23°

32°

Arte-Cultura

Piovra, tentacoli globali

Piovra, tentacoli globali
Ricevi gratis le news
0

di Christian Stocchi

Chiamatela cosa nostra. Oppure camorra. O, se vi pare, 'ndrangheta. Non importa. Non importano più queste distinzioni, che pure hanno un senso e una storia. Oggi la Mafia Spa è diventata un unico grande mostro dalle cento teste e dai mille artigli: divora i frutti un tempo incontaminati dell’economia, devasta senza pudore le praterie della democrazia. Se pensate alla mafia di un tempo, con quel fascino un po' romantico e sinistro, siete fuori strada. Perché oggi la mafia è una grande azienda, con un esercito di dirigenti, dipendenti e consulenti. Un’azienda che ha imparato a coniugare tradizione e modernità, legata al suo territorio e proiettata verso la globalizzazione. Pensate a Bernardo Provenzano, che «è stato trovato in una stalla mentre mangiava ricotta di capra, ma in quel periodo gestiva una delle più grandi ricchezze del pianeta». La mafia non parla più (solo) il dialetto delle sue terre. Riesce a introdursi nei salotti della finanza internazionale. Spesso non ha nemmeno bisogno di uccidere. Le basta comprare. E ormai può comprarsi davvero tutto: sa come corrompere poliziotti e funzionari pubblici, acquista televisioni e giornali, si introduce in banche, asl e comuni, assolda politici.E' allarmante l’analisi che l’ex parlamentare dell’Ulivo Elio Veltri e il magistrato Antonio Laudati propongono in un libro, «Mafia pulita» (Longanesi, 14,60 euro), documentato e coraggioso, che parte da alcuni personaggi-chiave per raccontare i meccanismi perversi e sottovalutati della criminalità organizzata.  L’Africano di Terrasini, classe 1947, sarebbe in realtà Vito Roberto Palazzolo. Sarebbe, perché si è «trasformato» in Robert Von Palace Kolbatschenko e oggi vive in Sudafrica. Finanziere nei primi anni Ottanta, legato a Riina e Provenzano, è stato condannato a nove anni per associazione mafiosa. Palazzolo, considerato «uno dei soggetti in libertà più pericolosi della comunità internazionale» (il ministro Castelli ne chiese l’estradizione nel 2001, la questione è ancora aperta), costituì per almeno vent'anni, secondo gli autori, una sorta di «cerniera tra il mondo imprenditoriale internazionale e Cosa Nostra nel settore del riciclaggio e del reinvestimento del denaro sporco». Il Nostro parla un inglese perfetto, ma, quando serve, usa il dialetto stretto delle sue terre; sapendo navigare assai bene nel mare magnum dell’economia, ha diversificato gli investimenti: dalle acque minerali ai diamanti, dall’alta finanza al traffico d’armi. In una parola: un professionista, un personaggio-simbolo della Mafia Spa. Ma Veltri e Laudati ci portano alla scoperta di altre figure significative, come «la pasionaria» Maria Licciardi «'a piccirella», cervello economico del suo clan, o Salvatore Morabito, il «facchino» che ogni giorno arrivava all’Ortomercato di Milano con una Ferrari 360...  Punto primo: «il patrimonio e i capitali accumulati fanno della Mafia Spa la prima azienda italiana per fatturato utile netto e una delle più grandi per addetti e servizi». Punto secondo: il villaggio globale non spaventa le organizzazioni criminali, perché hanno capito che, in un mondo in cui l’unico valore condiviso è il denaro, possono corrompere chiunque. Conclusione? Nemmeno la crisi internazionale è un problema, anzi: la mafia dispone di grandi liquidità. E approfitta delle difficoltà degli altri. La droga resta il cuore dei suoi affari. Poi ci sono la prostituzione, l’usura, le estorsioni, il gioco d’azzardo, gli appalti, il contrabbando. E non mancano nuove ghiotte occasioni, dall’immigrazione clandestina al traffico dei rifiuti. I clan italiani si specializzano, tengono contatti con l’estero, lasciando peraltro il lavoro più rischioso a mafie straniere (ad esempio, la prostituzione agli albanesi). L’organizzazione è articolata e consistente. «Siamo di fronte - spiegano gli autori - a un’industria criminale nella quale [...] lavorano addirittura il 27% degli abitanti della Calabria, il 12% dei campani, il 10% dei siciliani e il 2% dei pugliesi» (dati Direzione investigativa antimafia). La «Mafia pulita» sa investire con grande abilità nell’economia legale, inquinando così le aziende sane, anche nel Nord Italia. Soprattutto cerca di imporre nuovi modelli di organizzazione sociale: «La globalizzazione del crimine  più che una rivoluzione è un golpe strisciante».  Il male forse non è incurabile. La ricetta, anzi, sembra semplice. Attenzione: sembra. Innanzitutto occorre colpire le organizzazioni criminali nel cuore dei loro interessi, confiscandone i beni. Quindi, le parole d’ordine devono essere prevenzione e repressione. Per sconfiggere la mafia, dobbiamo toglierle qualsiasi forma di connivenza, anche indiretta. Perché se sai che «a Milano 120-130.000 persone fanno uso di cocaina» o se leggi che «sono oltre 50.000 le donne ridotte in schiavitù nel nostro Paese», non puoi non pensare a chi alimenta questi mercati. E allora servono buone leggi, certo. Servono istituzioni forti, non c'è dubbio. Ma serve soprattutto la «chiamata alle armi»  di ognuno di noi. Perché, come spiegava Indro Montanelli, ricordato dagli autori, «anche quando avremo messo a punto tutte le regole, ne rimarrà sempre una: quella che fa obbligo a ogni cittadino di regolarsi secondo coscienza».
Mafia pulita
Longanesi, pag. 251, 14,60

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

spagna

Barcellona, la polizia: "Cellula smantellata". La Catalogna smentisce

SPORT

SERIE A

Higuain, Dybala, Mandzukic: la Juve travolge il Cagliari

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti