13°

31°

Libri

Bergoglio pace e gioia

In "Tra Cesare e Dio" il giornalista torna a riflettere sui legami tra religione e problemi del nostro tempo. Corrado Augias analizza con ottimismo e fiducia l'operato e lo stile del nuovo pontefice: "Un messaggio che sembra aprire alla speranza. La rivoluzione di Papa Francesco cambierà gli italiani"

Bergoglio pace e gioia
0

«Il papato – scriveva provocatoriamente Thomas Hobbes nel ''Leviatano'' - non è altro che il fantasma del defunto Impero Romano, che siede incoronato sulla sua tomba». Al netto di ricorrenti luoghi comuni o di facili accostamenti, l’attrazione fatale che ha legato Chiesa e potere nei secoli ha lasciato tracce indelebili. Oggi, tuttavia, si legge il segno di una svolta nel pontificato di Papa Francesco, protagonista di un’azione al cui centro sta indubitabilmente la misericordia, cuore del messaggio evangelico. «Un messaggio che sembra aprire alla speranza», nota un intellettuale non sospetto di simpatie clericali come Corrado Augias, che, nel saggio «Tra Cesare e Dio» (Rizzoli), spiega «come la rivoluzione di Papa Francesco cambierà gli Italiani». Molti commentatori hanno già ampiamente notato come l’atteggiamento di rottura da parte di Jorge Mario Bergoglio, gesuita, classe 1936, si rilevi a partire dal nome che si è scelto: Francesco, il santo dei poveri. Ma c’è di più. Molto di più. «Le prime mosse – osserva Augias, che non dimentica di tracciare paralleli rispetto ai predecessori – sono state sorprendenti, in qualche caso così clamorose da fare rapidamente il giro del mondo». E, in questi mesi, fiumi di inchiostro hanno alimentato bibliografie in tutte le lingue del mondo. D’altra parte, l’operazione che l’autore propone ha un obiettivo chiaro: rileggere gli snodi principali della storia della Chiesa per arrivare al presente.
VIAGGIO NELLA STORIA
Il percorso di Augias attraverso la storia non parte dall’antichità, ma dalla nostra Costituzione: e in particolare dai due commi di quell’articolo 7 («controverso» lo definisce l’autore) che ha alimentato lunghe discussioni e venne votato anche dal Partito Comunista, mentre i Socialisti rimasero irriducibilmente contrari: «Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale». Ma questo evento non è che un tassello di una storia complessa, che Augias ripercorre in cinque tappe, anche grazie a preziosi riferimenti letterari, a partire da Dante, prima di ritornare alla vicenda del Concordato. In effetti, già con Costantino, l’imperatore a cui si deve l’Editto di Milano (313), e poi con Teodosio, si cementano le ragioni di potere che spiegano il progressivo imporsi del cristianesimo come religione dell’Impero. La seconda tappa ci porta invece nel cuore del Medioevo, quando va in scena lo scontro tra il papa Gregorio VII e l’imperatore Enrico IV, che chiese infine il perdono del pontefice a Canossa, presso la contessa Matilde. Poi è la volta di Papa Bonifacio VIII, finito già in vita nell’«Inferno» dantesco. Simbolo della tendenza alla simonia, questo pontefice mostra un’ossessione per il potere spiegabile anche alla luce di un contesto politico particolarmente difficile. Avvicinandosi all’oggi, Augias, sulla scorta di diversi studiosi, individua poi nella «Pace di Augusta» (1555), «che mise (temporaneamente) fine alla lotta tra cattolici e luterani», un primo passo verso la laicità degli Stati. Prima di fare un salto cronologicamente significativo verso «Porta Pia», l’autore si sofferma anche sulla «Pace di Vestfalia» (1648), grazie a cui, ampliandosi la libertà di culto, ha origine finalmente «una comunità internazionale laica e aconfessionale, vicina alla concezione del mondo moderno». Il resto è storia recente: dopo il duro conflitto tra Stato unitario e Chiesa, con il Fascismo si giunge infine al Concordato del 1929, che viene rivisto nel 1984 ad opera del premier Bettino Craxi e del cardinale Agostino Casaroli.
LA SVOLTA DELLA GIOIA
Nel suo percorso attraverso il tempo, Augias è consapevole di avere approfondito momenti chiave che però non possono certo esaurire la dialettica con il resto del mondo e i tanti aspetti meritevoli tuttora di attenzione che hanno segnato la storia della Chiesa. Oggi, però, s’intravede l’inizio di una pagina nuova: al rinnovamento nell’ambito delle gerarchie ecclesiastiche, corrisponde uno sforzo netto di accentuare alcuni aspetti fondanti del messaggio cristiano. Al di là delle diverse opere meritorie che Papa Francesco sta portando avanti senza indugi in vari ambiti, la cifra fondamentale del suo pontificato emerge in particolare nell’«Esortazione apostolica ai vescovi, ai presbiteri e ai diaconi, alle persone consacrate e ai fedeli laici sull’annuncio del Vangelo nel mondo attuale» (2013). In quattro parole: un’esortazione alla gioia. Il cristianesimo deve offrire una visione gioiosa e piena di entusiasmo della vita e della fede. E allora, «usciamo, usciamo ad offrire a tutti la vita di Gesù Cristo». Sembra di sentirlo, Papa Francesco. Con la sua voce ferma e sicura. Soprattutto rassicurante nella speranza che sa comunicare. «Ama e fai ciò che vuoi» ammoniva Sant’Agostino: ecco, probabilmente occorre ripartire proprio da quelle parole.
Tra Cesare e Dio, di Corrado Augias - Rizzoli, pag. 160, euro 15,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza sulla Pietra di Bismantova: ferito 25enne di Parma

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

4commenti

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere: c'è chi parla di scelta azzardata

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

SEMBRA IERI

Sembra ieri: via Farini affollata di autobus (1998)

traffico

Autovelox: i controlli fra il 29 maggio e il 1° giugno

1commento

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

salso

Terme, via libera alla liquidazione

Autostrada

Incidente e traffico intenso: code in A1 e in A15 in serata

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

PARMA

Gag, solidarietà e... abbracci gratis: i clown di corsia in piazza Garibaldi Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover