21°

36°

Narrativa

Giuda, Cristo e quel bacio

Luca Doninelli racconta un rapporto che ha fatto storia nel romanzo «Fa' che questa strada non finisca mai». «La scommessa del mio libro riguarda l'estensione del concetto di amicizia»

Giuda, Cristo e quel bacio
0

E' possibile che perfino il tradimento possa lasciare in vita un grande affetto»? Se lo chiede lo scrittore Luca Doninelli nel suo nuovo libro in cui calandosi nei panni di un Giuda dubbioso di fronte alla figura del Cristo, disorientato dai suoi «miracoli» e dalla sua assoluta fermezza, tradisce per una forma di patriottismo in cui trionfa la logica secondo la quale un sogno non può diventare potere. Quello di Giuda è un caso di coscienza di portata universale perché riflette l’orgoglio e l’incubo di ogni singolo individuo di fronte alle grandi occasioni della vita. Luca Doninelli analizza il senso dell’amicizia e della fede, del sentimento e della comprensione, ma anche del travaglio interiore che assilla gli uomini che si confrontano con l’Assoluto, incapaci di percepirne l’umana divinità. Luca Doninelli, narratore e drammaturgo autore di numerosi libri, precisa che «Fa' che questa strada non finisca mai» (ed. Bompiani) pur essendo basato sulla vita di Gesù, non è un romanzo storico, ma la storia di un’amicizia mai «raccontata per intero dal Vangelo».

Doninelli, nei panni di Giuda per capirlo e anche riscattarlo attraverso filtri ideologici e letterari più congeniali al nostro tempo?
No. Penso che l’amicizia di cui parlo nel libro sia ben documentata nel Vangelo. Poi, certo, c’è l’invenzione letteraria, l’immedesimazione, che non è un ornamento ma un modo di vedere meglio, un sostegno allo sguardo. Il “mio” Giuda pensa di salvare il suo amico agendo a quel modo. Si accorge di avere fatto male perché, per compiere questa azione, lui è costretto a interrompere il dialogo con Gesù. Questo è il suo peccato, di cui il suicidio è una conseguenza.

Il suo libro racconta una grande storia d’amicizia vista nei suoi aspetti umani più intensi. Credo che un siffatto sentimento renda il suo libro attualissimo e Gesù e Giuda protagonisti di una querelle senza tempo. Che cosa insegna principalmente oggi la loro amicizia gratificata dall’amore, turbata dal tradimento, sublimata dal perdono?
L’amicizia profonda tra Gesù e Giuda è ben documentata dal Vangelo. Nell’ultima cena Gesù rivolge a Giuda parole che gli altri non capiscono, segno che tra i due c’è un forte dialogo personale. Inoltre Giovanni appare geloso di Giuda, gli dà del ladro, si sente insidiato nel suo rapporto preferenziale con il Nazareno. Gesù sa bene che Giuda non riesce ad aderire alla sua concezione delle cose, ma lo ama lo stesso fino alla fine, e sospetto che il più grande dei suoi dolori non siano le ferite dei chiodi, ma il pensiero del suo amico.

Chi è veramente Giuda?
Giuda è un legalista, un contabile della religione, uno che alla religione chiede soprattutto pace, tranquillità, quieto vivere, insomma un precursore dell’etica kantiana. Affascinato da Gesù, non ne accetta la dismisura. Non voglio anticipare nulla del libro, che peraltro non è un libro “a tesi”, e si nutre com’è giusto di vibrazioni, titubanze, intermittenze. Posso dire che la scommessa del libro riguarda proprio l’estensione dell’amicizia: può un affetto umano abbracciare realmente (ossia non per modo di dire) una differenza così radicale? Può il perdono arrivare fino a quel punto?

Il suo Giuda è l’uomo titubante e incredulo che ancora si moltiplica nel mondo?
L’uomo titubante e incredulo appartiene al Novecento, a uomini che pativano la vergogna di essere sopravvissuti alle catastrofi del Secolo Breve. I romanzi del secondo dopoguerra sono pieni di gente così, da Pavese a Camus a Saul Bellow. Al contrario, Giuda non è titubante: ha una precisa visione del mondo, ha un pensiero, così come Gesù ha un pensiero. E non vuole cambiare il proprio modo di vedere le cose. Questo fatto - il fatto di avere un pensiero - unisce imprevedibilmente i due amici: ciascuno dei due cerca di rispondere alle stesse domande. Il potere delle tenebre è un’altra cosa: è il non-pensiero, è la sostituzione del pensiero con lo slogan, con il proclama, oppure con il dubbio sistematico (che nella storia ha prodotto molta violenza), con la furbizia, con la ricerca di un posizionamento nel mondo.

Giuda non pronuncia mai la parola miracolo. Perché questa reticenza?
Giuda riconosce la prima parte del miracolo, sa la differenza tra “è accaduto” e “non è accaduto”. Ma per riconoscere il miracolo bisogna essere poveri nel profondo, sapere che noi siamo e non saremo mai gli artefici del nostro bene. Sapere questo è cosa dura per tutti, anche per chi pensa di essere il più cristiano dei cristiani.

Fa' che questa strada non finisca mai
   di Luca Doninelli - Bompiani, pag. 140, € 12,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

francia

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

Fabio Fazio, in una foto d'archivio

Tv

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

elefantino che rincorre gli uccelli

natura

L'elefantino che rincorre gli uccelli Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Esce di strada a Samboseto: 75enne morto sul colpo

Tg Parma

Samboseto, 75enne esce di strada e muore Video

polizia

Minacciato con coltello, sequestrato e rapinato in stazione: in carcere due dei tre aggressori Video

8commenti

mercato

Cassano: "Vorrei riportare il Parma in A" Audio Faggiano: "Fantantonio qui? Non lo escludo" Video

4commenti

Protezione civile

Ondata di caldo: allerta "arancione" fino a domenica - I consigli - Video

2commenti

Anteprima Gazzetta

Domenica il voto, appello a recarsi alle urne

GUARDIA DI FINANZA

Guardia di finanza: in 5 mesi scoperti 20 evasori totali. Tutti i numeri della Gdf

Durante la cerimonia del 240° della fondazione del Corpo 

polizia

Ladri scatenati, doppio colpo: presi di mira una tabaccheria e una ditta

sorbolo levante

Folla e commozione per i funerali di Matteo

Il 42 enne stroncato da un malore martedì dopo il calcetto

emergenza

Via Giovenale, via Muratori, piazzale Erodoto in balia dei vandali/ladri di automobili

3commenti

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

teatro

Debutto sold out per l'Arena Shakespeare (Teatro Due) - Gallery

Università

Una sala di preghiera per gli studenti di religione musulmana

Nel plesso di via d'Azeglio

2commenti

Incendio

«La mia casa a un passo dal rogo»

Piazza Garibaldi

Pizzarotti-Scarpa, incontro/scontro, scintille e...immagini - Gallery (e battute)

2commenti

ballottaggio

Ghirarduzzi (M5S): "Votate Scarpa". E scoppia la polemica

Ma Grillo precisa: "Noi non diamo indacazioni di voto, nei Comuni dove non ci sono nostri candidati"

5commenti

siccità

Il governo decreta emergenza idrica a Parma e Piacenza Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Maturità, temi lontani dalla realtà della scuola

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

Mondo

La Grenfell Tower in fumo per un frigorifero Video

Afghanistan

Cecchino canadese uccide un jihadista a 3.5 Km di distanza

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

Calcio

Messi, convertita in multa (455 mila euro) la condanna per frode fiscale

calcio

Rivoluzione: la U20 cinese giocherà la serie D tedesca

MOTORI

SERIE SPECIALE

695 Rivale Abarth: lo scorpione sullo yacht...

novità

Volkswagen Arteon, salutate l'ammiraglia