12°

23°

Arte-Cultura

Piovra, tentacoli globali

Piovra, tentacoli globali
Ricevi gratis le news
0

di Christian Stocchi

Chiamatela cosa nostra. Oppure camorra. O, se vi pare, 'ndrangheta. Non importa. Non importano più queste distinzioni, che pure hanno un senso e una storia. Oggi la Mafia Spa è diventata un unico grande mostro dalle cento teste e dai mille artigli: divora i frutti un tempo incontaminati dell’economia, devasta senza pudore le praterie della democrazia. Se pensate alla mafia di un tempo, con quel fascino un po' romantico e sinistro, siete fuori strada. Perché oggi la mafia è una grande azienda, con un esercito di dirigenti, dipendenti e consulenti. Un’azienda che ha imparato a coniugare tradizione e modernità, legata al suo territorio e proiettata verso la globalizzazione. Pensate a Bernardo Provenzano, che «è stato trovato in una stalla mentre mangiava ricotta di capra, ma in quel periodo gestiva una delle più grandi ricchezze del pianeta». La mafia non parla più (solo) il dialetto delle sue terre. Riesce a introdursi nei salotti della finanza internazionale. Spesso non ha nemmeno bisogno di uccidere. Le basta comprare. E ormai può comprarsi davvero tutto: sa come corrompere poliziotti e funzionari pubblici, acquista televisioni e giornali, si introduce in banche, asl e comuni, assolda politici.E' allarmante l’analisi che l’ex parlamentare dell’Ulivo Elio Veltri e il magistrato Antonio Laudati propongono in un libro, «Mafia pulita» (Longanesi, 14,60 euro), documentato e coraggioso, che parte da alcuni personaggi-chiave per raccontare i meccanismi perversi e sottovalutati della criminalità organizzata.  L’Africano di Terrasini, classe 1947, sarebbe in realtà Vito Roberto Palazzolo. Sarebbe, perché si è «trasformato» in Robert Von Palace Kolbatschenko e oggi vive in Sudafrica. Finanziere nei primi anni Ottanta, legato a Riina e Provenzano, è stato condannato a nove anni per associazione mafiosa. Palazzolo, considerato «uno dei soggetti in libertà più pericolosi della comunità internazionale» (il ministro Castelli ne chiese l’estradizione nel 2001, la questione è ancora aperta), costituì per almeno vent'anni, secondo gli autori, una sorta di «cerniera tra il mondo imprenditoriale internazionale e Cosa Nostra nel settore del riciclaggio e del reinvestimento del denaro sporco». Il Nostro parla un inglese perfetto, ma, quando serve, usa il dialetto stretto delle sue terre; sapendo navigare assai bene nel mare magnum dell’economia, ha diversificato gli investimenti: dalle acque minerali ai diamanti, dall’alta finanza al traffico d’armi. In una parola: un professionista, un personaggio-simbolo della Mafia Spa. Ma Veltri e Laudati ci portano alla scoperta di altre figure significative, come «la pasionaria» Maria Licciardi «'a piccirella», cervello economico del suo clan, o Salvatore Morabito, il «facchino» che ogni giorno arrivava all’Ortomercato di Milano con una Ferrari 360...  Punto primo: «il patrimonio e i capitali accumulati fanno della Mafia Spa la prima azienda italiana per fatturato utile netto e una delle più grandi per addetti e servizi». Punto secondo: il villaggio globale non spaventa le organizzazioni criminali, perché hanno capito che, in un mondo in cui l’unico valore condiviso è il denaro, possono corrompere chiunque. Conclusione? Nemmeno la crisi internazionale è un problema, anzi: la mafia dispone di grandi liquidità. E approfitta delle difficoltà degli altri. La droga resta il cuore dei suoi affari. Poi ci sono la prostituzione, l’usura, le estorsioni, il gioco d’azzardo, gli appalti, il contrabbando. E non mancano nuove ghiotte occasioni, dall’immigrazione clandestina al traffico dei rifiuti. I clan italiani si specializzano, tengono contatti con l’estero, lasciando peraltro il lavoro più rischioso a mafie straniere (ad esempio, la prostituzione agli albanesi). L’organizzazione è articolata e consistente. «Siamo di fronte - spiegano gli autori - a un’industria criminale nella quale [...] lavorano addirittura il 27% degli abitanti della Calabria, il 12% dei campani, il 10% dei siciliani e il 2% dei pugliesi» (dati Direzione investigativa antimafia). La «Mafia pulita» sa investire con grande abilità nell’economia legale, inquinando così le aziende sane, anche nel Nord Italia. Soprattutto cerca di imporre nuovi modelli di organizzazione sociale: «La globalizzazione del crimine  più che una rivoluzione è un golpe strisciante».  Il male forse non è incurabile. La ricetta, anzi, sembra semplice. Attenzione: sembra. Innanzitutto occorre colpire le organizzazioni criminali nel cuore dei loro interessi, confiscandone i beni. Quindi, le parole d’ordine devono essere prevenzione e repressione. Per sconfiggere la mafia, dobbiamo toglierle qualsiasi forma di connivenza, anche indiretta. Perché se sai che «a Milano 120-130.000 persone fanno uso di cocaina» o se leggi che «sono oltre 50.000 le donne ridotte in schiavitù nel nostro Paese», non puoi non pensare a chi alimenta questi mercati. E allora servono buone leggi, certo. Servono istituzioni forti, non c'è dubbio. Ma serve soprattutto la «chiamata alle armi»  di ognuno di noi. Perché, come spiegava Indro Montanelli, ricordato dagli autori, «anche quando avremo messo a punto tutte le regole, ne rimarrà sempre una: quella che fa obbligo a ogni cittadino di regolarsi secondo coscienza».
Mafia pulita
Longanesi, pag. 251, 14,60

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Tagliati gli alberi, protestano i residenti

Sul Lungoparma

Tagliati gli alberi, protestano i residenti

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti: «Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere e gentiluomo

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

SIRIA

Raqqa è stata liberata Il video

SPORT

CHAMPIONS

Napoli battuto a Manchester: recrimina per un rigore sbagliato

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»