-2°

Fondazione Magnani Rocca

Le sculture raccontano il Novecento

L'atteso «incontro» tra le opere di Manzù e di Marino

Le sculture raccontano il Novecento

Papa Giovanni XXIII L'opera realizzata da Giacomo Manzù nel 1963.

0

Per la prima volta la scultura sarà protagonista alla Magnani Rocca a Mamiano di Traversetolo. La Fondazione, che già ospita nella collezione permanente opere di grandi scultori italiani dell’Ottocento quali Antonio Canova e Lorenzo Bartolini, presenta ora la grande scultura del Novecento, rappresentata da Giacomo Manzù e Marino (Marino Marini) che negli anni Cinquanta e Sessanta, dopo i riconoscimenti nazionali, diventano espressione di una scultura figurativa classica ma in una chiave stilistica del tutto personale, capace di imporsi a livello internazionale.
A cura di Laura D’Angelo e Stefano Roffi, la mostra (main sponsor Fondazione Cariparma e Cariparma Crédit Agricole) aperta dal 13 settembre all’8 dicembre, intende approfondire una vicenda che, seppur poco indagata in un confronto diretto, è volta ad individuare gli elementi che favorirono il grande successo di Manzù e di Marino e, nel contempo, a riportare l’attenzione sui rapporti del collezionista con gli artisti, nel caso specifico con Giacomo Manzù.
La mostra non rappresenta il primo «incontro» dei due scultori nella villa di Mamiano. Nel 1993 l’esposizione della Collezione Barilla di Arte Moderna, con opere da Böcklin a Fontana, in occasione degli 80 anni di Pietro Barilla, offrì infatti al pubblico e alla critica l’opportunità di vedere insieme i cardinali di Manzù e i cavalieri di Marino che l’imprenditore-mecenate parmigiano aveva raccolto in tanti anni di passione per l’arte. La villa ospitava già opere importanti di Manzù, testimonianza, insieme al cospicuo epistolario conservato negli archivi della Fondazione, della lunga amicizia, corroborata anche dalla comune passione per la musica classica, che Luigi Magnani, intrattenne con l’artista dal 1942 alla propria morte. Così, in una attenta rilettura delle «carte», emergono «segreti» e tornano in essere tematiche dimenticate come quel tema tutto «parmigiano», del mancato monumento a Giuseppe Verdi mai realizzato ma ideato dallo scultore, con il supporto di Luigi Magnani che vedeva di buon auspicio un’opera pubblica dedicata al Maestro. Era la primavera del 1950 e sindaco di Parma era Giuseppe Botteri.
«Caro Magnani - scriveva l’artista -, per il progetto del monumento a Verdi, potrà vedere prestissimo il bozzetto assieme a varianti in disegno. Mi son dedicato subito seguendo l’idea c’ebbi il giorno stesso sul posto e forse per questo, non ho si tardato tanto come è il mio solito…». Nell’ottobre dello stesso anno i bozzetti erano pronti ma mai vi fu l’incontro con il sindaco.
«Innanzi tutto la ringrazio ancora - scriveva nuovamente Manzù all’amico e collezionista - dell’amichevole ospitalità alla Gaida e soprattutto al suo pensiero perché mi dedicassi allo studio per il monumento a Verdi. Ed ora che questa possibilità ci è stata tolta ci si deve rammaricare perché almeno a questa volta il caro Verdi avrebbe avuto un ricordo nobile». La lettera porta la data del 6 gennaio 1951. Al momento i bozzetti non sono stati ritrovati e, dunque, non se ne conoscono le caratteristiche.
La mostra alla Magnani Rocca proporrà un’ampia selezione di sculture, dipinti e lavori grafici realizzati dai due artisti negli anni compresi tra il 1950 e il 1970, volta a documentare la loro fiduciosa apertura verso le molteplici lingue della modernità e la capacità dimostrata da entrambi nell’incontrare il gusto di un colto e sofisticato mercato internazionale. Apriranno il percorso due opere emblematiche, il Grande ritratto di signora di Manzù e il Cavaliere di Marino, la prima del 1946, la seconda del 1945. Introdurranno gli aspetti più importanti delle ricerche compiute dai due artisti, dal riferimento a Medardo Rosso per Manzù, alla questione della serialità posta dalle sculture di Marino. Accanto i temi maggiormente praticati da entrambi nei decenni presi in esame.
Oltre al tema della danza che li accomuna, oltre ai celebri cardinali di Manzù e ai giocolieri di Marino, una speciale attenzione verrà dedicata ai ritratti; non soltanto per sottolineare l’interesse che entrambi nutrirono nei confronti di questo genere artistico, ma anche per fornire una chiave di lettura della loro personalità attraverso i nomi degli artisti, dei galleristi, dei collezionisti che ne sostennero e accompagnarono il percorso artistico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Noceto, tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

1commento

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

5commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

24commenti

anteprima

Come saranno utilizzati i vostri aiuti per i terremotati Video

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

2commenti

Piovani

"Cura D'Aversa efficace. E da confermare a Venezia" Video

Questa sera Bar Sport (Tv Parma 20.30): mercato, big match, Evacuo e tanto altro

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

sponsor tecnico

Nazionali di volley, un quadriennio olimpico con l'Erreà

L'azienda di Parma firmerà le nuove divise da gara e la linea di abbigliamento fino al 31 gennaio 2021

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

4commenti

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

1commento

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto