19°

29°

Festival della Parola

Gaza e l'Ucraina: confronto fra Ovadia e Lilin

Incontro moderato da Paolo Ferrandi. Guerre, ricordi e futuro: tanti gli spunti di riflessione

Gaza e l'Ucraina: confronto fra Ovadia e Lilin

Festival della Parola

Ricevi gratis le news
0

Il titolo dell’incontro -«Parole: guerre, ricordo, futuro» - poteva benissimo essere ben più lungo. Libertà, ascolto, disinformazione, bugie, denaro: sono tanti gli spunti di riflessione emersi ieri sera, negli Orti di San Giovanni, durante uno dei numerosi dibattiti organizzati dall’associazione Rinascimento 2.0, in collaborazione col Comune di Parma, per il Festival della Parola, manifestazione che in questi giorni sta richiamando in uno splendida cornice nel cuore della città personaggi illustri.
Sollecitati dalle domande del giornalista della Gazzetta di Parma, Paolo Ferrandi, c’erano Moni Ovadia e Nicolai Lilin. E siccome, purtroppo, guerra continua ad essere tristemente anche sinonimo di attualità, inevitabile che col drammaturgo di origine bulgara e l’autore del fortunato romanzo «Educazione siberiana» si sia parlato degli ultimi fatti di cronaca provenienti da Gaza e Ucraina.
«Mi fa ridere la disinformazione che c’è su certi temi - ha esordito lo scrittore nato nell’ex repubblica sovietica della Transnistria, oggi non riconosciuta a livello internazionale e annessa alla Moldavia -. Dopo aver combattuto cinque guerre, mi reputo un militare esperto e posso dire che secondo me quel Boeing non è stato abbattuto per caso. Si tratta di mezzi che viaggiano molto velocemente, a diecimila metri d’altezza - ha continuato l’autore, il cui vero nome è Nicolaj Veržbickij, riferendosi all’aereo abbattuto ieri tra Russia e Ucraina, con quasi 300 vittime-: chi lo ha fatto è un professionista, è membro di un esercito di uno dei due paesi. Bisogna capire quale, ma si è trattato di un atto provocatorio».
Ed ecco che l’elenco si allunga: provocazione. Ma niente di strano: quando ci sono le parole di mezzo, una tira l’altra e il ping-pong tra Ovadia e Lilin ne è la dimostrazione. Lo scrittore naturalizzato italiano cita i nazisti che nella parte d’Europa da cui proviene stanno tornando a far paura con simboli che evocano terribili ricordi e il tempo per parlare ormai terminato da un pezzo («Bisognava dialogare prima delle 42 persone bruciate a Odessa», a maggio, ndr); Ovadia coglie la palla al balzo e ricorda che nel vicino Oriente il tempo è scaduto da 50 anni. «Israele non vuole né la pace, né uno stato della Palestina» dice l’attore che nel 2013 ha lasciato la comunità ebraica di Milano a causa dei continui attacchi al popolo palestinese. Un popolo che a Gaza «vive in una gabbia, mentre l’occupante, col quarto esercito più potente al mondo, continua a colonizzare terre non sue. L’assedio è un atto di guerra, ma gli israeliani passano ancora per vittime per definizione a causa di una Shoah strumentalizzata. Che non ci vengano a parlare di antisemitismo - continua -, ma è così. E l’Occidente si presta a questa bufala perché colpevole di non aver saputo difendere gli ebrei, scaricando così le responsabilità sui palestinesi».
Responsabilità: un’altra parola. La più pesante, quella che troppo spesso non trova nessuno col coraggio di farla propria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

2commenti

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

7commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

NAPOLI

In codice rosso aspetta 4 ore: muore 23enne

3commenti

SPORT

Moto

Travolto dopo l'incidente, paura per Federico Caricasulo

il personaggio

«Chicco» Taverna l'ex rugbista che doma le onde

SOCIETA'

perugia

Oca lo becca al parco, nonno risarcito dalla Regione

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti