-2°

Arte-Cultura

Le follie liquefatte di Brown: «mostri», tra Bacon e Arcimboldo

Le follie liquefatte di Brown: «mostri», tra Bacon e Arcimboldo
0

di Manuela Bartolotti
E’ forse una delle maggiori promesse dell’arte contemporanea, già riconosciuto nella sua originalità ed efficacia espressiva con una mostra alla Tate Gallery di Liverpool e ora visibile fino al 4 ottobre alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino.
Possenti le creazioni del quarantatrenne Glenn Brown, caustiche e grottesche come un Bacon esasperato e a un tempo rovesciato. Perché quello che va disfacendosi in solchi di colore (volti, corpi, parti di essi), produce innumerevoli sembianze metamorfiche e oniriche. Quasi nubi o più complessi, grotteschi giochi d’Arcimboldo. I piedi sono volti, i volti sono roccia, magma. Brown riprende quadri famosi e li stravolge, li capovolge, dopo averli rielaborati al computer, rimeditati con le distorsioni di Photoshop, rimasticati con intitolazioni stranianti e inquietanti.

Distruggere l’apparenza per arrivare alla sostanza, ma una sostanza proteiforme e inquieta, dove non c’è soluzione. Le forme sono aggrappate alla materia che le crea e le dilania.Brown non copia, ma trae ispirazione più che dalla realtà concreta, dall’icona artistica, anzi dalla sua smorta e deprimente riproduzione fotografica, infedele e spenta. Così facendo la risuscita, agisce sulle scorie del tempo in maniera quasi chirurgica, con un intervento di restauro fantastico e surreale, attraverso fittissime pennellate, per dare il senso della carne viva, sotto una pelle d’infinite trame cromatiche.
Facendo riferimento a qualcosa che già esiste, elaborando l’esistente, contraffacendo la creazione altrui, riesce a sperimentare il nuovo. Il citazionismo, inevitabile nemico e limite dell’artista viene così semplicemente scavalcato affrontandolo e non negandone l’oppressiva presenza. Le figure rubate da Brown sono tessuti in elaborazione, i volti si sfaldano in panorami, in onde. L’arte è il luogo di un vero non ancora svelato, anzi spellato.

I modelli, le icone dell’arte sbiadite dalla riproduzione sono rigenerate, si fanno di carne per poi essere disfatte. Le scioglie causticamente, le libera dalle velature, le rende solubili, putrescibili, quindi vive. Egli disarciona la bellezza della forma per ridestarla in un colore ingarbugliato, fintamente espressivo, solo apparentemente grave, in realtà piatto come una stampa, un poster.
Partendo dalla più serena delle raffigurazioni – sia un vaso di fiori barocco, un ritratto di Fragonard - la conduce e la sconvolge con il mezzo digitale, per poi sacrificarla sotto fioccanti, scivolose pennellate finissime e la narcotizza in filamenti piatti, levigature.
Così si torna all’apparenza, violentata, scarnificata, liquefatta, ferita ma apparenza. Mentre la sostanza siamo noi che scopriamo.
E’ il nostro sguardo come nel Ritratto di Dorian Gray di Wilde. Si resta feriti da uno specchio infranto. Brown spezza quindi ricompone i frantumi, incolla i lembi, ma restano le crepe visibili, significanti.
In esse è tutto il bene e tutto il male possibile, una risata che si scioglie e inghiotte il bello e il brutto dell’esistenza in un agghiacciante, inesorabile memento mori.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Giochi

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

9commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

5commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

11commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti