-4°

LIBRI

Salpa la nave dei Vichinghi

Torna, con un nuovo titolo, il capolavoro di Bengtsson sugli «zingari del mare»

Salpa la nave dei Vichinghi
Ricevi gratis le news
0

Poco prima dell’anno Mille, in tutt’Europa, perfino nel grande Nord semideserto, si aggirano missionari in preda a un’ansia di conversione, che sarà detta, appunto, millenarista, e minaccia fiamme e castighi infernali, dopo l’imminente giudizio finale. Solo alcuni popoli non sembrano contagiati dal virus. Sono infatti troppo impegnati nelle guerre civili e nelle scorrerie primaverili-estive… Si tratta dei vichinghi. Quelli «meridionali», che vivono in Scania – ancora oggi la più europea regione svedese – puntano al Nord, dai parenti di Uppsala. Vorrebbero conquistarli, ma ne escono con le ossa rotte. Chi è rimasto a casa, dapprima recita elegie per i morti e poi si rallegra perché, da quelle parti, si dice che «meno siamo e meglio stiamo». I saggi osservano, infatti, che, con la diminuzione di asce e spade, ci saranno più terra per tutti e pesca e agricoltura prospere e pacifiche. Ma le teste calde del freddo Nord non sanno starsene ad aspettare che maturi il grano. E allora eccoli, i vichinghi, puntare per l’Inghilterra e l’Irlanda, per mettere a ferro e a fuoco quei paesi lontani. Dai quali arrivano anche le cristiane teste rasate, che vengono in pace coll’idea fissa di convertire i barbari.
Che all’inizio li trattano bene. Questi, infatti, regalano alle donne che si fanno battezzare una veste bianca e poi raccontano tante storie. Ma poi le vesti bianche finiscono e le storie si fanno noiose; le parole di pace diventano violente nei confronti dei vecchi dei. E allora, non resta altro, ai vichinghi, che prendere gli uomini dal capo rasato, impiccarli ai sacri frassini e darli in pasto agli uccelli di Odino. Fin quando – un’Estate – si sparge ovunque la notizia della conversione di re Harald Dente Azzurro. Il diretto discendente di Odino s’è fatto cristiano. E’ merito degli unguenti e delle preghiere di alcuni monaci, che han saputo guarirlo dal mal di schiena restituendogli il vigore d’un tempo. «Guai, però!» – l’hanno ammonito. Se non si farà cristiano, tornerà ad ammalarsi, stavolta senza speranza di guarigione…Re Harald ha obbedito, decretando che tutto il suo popolo si faccia battezzare e comminando severissime pene a chiunque sfiori i preti, anche con un dito. Logico che i preti si moltiplichino come conigli. Solo in Göinge, la regione delle foreste, le teste rasate non attecchiscono. Qui, i re vengono per cacciare i buoi selvatici e non per altra ragione. Visto che di buoi non ce n’è più, i re non hanno motivo per venire ancora. E allora, i buoni abitanti di Göinge, se vedono un prete, lo vendono subito al di là dei confini. Non vale molto, ma è meglio che niente…
Questo, in breve, lo scenario in cui si ambienta il capolavoro di Frans Gunnar Bengtsson, - scrittore e poeta svedese, originario della Scania - Röde Orm, Orm il rosso, pubblicato tra il 1941-45, oggi edito da Beat (traduzione di Lucia Savona, pagine 238, euro 13,90) col titolo di «Le navi dei vichinghi». Capolavoro della letteratura d’avventura mondiale, descrive tre viaggi immaginari – ma del tutto verosimili - compiuti da Orm il rosso, figlio di Toste, un normanno di Scania vagamente ipocondriaco. Una saga dai toni caricaturali ma dal respiro epico, che canta di guerre, tesori, imprese strabilianti di uomini e re, descrivendo, anche, con minuzia straordinaria, le vite intime e familiari delle genti del Nord, raccontando il ritmo delle stagioni, i matrimoni, le nascite, gli amori e il cuore misterioso delle donne. Bengtsson accoglie la lezione dei grandi scrittori europei dell’Ottocento e vi aggiunge un’ironia corrosiva. La sua è una ricostruzione storiografica accuratissima, che affronta con divertito distacco le grandi questioni etiche. Nella storia trova posto perfino un personaggio ebreo, che costituisce un pretesto per mettere a confronto col panteismo nordico le tre grandi religioni monoteiste: islam, cristianesimo ed ebraismo. Da osservare che, pur nell’ambientazione farsesca, la spiritualità del grande Nord non ne esce male.
Un particolare curioso è che proprio un coprotagonista del romanzo, re Harald Dente Azzurro si identifica con Harald Blåtand (Harold Bluetooth in inglese), ovvero re Aroldo I di Danimarca (901 – 985 o 986). Costui fu un abile diplomatico che unì gli scandinavi introducendo il cristianesimo in tutta la regione. Al nome del grande re unificatore si ispira il Bluetooth, ovvero la geniale tecnologia delle comunicazioni, che mette in contatto senza fili dispositivi diversi.
Le navi dei vichinghi
di Frans Gunnar Bengtsson
Beat editore, pag. 238, 13,90

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Emma Chambers

Emma Chambers

Gran Bretagna

Morta Emma Chambers, sorella di Hugh Grant in "Notting Hill"

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

INSTAGRAM

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Neve

MALTEMPO

Ancora neve: rischio gelate in Appennino, stasera stop ai mezzi pesanti in A1 e via Emilia

Disagi limitati in autostrada

APPENNINO

Rischio gelo: scuole chiuse a Bore, Bardi, Varsi e Berceto

CALCIO

Salernitana-Parma, non ci saranno Siligardi, Munari e Di Gaudio: parla D'Aversa Video

MONTICELLI

Si sentono male alla festa: 45 persone finiscono in ospedale a Parma

SALSO-BUSSETO

La neve non ferma la Sojasun Verdi Marathon: vincono Tariq Bamaarouf ed Elenora Gardelli Foto

WEEKEND

Tra sci, escursioni e tavole golose: l'agenda della domenica

SORBOLO

Il sindaco Cesari: "Bocconi avvelenati nel parco di via Bottego"

Il primo cittadino lancia l'allerta con un post su Facebook

Via Picasso

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

1commento

Attore

Addio a Poletti, recitò con Fellini

In treno

Violinista dimentica la valigia, «miracolo» della Polfer

GAZZAREPORTER

Domenica, ore 7: "Sta nevicando abbondantemente a Panocchia" Foto

VIADANA

Sequestrato un furgone carico di agnelli maltrattati

PARMA 2020

Capitale della cultura: svelati tutti i progetti

Ex Eridania

Rubata di nuovo la bacchetta di Toscanini

1commento

Traversetolo

I profughi spalano la neve: tregua tra Comune e Betania

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Confronti? No grazie. Meglio i monologhi

di Francesco Bandini

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

BRESCIA

Incendio in discoteca a Desenzano: 17 intossicati

MISTERO

Italiani scomparsi in Messico: arrestati 4 agenti della polizia locale

SPORT

Serie B

Empoli in testa all'ultimo istante. Cade il Frosinone. Solo il Bari ne approfitta. La Cremonese non scappa

2commenti

SPORT

Le 10 medaglie italiane a Pyeongchang 2018 Foto

SOCIETA'

il disco

1973: Edoardo Bennato spicca il volo

MODA

Borsalino, la finanza sequestra il marchio: si può vendere Foto: star di Hollywood

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day