-5°

Arte-Cultura

Verdi abita ancora qui

Verdi abita ancora qui
0

 Comunicato stampa 
 
 
Yuri Temirkanov inaugura il Festival Verdi 2009
 
A dare il via all’intenso calendario di eventi musicali (1 e 3 ottobre) sarà il Direttore Musicale del Teatro Regio di Parma Yuri Temirkanov, sul podio dei complessi del Teatro Regio e di un quartetto di eccellenti solisti di canto formato da Svetla Vassileva, Daniela Barcellona, Francesco Meli, Alexander Vinogradov, per un’eccezionale esecuzione della Messa da Requiem. Il capolavoro sacro verdiano sarà presentato anche a Busseto, con un’anteprima al Festival (28 settembre) e poi in concerto (4 ottobre) nella cornice, carica di memorie verdiane, dell’Insigne Chiesa Collegiata di San Bartolomeo Apostolo.  
 
 
I capolavori verdiani

 
Al carisma vocale del grande Leo Nucci, il Teatro Regio di Parma affida il debutto de I due Foscari, (2, 8, 11, 13, 16  ottobre) melodramma ispirato a Verdi dal romanticismo di Lord Byron e proposto nel nuovo spettacolo, coprodotto con ABAO di Bilbao e il Teatro Verdi di Trieste e  creato dal regista Joseph Franconi Lee, con scene e costumi di William Orlandi. A fianco del celebre baritono, il sicuro talento di Tatiana Serjan, Roberto De Biasio e Roberto Tagliavini, tutti affidati alla esperta bacchetta di Donato Renzetti. Alle recite di Parma seguiranno due repliche (23 e 25 ottobre) al Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” di Modena a consolidare e confermare il radicamento del Festival Verdi nelle terre del grande compositore.
 
L’opera che ha segnato la prima e folgorante affermazione verdiana, Nabucco, sarà proposta al Festival Verdi (12, 14, 18, 24, 28 ottobre) nella produzione del Teatro Regio, firmata dal regista Daniele Abbado, che ha appena riscosso uno straordinario successo al Festival di Wiesbaden. Insieme al Coro del Teatro Regio di Parma (maestro del coro è Martino Faggiani), sul podio dell’Orchestra del Regio di Parma ci sarà Michele Mariotti, giovanissimo direttore d’orchestra ormai impostosi per personalità e talento tra i nomi più importanti del panorama musicale, non solo italiano. Con due star del calibro di Dimitra Theodossiou e Leo Nucci, saranno impegnati Giovanni Meoni, Bruno Ribeiro, Giorgio Surian e Riccardo Zanellato.  
 
 
Un monumento all’arte di Giuseppe Verdi 
 
A riprova dello straordinario livello artistico delle produzioni del Festival Verdi 2009 I due Foscari, Nabucco, Messa da Requiem, saranno ripresi in digitale e ad alta definizione, per i diversi canali di distribuzione e trasmissione, dalla televisione al cinema al dvd, in collaborazione con prestigiosi partner internazionali, nell’ambito del progetto che prevede la registrazione dell’integrale verdiana per il bicentenario del 2013. 
 
 
Il Festival Verdi a Busseto
 
Con la Messa da Requiem diretta da Yuri Temirkanov in anteprima a Busseto il 28 settembre, la città natale del Maestro offre una ribalta unica ed esclusiva del Festival Verdi 2009. Tante le star del belcanto che si daranno appuntamento nel prezioso teatro dove Arturo Toscanini volle celebrare il primo centenario verdiano, con nove eventi previsti dopo l’eccezionale esecuzione della Messa da Requiem, il 4 ottobre, presso la Chiesa Collegiata San Bartolomeo Apostolo.
 
Lo scrigno architettonico del Teatro Verdi di Busseto si aprirà a un ciclo di recital e concerti che avrà per protagonisti i più acclamati interpreti verdiani della scena internazionale. Aprono il soprano Amarilli Nizza e il baritono Roberto Frontali (7 ottobre) a cui seguirà un quartetto di eccezionali solisti con il soprano Micaela Carosi, il mezzosoprano Veronica Simeoni, il tenore Vincenzo La Scola e il baritono Simone Piazzola impegnati  in un concerto verdiano (9 ottobre) con il  Coro e l’Orchestra del Teatro Regio di Parma diretti da Antonello Allemandi.  Nel giorno del 196° anniversario della nascita di Giuseppe Verdi il teatro di Busseto si aprirà per una serata d’onore dedicata al grande Carlo Bergonzi. Al baritono Bruno de Simone (12 ottobre) e al soprano Andrea Rost (14 ottobre) il compito di allargare ancor più l’orizzonte delle proposte musicali. Ancora un incontro di grandi voci con il concerto dell’Orchestra del Teatro Regio di Parma diretta da Matteo Beltrami ad accompagnare il soprano Chiara Taigi e il tenore Massimiliano Pisapia (15 ottobre). A Busseto sono attesi anche il tenore Saimir Pirgu (22 ottobre) e il soprano Daniela Dessi in duo con il tenore Fabio Armiliato (26 ottobre). Chiude l’esaltante sfilata di grandi voci un concerto (27 ottobre) accompagnato dall’Orchestra del Teatro Regio di Parma diretti da Donato Renzetti. Il Festival Verdi ritrova anche per questa edizione uno spazio unico ad arricchire il suo intenso calendario, nel mese in cui ricorre l'anniversario della nascita del grande compositore. 
 
 
Concerti al Teatro Regio di Parma
 
Nuovi talenti direttoriali al Festival Verdi 2009, col vincitore dell’ultima edizione del Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra “Arturo Toscanini” - Premio Giuseppe Sinopoli. Sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini (17 ottobre) sarà il giovane Darrell Ang a interpretare pagine di Giuseppe Verdi, Sergej Rachmaninov e Pëtr Il'ič Čajkovskij. Doppia bacchetta per un eccezionale concerto (21 ottobre) con Bruno Bartoletti e Donato Renzetti che si avvicenderanno sul podio per festeggiare l’ultimo decennale di attività dell’Orchestra del Teatro Regio di Parma.
 
 
Concerti all’Auditorium Niccolò Paganini
 
Sarà Carlos Izcaray, premiato all’ultima edizione del Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra “Arturo Toscanini” - Premio Giuseppe Sinopoli, a dirigere la Filarmonica Arturo Toscanini in un concerto (6 ottobre)  che spazia da Haydn alla musica d’oggi.
 
Ad approfondire il legame con le più alte espressioni della musica contemporanea, il Festival Verdi 2009 rinnova la collaborazione con la rassegna internazionale Traiettorie, promossa dalla Fondazione Prometeo.  Il prestigioso ciclo di appuntamenti sarà inaugurato con il celebre Klangforum Wien (15 ottobre). A seguire, il recital del poliedrico pianista Nicolas Hodges (23 ottobre) e gli appuntamenti con due tra le più rinomate formazioni del panorama mondiale: Ensemble Recherche (25 ottobre) e Österreichisches Ensemble für Neue Musik (27 ottobre). 
 
 
Parma in Festival - Il Festival Verdi in città
 
Come nello spirito che lo caratterizza, questo rinnovato Festival Verdi si trasforma in festa, riempiendo di verdianità, di colori, profumi e sapori, i borghi, le piazze, le vetrine, abbracciando la città nell’entusiasmo per la musica del Maestro con formule già apprezzate ed altre nuove, immergendosi per un mese fra la gente e, quest’anno più che mai, coinvolgendo le più importanti realtà della cultura cittadina nel loro prezioso impegno di ricerca, divulgazione, formazione ed educazione. Dall’Università al Conservatorio di Musica “A. Boito”, dall’Istituto Nazionale di Studi Verdiani all’Istituzione Casa della Musica, dai teatri di prosa e di ricerca alla Fondazione Arturo Toscanini, realtà queste che insieme fanno di Parma un luogo di speciale ricchezza.
E con queste, le istituzioni, i circoli musicali e le associazioni culturali e artistiche che sono un marchio caratterizzante di quella passione verdiana sorta dalle radici dell’entusiasmo popolare della città.
 
In questa effervescente invasione di un “Festival Verdi in città” avremo così sotto i Portici del Grano, di giorno e di sera, un salotto pubblico con dibattiti, dirette di opere, documentari e lezioni e mostre fotografiche, per vivere appieno il piacere della musica di Verdi. Ogni sera un momento diverso e stimolante che precederà l’appuntamento con la grande musica al Regio. Mostre, incontri e contributi scientifici daranno nuovi spunti di riflessione intorno alla musica verdiana.
 
Anche il teatro di prosa si vestirà di Verdi, al Teatro al Parco e a Teatro Due con un tuffo nel mondo shakespeariano tanto amato dal compositore e al Teatro Lenz con le stimolanti ricerche che si intrecceranno ai temi del Festival.
 
“Verdi tra noi” rilancia l’appuntamento al Ridotto del Teatro Regio con la musica e la vita del Maestro: trascrizioni per pianoforte e riduzione per formazioni cameristiche, incontri e letture, presentazioni. Un racconto giorno per giorno in musica, parole e immagini, a costituire un ideale calendario nel quale i giorni del Festival coincidono con quelli del catalogo delle opere di Verdi.
 
Né la musica sarà stretta fra le pareti del Teatro Regio, anzi invaderà letteralmente la città con gli “Angoli musicali”, dai quali gruppi cameristici faranno luccicare la musica verdiana per le strade, e non solo nel centro storico ma in tutti i quartieri, colorando di note le giornate del primo autunno.
 
Questa edizione del Festival sarà ancora una volta nel segno della vicinanza a coloro che non hanno la possibilità di andare incontro alla musica. Sarà la musica del Coro del Regio a raggiungere le case di cura, i circoli per anziani, l’istituto Circondariale: un’occasione rivolta a tutti coloro che hanno maggiori difficoltà ad essere parte del Festival.
 
È un Festival per i più giovani quello che idealmente si ritrova nella ricca proposta del Festival Verdi. Migliaia di bambini assisteranno alle recite loro dedicate di Imparolopera, i più piccoli potranno ancora vivere la magia de Il gioco dell’Opera. Con gli spettacoli, altre iniziative: un libro illustrato, una ricerca, un approfondimento scritto in linguaggio semplice e diretto, per dimostrare che è sempre il momento di conoscere Verdi.
 
 
Le tournée internazionali del Festival Verdi
 
A testimonianza della qualità e della forza del Festival Verdi a imporsi come punto di riferimento dell’interpretazione delle opere del grande maestro e delle sue produzioni, seguite con grande interesse da direttori artistici provenienti da tutto il mondo, ecco la recentissima e trionfale doppia trasferta del Teatro Regio di Parma in Germania e Cina nel nome di Giuseppe Verdi, interamente sostenute dai partner internazionali, rispettivamente il 19 e 20 maggio 2009 con Nabucco a Wiesbaden, per l’Internationale Maifestspiele (il Festival tedesco più antico dopo quello di Bayreuth) e il 18, 19, 20 e 21 giugno con Rigoletto al Nuovo Teatro Nazionale Cinese di Pechino, straordinario e imponente gioiello di vetro e titanio simbolo di tutte le novità della nuova Cina. Il successo è valso l’immediato invito a portare l’anno prossimo, nello straordinario teatro simbolo della nuova Pechino, addirittura due produzioni verdiane.
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

1commento

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

3commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo: i crociati provano a riprendere il volo Diretta

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

21commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

Rigopiano

Francesca che dall'ospedale aspetta il suo Stefano

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto