15°

Il ricordo

Bergonzi, Maestro scrupoloso e attento

Carlo Bergonzi

Carlo Bergonzi

0

Publichiamo questo ricordo del maestro Carlo Bergonzi scritto da Angela Spocci, per anni direttrice del Teatro Regio.

Si è conclusa nella notte di venerdì 25 luglio l’estrema recita del Maestro Carlo Bergonzi, proprio nelle ore, forse, in cui da indiscusso protagonista, lasciava il palcoscenico dei teatri di tutto il mondo. Pur avendo lavorato da molti anni in diversi teatri italiani, non ho avuto la possibilità di “averTi in compagnia” a decretare il successo di un titolo lirico, meglio se uno del Tuo conterraneo, “Il Maestro delle Roncole”.
Le due esperienze più incredibili di Te in veste di insegnante di canto e di cui vorrei fare un breve resoconto per i lettori di questa testata e per gli innumerevoli cultori bergonziani, riguardano “Aida” - andata in scena a Busseto nel 2001 nel piccolissimo Teatro e l’anno successivo “la Traviata” – sempre al Teatro “Verdi” della Tua città. In “Aida” collaborasti con Franco Zeffirelli per la regia e le scene, sul podio un giovane Direttore Massimiliano Stefanelli. “la Traviata” portava lo stesso impianto visivo ed accanto al Maestro Carlo Bergonzi ed a Franco Zeffirelli, volle essere sul podio Placido Domingo.
Torniamo ad Aida; i giovani artisti lirici che giunsero a Busseto, provenienti anche dalla Julliard School di New York che si andavano ad aggiungere alle voci italiane, erano veramente tanti; si ebbe la possibilità di andare in scena con ben tre compagnie di canto diverse.
I primi giorni Bergonzi, Zeffirelli e Stefanelli li trascorsero nel “lasciar cantare” i ragazzi ed io, che volevo accompagnare tutta la parte produttiva, ero presente sempre. Ero letteralmente terrorizzata e pensai: «Se andiamo in scena con costoro, rischiamo la pelle» e leggevo questa mia stessa preoccupazione anche negli occhi di coloro con i quali lavoravo.
Finalmente entrò in campo Bergonzi che, resosi conto della materia prima che aveva a disposizione, quasi la voce di ciascuno di loro fosse cera da modellare, iniziò un paziente, tenace e meticoloso lavoro di cesello. Al suo fianco in ogni prova vi erano sempre sia Zeffirelli e Stefanelli che parola dopo parola, accento dopo accento – accompagnati al gesto che doveva significare l’intenzione musicale espressa con la voce – scolpirono e fecero brillare quell’insieme di “materia grezza”.
Non sempre tutto filava liscio e, malgrado le spiegazioni verbali ripetute più volte, il risultato richiesto non si otteneva; allora Bergonzi cantava tutte le parti ed in questo ascolto stava il nostro massimo divertimento perché lui aveva il giusto colore per tutti i ruoli, ma soprattutto conosceva a memoria tutte le parole pronunciate sia dai solisti primari che comprimari, che dal coro.
Detta così, potrebbe risultare quasi un’ovvietà, ma se si lega questa sua profonda conoscenza del testo (o libretto) alla pressoché maniacale richiesta che lo stesso Bergonzi ripeteva agli allievi di costantemente usare la parola per trovare il giusto colore della voce, l’intonazione, l’accento corretto per ottenere la più aderente interpretazione del messaggio emotivo dell’autore, facilmente si può capire quanto lui – in primo luogo – avesse approfondito e fatto proprio il grande insegnamento verdiano dell’importanza della parola scenica.
In questo è individuabile la sua più grande eredità.
Quando poi l’allievo dimostrava di non aver ancora capito, “l’ultima spiaggia” era sempre l’esempio dell’upupa e qui gli sguardi dicevano: “Se non va così, non c’è più speranza alcuna”!
Il racconto era il seguente: “Giuseppe Verdi chiede al suo librettista di Macbeth di proporgli il nome di un uccello notturno da inserire nel testo del canto del coro che doveva incutere paura, terrore e morte ed povero Francesco Maria Piave, dopo innumerevoli ricerche e proposte, non sapendo più da che parte girarsi, suggerì a Verdi l’upupa che notoriamente è un uccello diurno, ma essendo la lingua italiana alquanto onomatopeica, nel pronunciare quelle lettere in accompagno alle note, il risultato si poteva ottenere!!!!”. Non è quindi un errore, bensì una scelta precisa, sia di natura drammaturgica che musicale, che lo stesso Verdi aveva fatto.
E questo Carlo lo sapeva benissimo! Credo (ma non ho mai osato chiederglielo direttamente) che lui abbia sempre e costantemente studiato, approfondito, scavato nei personaggi da lui interpretati riferendosi sempre e direttamente alla fonte – la partitura - e non accontentandosi mai dei risultati raggiunti, affinando, scoprendo un accento, un colore, un fiato, un legato che portavano ogni sua interpretazione più aderente alle volontà del compositore.
Ho intenzionalmente lasciato per ultimo, ed in chiusura, il ricordo della forza, della generosità e della passione, nonché della tenacia con le quali – da vero passionario – “letteralmente aggrediva” gli allievi. Ai suoi voleri questi si abbandonavano, non solo per rispetto deferente al Maestro, ma per un altro ben altro e più importante sentire: si rendevano conto che cantando come lui insegnava, cantavano assai meglio e con molto meno fatica.
Naturalmente sia “Aida” che “la Traviata” furono allora successo di pubblico e di critica ed ora anche discografico, tant’è che i dvd di entrambi – credo – siano fra i più venduti.
Un abbraccio ed un grazie, caro Carlo, sono certa che sei già alle prese con il coro degli Angeli che d’ora in poi canterà più intonato e con una dizione perfetta.
Angela Spocci

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia