20°

33°

Arte-Cultura

Un petalo, di nome Babette

Un petalo, di nome Babette
Ricevi gratis le news
0

di Pier Paolo Mendogni

Rosa fresca aulentissima ch’apari inver' la state,/ le donne ti desiano, pulzell'e maritate», così in uno dei primi componimenti in lingua italiana nel Duecento il poeta giullaresco siciliano Cielo d’Alcamo rende omaggio al fiore per eccellenza, la rosa «riso d’amor, del ciel fattura» per Giambattista Marino. Fin dall’antichità la rosa con la sua forma calda e sensuale, i suoi petali carnosi, il suo brillante colore, il suo inebriante profumo ha affascinato l’umanità che l’ha ritenuta sacra ad Afrodite, la dea della bellezza; e la leggenda dice che il fiore in origine fosse bianco ed è diventato rosso quando sui suoi petali sono cadute alcune gocce del sangue di Venere, puntasi ad un piede con una spina.
Per i greci la bellezza accomunava spirito e corpo e il cristianesimo ha fatto della rosa uno dei simboli più celebrati di Maria Vergine «rosa mistica», «rosa senza spine» per ricordare la sua natura immacolata, senza peccato. Il colore rosso, come il sangue, e le spine sono stati associati al martirio, alla sofferenza, il colore bianco alla purezza nell’iconografia religiosa mentre in quella laica il fiore ha assunto il significato di bellezza, amore, passione. Mistica e sensuale la rosa, protagonista di tanti dipinti e di opere d’arte decorativa, viene celebrata nel Cuneese in una singolare e sorprendente mostra intitolata «Rose.
Purezza e passione nell’arte dal '400 a oggi», allestita nel suggestivo scenario del Filatoio Rosso di Caraglio (fino al 25 ottobre) e curata da Andreina d’Agliano e Alberto Cottino in collaborazione con Roberta Orsi Landini e Carlo Sisi (catalogo Silvana Editoriale). I diversi ambiti in cui la rosa è stata protagonista nel corso dei secoli scandiscono il percorso della piacevole rassegna che si apre con la simbologia religiosa, soprattutto in ambito mariano: rose dorate brillano nel manto azzurro della Madonna col Bambino del Guardiagrele (ante 1422). Una siepe di candide rose delimita parte del giardino in cui siede Maria, con in braccio il Bimbo, sotto un baldacchino sorretto da angeli; al suo fianco una fontana d’acqua pura completa questa onirica scena descritta da Jan Provost (1512). Splendida nella sua altera raffinatezza la Madonna di Gerolamo Bedoli Mazzola, seduta con in grembo, semidisteso, il Bimbo nudo con un braccialetto di corallo che orna il braccino posato sul globo mentre con l’altra mano tiene una rosa, simbolo d’amore ma anche del futuro dolore. Un Bimbo vispetto incorona di rose la madre Regina del Rosario (Giovan Battista Poggi 1615) e Jan Brueghel II irradia di tenere rose un angolo di un verdissimo paesaggio paradisiaco in cui il Bimbo gioca felice con angioletti che recano canestri di frutta e fiori. Anche le sante col nome floreale di Rosa da Lima, Rosalia hanno corone e ghirlande.
Nel Seicento la rosa allegorica è stata utilizzata in ambito profano, spesso come simbolo della pienezza della vita dei sensi in contrasto col futuro che attende l’uomo (vecchiaia, morte): Guido Cagnacci lo fa con una giovane sensuale, pressoché nuda, dal seno turgido che in una mano tiene il fiore e nell’altra la clessidra con sotto un teschio; l’olandese Van der Hecken ricorre alla natura morta per ricordare che vicino alla rosa c'è il limone che si decompone; la «ragazza» di Giuseppe Maria Crespi ha in braccio un gatto nero e con le dita tocca le spine, allusive alle punture d’amore. Nei ritratti la rosa ha spesso una funzione ornamentale: così arricchisce la complessa e fantasiosa acconciatura, insieme a preziosi gioielli, di Maria Farnese, moglie del duca Francesco I d’Este, effigiata nel 1638 da Nicolas Régnier con uno splendido abito di raso nero con ricchissimi pizzi. Per i parmigiani, e non solo, desta un notevole interesse l’inedito «Ritratto di Madama Reale Luisa Elisabetta, primogenita di Francia, figlia di Luigi XV, duchessa di Parma, Piacenza e Guastalla» eseguito nel 1748 da Pierre Subleyras: la giovane duchessa indossa un elegante vestito di seta bianca sfarzosamente decorato con ricami di rose e altri fiori: l’identificazione è suffragata dalla miniatura di don Filippo di Borbone, il marito, che tiene nella mano sinistra. Disinvolta e seducente la Beatrice van Bylandt di Giovanni Boldini (1901) con la rose sul cappello, mentre De Chirico si ritrae con una rosa sfiorente su un libro. Le rose trionfano nelle nature morte italiane e fiamminghe dal Seicento al Novecento (qui da von Tamm e Bartolomeo Bimbi a Balla, Morandi fino a Gribaudo e Kounellis), e negli arcadici giardini di Boucher e di Vigée-Lebrun; ma anche negli arredi, dalle superbe console barocche ai tavoli settecenteschi e liberty, alle specchiere, alle porcellane di Meissen, Sèvres, Doccia, ai vasi francesi e veneziani, ai tessuti, agli incantevoli gioielli con rose di diamanti, corallo, argento, oro, plastica e vetro, rubini. Cosa ha di bello una rosa sfiorita? - canta Riccardo Cocciante - cosa ha di bello una rosa appassita? Ha che è sempre una rosa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salvador Dalì, a 28 anni dalla morte i celebri baffi intatti

Spagna

A 28 anni dalla morte i baffi di Salvador Dalì sono intatti

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata a Parma

Parma

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata 

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

Inchiesta sulle bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

Noceto

Quella croce che protegge la valle di Cella

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

Soragna

I residenti contrari all'arrivo dei profughi

PARMA

Lite al parco di via Milano: magrebino ferisce italiano con le forbici Video

1commento

ANTEPRIMA GAZZETTA

Bollette anomale e strani anticipi da pagare: le storie sulla Gazzetta di Parma

weekend

Feste campestri, cavalli e silent party: l'agenda del sabato

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

4commenti

carabinieri

Pusher in viale Vittoria: un lettore fotografa il blitz La sequenza

3commenti

incidente

Scontro fra una moto, due auto e un camion in via Traversetolo: un ferito grave

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

TORINO

Figlio muore sul Cervino, la madre discute la  tesi Video

grecia

Scossa di 6,7: due turisti morti e 200 feriti a Kos Foto Video

SPORT

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

SOCIETA'

MANTOVA

Amiche muoiono per un incidente in scooter. Quell'ultimo video su Fb

Era qui la festa

Sorbolo: facce da... girone dei golosi Foto

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

EMISSIONI

Anche Audi gioca d'anticipo: interventi su 850mila diesel