13°

31°

Arte-Cultura

Un petalo, di nome Babette

Un petalo, di nome Babette
0

di Pier Paolo Mendogni

Rosa fresca aulentissima ch’apari inver' la state,/ le donne ti desiano, pulzell'e maritate», così in uno dei primi componimenti in lingua italiana nel Duecento il poeta giullaresco siciliano Cielo d’Alcamo rende omaggio al fiore per eccellenza, la rosa «riso d’amor, del ciel fattura» per Giambattista Marino. Fin dall’antichità la rosa con la sua forma calda e sensuale, i suoi petali carnosi, il suo brillante colore, il suo inebriante profumo ha affascinato l’umanità che l’ha ritenuta sacra ad Afrodite, la dea della bellezza; e la leggenda dice che il fiore in origine fosse bianco ed è diventato rosso quando sui suoi petali sono cadute alcune gocce del sangue di Venere, puntasi ad un piede con una spina.
Per i greci la bellezza accomunava spirito e corpo e il cristianesimo ha fatto della rosa uno dei simboli più celebrati di Maria Vergine «rosa mistica», «rosa senza spine» per ricordare la sua natura immacolata, senza peccato. Il colore rosso, come il sangue, e le spine sono stati associati al martirio, alla sofferenza, il colore bianco alla purezza nell’iconografia religiosa mentre in quella laica il fiore ha assunto il significato di bellezza, amore, passione. Mistica e sensuale la rosa, protagonista di tanti dipinti e di opere d’arte decorativa, viene celebrata nel Cuneese in una singolare e sorprendente mostra intitolata «Rose.
Purezza e passione nell’arte dal '400 a oggi», allestita nel suggestivo scenario del Filatoio Rosso di Caraglio (fino al 25 ottobre) e curata da Andreina d’Agliano e Alberto Cottino in collaborazione con Roberta Orsi Landini e Carlo Sisi (catalogo Silvana Editoriale). I diversi ambiti in cui la rosa è stata protagonista nel corso dei secoli scandiscono il percorso della piacevole rassegna che si apre con la simbologia religiosa, soprattutto in ambito mariano: rose dorate brillano nel manto azzurro della Madonna col Bambino del Guardiagrele (ante 1422). Una siepe di candide rose delimita parte del giardino in cui siede Maria, con in braccio il Bimbo, sotto un baldacchino sorretto da angeli; al suo fianco una fontana d’acqua pura completa questa onirica scena descritta da Jan Provost (1512). Splendida nella sua altera raffinatezza la Madonna di Gerolamo Bedoli Mazzola, seduta con in grembo, semidisteso, il Bimbo nudo con un braccialetto di corallo che orna il braccino posato sul globo mentre con l’altra mano tiene una rosa, simbolo d’amore ma anche del futuro dolore. Un Bimbo vispetto incorona di rose la madre Regina del Rosario (Giovan Battista Poggi 1615) e Jan Brueghel II irradia di tenere rose un angolo di un verdissimo paesaggio paradisiaco in cui il Bimbo gioca felice con angioletti che recano canestri di frutta e fiori. Anche le sante col nome floreale di Rosa da Lima, Rosalia hanno corone e ghirlande.
Nel Seicento la rosa allegorica è stata utilizzata in ambito profano, spesso come simbolo della pienezza della vita dei sensi in contrasto col futuro che attende l’uomo (vecchiaia, morte): Guido Cagnacci lo fa con una giovane sensuale, pressoché nuda, dal seno turgido che in una mano tiene il fiore e nell’altra la clessidra con sotto un teschio; l’olandese Van der Hecken ricorre alla natura morta per ricordare che vicino alla rosa c'è il limone che si decompone; la «ragazza» di Giuseppe Maria Crespi ha in braccio un gatto nero e con le dita tocca le spine, allusive alle punture d’amore. Nei ritratti la rosa ha spesso una funzione ornamentale: così arricchisce la complessa e fantasiosa acconciatura, insieme a preziosi gioielli, di Maria Farnese, moglie del duca Francesco I d’Este, effigiata nel 1638 da Nicolas Régnier con uno splendido abito di raso nero con ricchissimi pizzi. Per i parmigiani, e non solo, desta un notevole interesse l’inedito «Ritratto di Madama Reale Luisa Elisabetta, primogenita di Francia, figlia di Luigi XV, duchessa di Parma, Piacenza e Guastalla» eseguito nel 1748 da Pierre Subleyras: la giovane duchessa indossa un elegante vestito di seta bianca sfarzosamente decorato con ricami di rose e altri fiori: l’identificazione è suffragata dalla miniatura di don Filippo di Borbone, il marito, che tiene nella mano sinistra. Disinvolta e seducente la Beatrice van Bylandt di Giovanni Boldini (1901) con la rose sul cappello, mentre De Chirico si ritrae con una rosa sfiorente su un libro. Le rose trionfano nelle nature morte italiane e fiamminghe dal Seicento al Novecento (qui da von Tamm e Bartolomeo Bimbi a Balla, Morandi fino a Gribaudo e Kounellis), e negli arcadici giardini di Boucher e di Vigée-Lebrun; ma anche negli arredi, dalle superbe console barocche ai tavoli settecenteschi e liberty, alle specchiere, alle porcellane di Meissen, Sèvres, Doccia, ai vasi francesi e veneziani, ai tessuti, agli incantevoli gioielli con rose di diamanti, corallo, argento, oro, plastica e vetro, rubini. Cosa ha di bello una rosa sfiorita? - canta Riccardo Cocciante - cosa ha di bello una rosa appassita? Ha che è sempre una rosa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica pomeriggio al Colle San Giuseppe

FESTE

Un pomeriggio al Colle... foto

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

1commento

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Ruspe al lavoro nel laghetto del Ducale (1995)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«+50 no limits» Idee e proposte per i migliori anni

INIZIATIVE

«+50 no limits»: idee e proposte per i migliori anni

Lealtrenotizie

Una lettrice: "Un uomo nudo nel piazzale della stazione"

Parma

Una lettrice: "Stazione, un uomo nudo nel piazzale ma nessuno interviene"

11commenti

PARMA

Secondo caso di tubercolosi al Rondani: studente ricoverato al Maggiore

Il ragazzo, minorenne, è in buone condizioni di salute

1commento

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

8commenti

PARMA

Ruba una borsetta nella chiesa dell'Annunziata: inseguita e bloccata 56enne parmigiana Video

Carabinieri

Spaccio a domicilio: arrestato 30enne a Sorbolo

CASALTONE

Auto esce di strada e si ribalta: ferita una ragazza

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

INCIDENTE

Scooter contro auto nel Piacentino: morto 29enne portato al Maggiore

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

3commenti

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

MONZA

Ragazza violentata per anni e sequestrata per punizione: 24enne in manette

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

Gazzareporter

"En passant", crepuscolo parmigiano

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

1commento

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover