17°

30°

Fondazione Magnani Rocca

Le sculture raccontano il Novecento

L'atteso «incontro» tra le opere di Manzù e di Marino

Le sculture raccontano il Novecento

Papa Giovanni XXIII L'opera realizzata da Giacomo Manzù nel 1963.

0

Per la prima volta la scultura sarà protagonista alla Magnani Rocca a Mamiano di Traversetolo. La Fondazione, che già ospita nella collezione permanente opere di grandi scultori italiani dell’Ottocento quali Antonio Canova e Lorenzo Bartolini, presenta ora la grande scultura del Novecento, rappresentata da Giacomo Manzù e Marino (Marino Marini) che negli anni Cinquanta e Sessanta, dopo i riconoscimenti nazionali, diventano espressione di una scultura figurativa classica ma in una chiave stilistica del tutto personale, capace di imporsi a livello internazionale.
A cura di Laura D’Angelo e Stefano Roffi, la mostra (main sponsor Fondazione Cariparma e Cariparma Crédit Agricole) aperta dal 13 settembre all’8 dicembre, intende approfondire una vicenda che, seppur poco indagata in un confronto diretto, è volta ad individuare gli elementi che favorirono il grande successo di Manzù e di Marino e, nel contempo, a riportare l’attenzione sui rapporti del collezionista con gli artisti, nel caso specifico con Giacomo Manzù.
La mostra non rappresenta il primo «incontro» dei due scultori nella villa di Mamiano. Nel 1993 l’esposizione della Collezione Barilla di Arte Moderna, con opere da Böcklin a Fontana, in occasione degli 80 anni di Pietro Barilla, offrì infatti al pubblico e alla critica l’opportunità di vedere insieme i cardinali di Manzù e i cavalieri di Marino che l’imprenditore-mecenate parmigiano aveva raccolto in tanti anni di passione per l’arte. La villa ospitava già opere importanti di Manzù, testimonianza, insieme al cospicuo epistolario conservato negli archivi della Fondazione, della lunga amicizia, corroborata anche dalla comune passione per la musica classica, che Luigi Magnani, intrattenne con l’artista dal 1942 alla propria morte. Così, in una attenta rilettura delle «carte», emergono «segreti» e tornano in essere tematiche dimenticate come quel tema tutto «parmigiano», del mancato monumento a Giuseppe Verdi mai realizzato ma ideato dallo scultore, con il supporto di Luigi Magnani che vedeva di buon auspicio un’opera pubblica dedicata al Maestro. Era la primavera del 1950 e sindaco di Parma era Giuseppe Botteri.
«Caro Magnani - scriveva l’artista -, per il progetto del monumento a Verdi, potrà vedere prestissimo il bozzetto assieme a varianti in disegno. Mi son dedicato subito seguendo l’idea c’ebbi il giorno stesso sul posto e forse per questo, non ho si tardato tanto come è il mio solito…». Nell’ottobre dello stesso anno i bozzetti erano pronti ma mai vi fu l’incontro con il sindaco.
«Innanzi tutto la ringrazio ancora - scriveva nuovamente Manzù all’amico e collezionista - dell’amichevole ospitalità alla Gaida e soprattutto al suo pensiero perché mi dedicassi allo studio per il monumento a Verdi. Ed ora che questa possibilità ci è stata tolta ci si deve rammaricare perché almeno a questa volta il caro Verdi avrebbe avuto un ricordo nobile». La lettera porta la data del 6 gennaio 1951. Al momento i bozzetti non sono stati ritrovati e, dunque, non se ne conoscono le caratteristiche.
La mostra alla Magnani Rocca proporrà un’ampia selezione di sculture, dipinti e lavori grafici realizzati dai due artisti negli anni compresi tra il 1950 e il 1970, volta a documentare la loro fiduciosa apertura verso le molteplici lingue della modernità e la capacità dimostrata da entrambi nell’incontrare il gusto di un colto e sofisticato mercato internazionale. Apriranno il percorso due opere emblematiche, il Grande ritratto di signora di Manzù e il Cavaliere di Marino, la prima del 1946, la seconda del 1945. Introdurranno gli aspetti più importanti delle ricerche compiute dai due artisti, dal riferimento a Medardo Rosso per Manzù, alla questione della serialità posta dalle sculture di Marino. Accanto i temi maggiormente praticati da entrambi nei decenni presi in esame.
Oltre al tema della danza che li accomuna, oltre ai celebri cardinali di Manzù e ai giocolieri di Marino, una speciale attenzione verrà dedicata ai ritratti; non soltanto per sottolineare l’interesse che entrambi nutrirono nei confronti di questo genere artistico, ma anche per fornire una chiave di lettura della loro personalità attraverso i nomi degli artisti, dei galleristi, dei collezionisti che ne sostennero e accompagnarono il percorso artistico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cannes, tris di bionde per la Coppola

cinefilo

Cannes, tris di bionde per la Coppola Video

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester

MUSICA

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester Video

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

Notiziepiùlette

Ultime notizie

A Parigi, per dodici mesi tra paesaggi e ritratti

VIAGGI

Parigi val bene un weekend. Ecco i nostri consigli

di Luca Pelagatti

Lealtrenotizie

Parma-Piacenza 0-0

PLAY-OFF

Parma-Piacenza 1-0, Nocciolini! (La formazione crociata). Traffico in tilt, code in biglietteria (la viabilità)

Il programma dei quarti: tutte giocano alle 20.30. Solo il Pordenone sta ribaltando il risultato

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

3commenti

tg parma

Ladri e vandali al Palaciti Video

Incursione nella notte al palazzetto. I malviventi mettono tutto a soqquadro , danneggiano uffici e spogliatoi poi fuggono con scarpette da ginnastica e tute

anteprima gazzetta

Il voto a Parma, un "laboratorio" per tutta l'Italia

Nell'edizione di domani: bocconi avvelenati, scherzi pericolosi di ragazzini a Sorbolo e Traversetolo

gazzareporter

Scherzi a parte? No, via Montebello, strada dei parcheggi assurdi Foto

LA STORIA

Radio Deejay: love story autista bus - passeggera, impazza il gossip parmigiano

allarme

Sorbolo, "quei ragazzini che fingono di finire sotto le auto"

5commenti

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

Traversetolo

E sotto il futuro Conad spunta un villaggio neolitico

Lo scavo sotto il Torrazzo porta alla luce 32 strutture e 4 tombe risalenti al V millennio avanti Cristo

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

2commenti

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

1commento

furto

Se i ladri rubano le magliette dedicate a un amico scomparso....

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

13commenti

motori

Abarth Day, a Varano oltre 5 mila fan dello Scorpione

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

1commento

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Manchester, la famiglia di Abedi avvertì della sua pericolosità. Identificate le 22 vittime

1commento

visita

Trump dal Papa. Per Melania e Ivanka non solo Dolce Vita Gallery

SOCIETA'

cinema

A Cannes il ritorno di Irina (splendida e sexy) a due mesi dal parto

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

SPORT

formula 1

Gp di Monaco, è già sfida Vettel-Hamilton. E torna Jenson Button

CICLISMO

Giro, tappa a Rolland. Dumoulin sempre in rosa

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancora più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare