Arte-Cultura

Addio a Pina Bausch

Addio a Pina Bausch
Ricevi gratis le news
0

di Valentina Bonelli

Discreta e prepotente insieme com’era arrivata nel mondo del teatro, così Pina Bausch se ne va oggi, lasciando a una notizia di agenzia la rivelazione della sua morte: inaspettata e fragorosa, a 68 anni, causata da un cancro. Il mondo del teatro e della danza non è stato più lo stesso dopo la sua comparsa, oltre quarant’anni fa, sulle scene internazionali: a lei continuano a guardare attori, coreografi, registi, danzatori: tutti a cercare di carpire il segreto di un Tanztheater universale e miniato di storie quotidiane, senza tempo e perfettamente calato nel presente. Eppure lei non sembrava avere segreti: il suo modo fermo di sottrarsi alla stampa e di negare interviste, fotografie, filmati,  non appariva un vezzo da diva o una mania di grandezza, quanto un modo di rivendicare la sua normalità di donna e la sua indipendenza di artista. Il volto scavato e mobilissimo, Pina guardava il mondo e gli interlocutori con sardonico stupore, meravigliata di essere oggetto di tanta venerazione mentre si accendeva lentamente l’ennesima sigaretta. Forse perché aveva costruito passo dopo passo un successo che le esploso intorno senza apparentemente sorprenderla né cambiarla. Nella Germania ferita dalla guerra, la bellissima Philippine era cresciuta artisticamente riannodando i fili ancora vivi di quell’espressionismo tedesco che il nazismo aveva tentato di recidere. Ma non aveva voluto rinchiudersi in un paese tanto culturalmente connotato e dopo la Folkwang Hochschule di Essen diretta da Kurt Jooss aveva frequentato a New York anche la polivalente e universale Juillard School of Music, per ritornare nel cuore della Germania industriale e fondare, nel 1973, il suo Tanztheater Wuppertal Pina Bausch. E’ ormai leggenda come i teatri si svuotassero ai suoi primi spettacoli, esteticamente e drammaturgicamente disturbanti o incomprensibili, fino al quel turning point che fu «Café Muller»: un interno scandito da sedie, languide canzonette belliche e il suo corpo emaciato da vestale della danza biancheggiare all’improvviso come una dolorosa visione. Walter Le Moli, che fu il primo a portare Pina Bausch in Italia, nel 1981, al Teatro Due di Parma, proprio con «Café Müller», sconvolto dall’improvvisa notizia della morte della coreografa, non vuole cadere in facili commemorazioni: «E’ molto difficile fare dichiarazioni adesso: la grandezza dell’artista è nota, ma per me era anche un’amica. La incontrai per la prima volta a Nancy, poi andai a vedere come lavorava a Wuppertal e volli portare il suo spettacolo a Parma. Per il suo debutto italiano lei avrebbe potuto scegliere la Scala o qualsiasi altro grande palcoscenico, ma preferì un teatro come il nostro: anche questa scelta ne racconta la personalità. Quelle sei sere, di tutto esaurito, furono uno spartiacque per tutti noi, segnarono un prima e un dopo». «La Sagra della primavera», «Nelken», «Bandoneon», «Palermo Palermo», «Danzon»: i suoi «Stück» (pezzi), prodotti a cadenza quasi annuale, entravano intanto contesi nei grandi teatri d’opera del mondo. Negli anni il suo metodo creativo era rimasto lo stesso: la costruzione dello spettacolo avveniva attraverso la partecipazione diretta dei suoi danzatori- attori, dei quali Pina esplorava le vite, i ricordi e i comportamenti con la curiosità di un’entomologa. Le interviste che quotidianamente raccoglieva con faticoso metodo maieutico confluivano rielaborate e trasfigurate nell’opera compiuta, animata da una gestualità coreografica e teatrale quotidiana, frammentaria, minuta, ossessiva fino alla nevrosi. Coloratasi sottilmente, a partire dalle creazioni degli anni Ottanta, di un nuovo piacere di danzare, di scoprire gioiosamente la propria corporeità, così come i temi di un tempo - la solitudine, l’incomunicabilità, la disperazione - avevano lasciato  il posto alla fascinazione della coreografa per i luoghi e le culture del mondo. Nell’ultimo decennio Pina Bausch preparava le sue creazioni lontano dal grigiore di Wuppertal: a Palermo, Roma, Madrid, Los Angeles, Lisbona, Buenos Aires, Hong Kong, Mumbai, dove si trasferiva con tutti i suoi danzatori - i vecchi che ora la piangono e i giovani che la rimpiangono - per fervide residenze creative, da cui nascevano spettacoli colorati come cartoline. Intanto non si contavano i premi, le lauree honoris causa, i titoli onorifici, che lei sembrava accettare con distaccata rassegnazione.
I camei di consacrazione cinematografica di Federico Fellini ne «La nave va» e di Pedro Almodóvar in «Parla con lei», per l’empatia tra artisti che li animava, la entusiasmavano evidentemente ben di più dei riconoscimenti accademici. Nella mole di Stück, che Pina Bausch lascia c’è forse un pezzo più degli altri che appare oggi il suo testamento spirituale, per quello sguardo profondo e lieve, amaro e affettuoso insieme con cui aveva saputo guardare alla fine della vita: «Kontakthof. Ein Stück mit Damen und Herren ab ‘65». Era il remake di un suo storico pezzo in versione crepuscolare, con interpreti anziani: per i corpi vissuti, i volti segnati, i decessi tra i danzatori il realismo era a tratti straziante, ma quando tutto è ormai perduto – sembrava dirci Pina - il desiderio egoisticamente infantile di felicità e di amore si risveglia magicamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Tom Schumacher è il produttore della versione musical di "Frozen"

Stati Uniti

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Nomina del direttore generale, Pizzarotti e Giorgi citati in giudizio

CORTE DEI CONTI

Nomina del direttore generale, Pizzarotti e Giorgi citati in giudizio

Viale Piacenza

10eLotto, in otto vincono 160mila euro

borgotaro

Caso Laminam: Oggi l'incontro al tavolo tecnico senza il comitato

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

VERSO PARMA-VENEZIA

Gazzola: «Vincere per ripartire»

FUSIONE

Verso l'unione tra Palanzano e Monchio?

Zibello

Addio a Goliardo Cavalli, uno degli ultimi barcaioli del Po

meteo

Parma, allerta a livello giallo

1commento

tg parma

Le ex Luigine continueranno a esistere. La gestione passa a Proges Video

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

5commenti

Noceto

In piazza Lunardi residenti ostaggio delle fogne

Scomparso

Addio al ragionier Bandini

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

16commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

3commenti

GAZZAFUN

Ex rimpianti e non: riconosci questi giocatori del Parma?

ITALIA/MONDO

Genova

Mamma salva il figlio di un mese e mezzo seguendo le istruzioni telefoniche del 118

SAN POLO D'ENZA

Operazione Copper Field: sgominata la banda del rame

SPORT

CHAMPIONS

Roma battuta di misura: 2-1 per lo Shakhtar

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

UNESCO

Città Creative per la Gastronomia: il progetto entra nel vivo

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra