12°

MOSTRE

Artù, Merlino e il Santo Graal

Il leggendario sovrano negli affreschi e nelle sculture della fine del '300 custoditi a Castel Roncolo (Bolzano)

Re Artu e i cavalieri della tavola rotonda
0

Re Artù è arrivato a Castel Roncolo, vicino a Bolzano, dalla Britannia alla fine del XIV secolo portatovi dai fratelli Franz e NiklausVintler, ricchi mercanti bolzanini, finanziatori del Conte del Tirolo Leopoldo III d’Austria, i quali volevano mostrare la loro nobiltà facendo illustrare il maniero con le gesta dei cavalieri legati al ciclo arturiano, diffusissimo grazie ai libri di vari autori e soprattutto di Chrétien de Troyes. Così nelle stanze venivano raccontate visivamente le leggende di Garello di Vallefiorita, di Tristano e Isotta, di Vigalois ancor oggi visibili insieme ad altre scene che illustrano la vita nobiliare fatta di danze, tornei cavallereschi, giochi, caccia, pesca: un complesso di affreschi profani straordinari, tra i più importanti del Medioevo.
E quest’anno si è voluto celebrare il leggendario sovrano con la mostra «Artù a Castel Roncolo» (aperta fino al 2 novembre) che inizia già sulla facciata della Casa d’Estate, dove sulla balconata tra le triadi di eroi laici, biblici e cristiani dell’antichità troviamo anche Re Artù insieme a Carlo Magno e Goffredo di Buglione.
I «Nove Prodi» - una lista fissata dal poeta Jacques de Longuyon nel romanzo «Lesvoeux du Paon» (1312) – si trovano rappresentati in castelli italiani e tedeschi e anche negli arazzi; sono figure esemplari che incarnano le virtù del perfetto cavaliere: quei cavalieri le cui gesta vengono cantate nella letteratura e che sono considerati figure storiche. Con questi soggetti i Vintler lanciano un messaggio non solo culturale ma anche politico: quello della lealtà cavalleresca al loro signore.
Secondo la leggenda, Re Artù ha vissuto in Gran Bretagna tra il quinto e sesto secolo e si è valorosamente battuto contro gli Angli e i Sassoni per difendere la libertà delle popolazioni di stirpe celtica. In questa lotta era aiutato da valorosi cavalieri (i Cavalieri della Tavola Rotonda) protagonisti di eroici episodi, descritti in modi estremamente vari e fantasiosi dai romanzieri medievali. Il suo primo cantore è stato il canonico gallese Geoffrey di Monmouth autore della «Historia Regum Britanniae» (1138) da cui sono scaturite le successive leggende letterarie che hanno fatto di Re Artù la personificazione del Buon Governo. E nella mostra viene presentato un documento rarissimo: un frammento mai pubblicato della «Historia Regum Britanniae» risalente al XII secolo.
I cavalieri di Re Artù (che porta la corona) intorno alla celebre tavola rotonda sono stati affrescati nella prima metà del XIV secolo da un pittore che si è ispirato al romanzo «Garello di Vallefiorita» di uno scrittore denominato «il Pleier» (1230/40) ed è l’unico ciclo dipinto esistente su questo tema: Garello, cavaliere senza macchia e senza paura, affronta e sconfigge il re Ekunaver, che aveva rapito la regina Ginevra moglie di Artù (la quale aveva potato in dote la tavola rotonda) e media la riconciliazione tra i due sovrani.
In questa stanza si trova un camino realizzato intorno al 1390 con al centro lo stemma, apposto successivamente, dell’imperatore Massimiliano I.
La mostra si snoda attraverso le miniature dell’«Histoire de Merlin», romanzo dell’inizio del XIII secolo copiato a Saint Omer verso il 1280: infatti Merlino è il mago che ha avuto una notevole importanza nella vita di Artù, come suo consigliere.
Figlio di un demone che si è unito con una vergine, trama a favore del re Uther facendogli assumere le sembianze del duca di Cornovaglia Gorlois per giacere con la di lui moglie e generare Artù. Dopo la morte di Uther si poneva il problema della successione: sarebbe diventato re – secondo Merlino – soltanto chi fosse stato in grado di estrarre una spada conficcata nella roccia: la magica Excalibur.
Artù, inginocchiatosi di fronte alla roccia, riuscì nell’impresa e portò la spada nella cattedrale, deponendola sull’altare. Era lui il nuovo re. E qui vengono presentate varie spade tra cui una in bronzo risalente all’età del bronzo e una lamina d’oro a sbalzo di epoca longobarda.
La testa del re con la corona sul capo, scolpita nel 1370 in pietra arenaria, ci presenta un sovrano dal volto scarno con barba e corti baffi, con lo sguardo pensoso di chi ha gravi responsabilità. Nel corso del lungo racconto miniato la storia di Artù si intreccia con quella del Sacro Graal con alcuni cavalieri della Tavola Rotonda che partono alla ricerca della sacra, preziosa, magica coppa. Storie che mutano nel tempo secondo libere e fantasiose interpretazioni dei romanzieri.
Tra i fogli esposti troviamo un manoscritto, proveniente dall’abbazia di Stams, del romanzo «Garelvombluhenden Tal», un altro del «Wigalois» di Wirnt von Grafenberg e uno del «Tristano e Isotta» di Gottfried von Strassburg. Infine non si possono dimenticare le piccole frammentate testine ricche di espressiva incisività provenienti dal castello di Lichtenberg da cui giunge pure la deliziosa «Raccolta delle rose» effettuata da un distinto cavaliere e a due aggraziate nobili dame.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Si sveglia e trova l'auto devastata

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

3commenti

foto dei lettori

Borgo Giacomo: cadono le decorazioni Gallery

1commento

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

6commenti

tg parma

Parma, rinnovi per Baraye e Nocciolini. Scaglia in attacco a Salò?

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

POLizia

Campagna antitruffe “Non siete soli #chiamatecisempre” I consigli

1commento

scuola

Contro le bufale dei social, educare a informarsi bene

Incontro all'Ipsia Primo Levi con gli studenti di sei medie superiori di Parma e provincia

musica

Ottima prova zero: Parma dà il la a Elio e le Storie tese Video

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

4commenti

Finto tecnico

Truffa del termosifone: un'altra anziana raggirata

1commento

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

1commento

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

roma

Caso Cucchi: sospesi dal servizio i tre carabinieri accusati di omicidio

uno bianca

Alberto Savi dopo 23 anni esce in permesso premio. L'amarezza dei parenti delle vittime

3commenti

SOCIETA'

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

3commenti

libri

Esce in Giappone il nuovo libro di Murakami, un successo

SPORT

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

motori

Formula 1, svelata la nuova Ferrari SF70H Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia