanza si affacciava sopra un cortile interno invaso da possenti oleandri multicolori di cui la signorina Amelia Gullì scorgeva le cime fiorite attraverso le sbarre delle inferriate poste al di là del vetro per scoraggiare eventuali velleità di trapassi spontanei  da parte di ospiti che si erano stancati di aspettare non so cosa o non so chi agli ordini di giovani infermiere che invadevano  la loro intimità con una professionalità tanto eccellente quanto impudica.
La porta quasi sempre chiusa, le sbarre alla finestra, le sponde del letto, avevano portato lentamente la signorina Amelia Gullì alla convinzione di trovarsi in carcere senza conoscere la pena che doveva scontare.
Vuoi vedere, si chiese quella domenica mattina, che la causa di tutto questo era proprio quell’accento su cui si era tanto accanita?
Ci pensò un po’ troppo la signorina Amelia Gullì e si agitò di conseguenza troppo tanto che il suo cuore esibì una raffica di tonfi e risalite che la lasciavano disorientata.
Il monitor cui era sempre collegata emetteva fischi sempre più insistenti mentre l’infermiera di turno si precipitava nella stanza.
«Signorina Gulli, signorina Gulli, mi sente?»  chiedeva tastandole il polso già quasi inesistente.
Si può dire che la signorina Amelia Gullì fosse già lontana da quel letto ma, lasciando interdetta l’infermiera, si riservò un ultimo momento di fiato per quella sua interlocutrice che così accoratamente la chiamava: «Benedetta ragazza, Gullì per favore, Gullì e non Gulli».
Poi in segno di rispetto il monitor smise di fischiare sull’eco degli ultimi rintocchi della campanella della Chiesa.
Nel cassetto del comodino fu rinvenuta una busta ingiallita dal tempo dove sopra un foglio di quaderno la signorina Amelia Gullì, con la sua calligrafia obliqua e lieve, aveva redatto il suo testamento: «Perché si sappia da qui all’eternità che non Gulli ma Gullì è stata Amelia, Signor marmista a lei mi raccomando: incida a fondo l’accento sopra il marmo».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Il Parma torna alla vittoria: 4-1 a Gubbio. E' al secondo posto in classifica

LEGA PRO

Il Parma vince 4-1 a Gubbio e sale al secondo posto Foto

Gol di Calaiò e Nocciolini; autorete dei padroni di casa e infine gol di Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

6commenti

Dai lettori

"Borgo delle Colonne e piazzale D'Acquisto: parcheggi selvaggi ma niente multe di notte" Foto

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

16commenti

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

1commento

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

Collecchio

Ladri incappucciati messi in fuga dai residenti  

1commento

podisti

Tutti i protagonisti della Manarace di Fontevivo Foto

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

gazzareporter

"Via Nenni e il divieto di sosta...."

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017