Fondazione Magnani Rocca

Le sculture raccontano il Novecento

L'atteso «incontro» tra le opere di Manzù e di Marino

Le sculture raccontano il Novecento

Papa Giovanni XXIII L'opera realizzata da Giacomo Manzù nel 1963.

0

Per la prima volta la scultura sarà protagonista alla Magnani Rocca a Mamiano di Traversetolo. La Fondazione, che già ospita nella collezione permanente opere di grandi scultori italiani dell’Ottocento quali Antonio Canova e Lorenzo Bartolini, presenta ora la grande scultura del Novecento, rappresentata da Giacomo Manzù e Marino (Marino Marini) che negli anni Cinquanta e Sessanta, dopo i riconoscimenti nazionali, diventano espressione di una scultura figurativa classica ma in una chiave stilistica del tutto personale, capace di imporsi a livello internazionale.
A cura di Laura D’Angelo e Stefano Roffi, la mostra (main sponsor Fondazione Cariparma e Cariparma Crédit Agricole) aperta dal 13 settembre all’8 dicembre, intende approfondire una vicenda che, seppur poco indagata in un confronto diretto, è volta ad individuare gli elementi che favorirono il grande successo di Manzù e di Marino e, nel contempo, a riportare l’attenzione sui rapporti del collezionista con gli artisti, nel caso specifico con Giacomo Manzù.
La mostra non rappresenta il primo «incontro» dei due scultori nella villa di Mamiano. Nel 1993 l’esposizione della Collezione Barilla di Arte Moderna, con opere da Böcklin a Fontana, in occasione degli 80 anni di Pietro Barilla, offrì infatti al pubblico e alla critica l’opportunità di vedere insieme i cardinali di Manzù e i cavalieri di Marino che l’imprenditore-mecenate parmigiano aveva raccolto in tanti anni di passione per l’arte. La villa ospitava già opere importanti di Manzù, testimonianza, insieme al cospicuo epistolario conservato negli archivi della Fondazione, della lunga amicizia, corroborata anche dalla comune passione per la musica classica, che Luigi Magnani, intrattenne con l’artista dal 1942 alla propria morte. Così, in una attenta rilettura delle «carte», emergono «segreti» e tornano in essere tematiche dimenticate come quel tema tutto «parmigiano», del mancato monumento a Giuseppe Verdi mai realizzato ma ideato dallo scultore, con il supporto di Luigi Magnani che vedeva di buon auspicio un’opera pubblica dedicata al Maestro. Era la primavera del 1950 e sindaco di Parma era Giuseppe Botteri.
«Caro Magnani - scriveva l’artista -, per il progetto del monumento a Verdi, potrà vedere prestissimo il bozzetto assieme a varianti in disegno. Mi son dedicato subito seguendo l’idea c’ebbi il giorno stesso sul posto e forse per questo, non ho si tardato tanto come è il mio solito…». Nell’ottobre dello stesso anno i bozzetti erano pronti ma mai vi fu l’incontro con il sindaco.
«Innanzi tutto la ringrazio ancora - scriveva nuovamente Manzù all’amico e collezionista - dell’amichevole ospitalità alla Gaida e soprattutto al suo pensiero perché mi dedicassi allo studio per il monumento a Verdi. Ed ora che questa possibilità ci è stata tolta ci si deve rammaricare perché almeno a questa volta il caro Verdi avrebbe avuto un ricordo nobile». La lettera porta la data del 6 gennaio 1951. Al momento i bozzetti non sono stati ritrovati e, dunque, non se ne conoscono le caratteristiche.
La mostra alla Magnani Rocca proporrà un’ampia selezione di sculture, dipinti e lavori grafici realizzati dai due artisti negli anni compresi tra il 1950 e il 1970, volta a documentare la loro fiduciosa apertura verso le molteplici lingue della modernità e la capacità dimostrata da entrambi nell’incontrare il gusto di un colto e sofisticato mercato internazionale. Apriranno il percorso due opere emblematiche, il Grande ritratto di signora di Manzù e il Cavaliere di Marino, la prima del 1946, la seconda del 1945. Introdurranno gli aspetti più importanti delle ricerche compiute dai due artisti, dal riferimento a Medardo Rosso per Manzù, alla questione della serialità posta dalle sculture di Marino. Accanto i temi maggiormente praticati da entrambi nei decenni presi in esame.
Oltre al tema della danza che li accomuna, oltre ai celebri cardinali di Manzù e ai giocolieri di Marino, una speciale attenzione verrà dedicata ai ritratti; non soltanto per sottolineare l’interesse che entrambi nutrirono nei confronti di questo genere artistico, ma anche per fornire una chiave di lettura della loro personalità attraverso i nomi degli artisti, dei galleristi, dei collezionisti che ne sostennero e accompagnarono il percorso artistico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Crescono le truffe agli anziani

Emergenza

Crescono le truffe agli anziani

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

LEGA PRO

Oggi Sudtirol-Parma

Sala Baganza

Un cinquantesimo nel segno dell'altruismo

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Luminarie

Casa: spesi 125 mila euro

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video